Crozza a Ballarò: "Manca| lo spirito del Natale" - Vd - Live Sicilia

Crozza a Ballarò: “Manca| lo spirito del Natale” – Vd

Ultimo appuntamento dell'anno con "Ballarò". Ad aprire il programma condotto da Giovanni Floris è, come sempre, Maurizio Crozza. Il comico genovese veste i panni di Giorgio Napolitano: "Ora mi chiedete un passo indietro mentre prima mi avevate chiesto un passo in avanti: sono i segni tipici della lambada. Se volete balliamo". Crozza fa una riflessione sull'atmosfera "poco natalizia" che ci circonda: "C'è un clima che se mi entra uno dal camino coi capelli lunghi e la barba bianca, lo scambio per Beppe Grillo e lo mando affan... prima che apra il sacco!". "L'unico che in questo paese sta veramente incarnando lo spirito natalizio è Alfano - prosegue il comico ligure - Ieri rivolgendosi ai boss mafiosi ha dichiarato 'Se provano ancora a far uscire informazioni o comunicazioni dalle carceri, lo Stato è pronto ad inasprire il 41bis'... C’è un clima più disteso tra Stato e mafia che tra Stato e piazza". In chiusura, gli auguri a Papa Francesco che oggi compie 77 anni: "Questa settimana il 'Time' lo ha nominato uomo dell'anno, ha vinto sul filo di lana con Gattuso...peccato lui ci aveva scommesso".

1 Commenti Condividi

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Se fossi un angelo chiederei a Babbo Natale di iniettare tanta onesta ai potenti e tanta saggezza affinchè si inverta la rotta verso un mondo più giusto.
    La società ha l’obbligo di garantire i cittadini onesti e di sanzionare chi sbaglia e non al contrario.
    La società va rimessa nel verso naturale oggi è tutto innaturale sarà stata colpa della mucca pazza…………………. !?
    Intanto la classe politica non può continuare a fare orecchi da mercante prima o poi il cetriolo arriva anche per loro nelle loro case d’orate.
    Ognuno deve fare il proprio dovere se ci vogliamo salvare dalla catastrofe già avviata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.