Dalla Ue 196,8 milioni per completare la Siracusa-Gela - Live Sicilia

Dalla Ue 196,8 milioni per completare la Siracusa-Gela

AUTOSTRADE
di
3 Commenti Condividi

Johannes Hahn, Commissario europeo per la Politica regionale, ha confermato oggi la decisione della Commissione di destinare 196,8 milioni di euro all’Italia per completare le rimanenti tratte dell’autostrada Siracusa-Gela, un’arteria di importanza vitale per la Sicilia meridionale. La sovvenzione proviene dal Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr). “Questo progetto – ha commentato Hahn – è un ulteriore esempio positivo del valore aggiunto dell’Ue sul campo: la nuova tratta autostradale contribuirà a migliorare le condizioni di vita della popolazione, abbattendo drasticamente i tempi di percorrenza e aumentando la competitività della Regione”. Un tracciato di 40 chilometri dell’autostrada è già operativo tra Siracusa e Rosolini. Il progetto consiste nella costruzione di altri 19,8 km tra Ispica e Modica. L’obiettivo è di migliorare i collegamenti nella parte meridionale dell’isola; ridurre i tempi di percorrenzae completare l’anello autostradale attorno alla Sicilia. L’Ue contribuirà con 196,8 milioni di euro su un costo totale pari a 339,7 milioni. Il beneficiario del progetto è il Consorzio per le Autostrade siciliane (Cas), concessionario della rete autostradale, sotto il controllo della Regione Sicilia. L’investimento deriva dal programma Fesr destinato alla Sicilia per il periodo 2007-2013. Sotto la priorità “reti di trasporto e mobilità”, l’Ue sostiene l’ampio piano regionale di migliorare la mobilità e l’accesso a beni, con il dovuto rispetto per l’ambiente.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Relativamente all’autostrada SR-GELA, siamo un gruppo di funziona-ri del versante Nisseno (Gela, Butera, Niscemi), e ci spostiamo quotidianamente per lavoro nelle province di Ragusa e Siracusa. Cosa fanno i nostri rappresentanti istituzionali, e cioè ammini-stratori locali, nonchè politici regionali e nazionali, per sbloc-care finalmente questa infrastruttura autostradale, importantissi-ma per il progresso, anche da questo versante della Provincia di Calt/tta, affinchè i lavori possano finalmente partire contestualmente pure da Gela (ovviamente previ gli altri adempimenti), onde incentivare (sicuramente!) lo sviluppo economico, culturale, turistico etc. di queste (le nostre e loro) popolazioni, e renderci così migliore (lor compresi) la qualità di vita? Anche gli antichi Romani annettevano primaria importanza alle infrastrutture, convinti che la chiave, il segreto dello sviluppo dei popoli risiede solo in due cose (affermavano): e cioè acqua e comunicazioni (il resto viene dopo automaticamente), e ciò addirittura 2.000 anni fa! Infatti “in primis” costruivano acquedotti e strade: le famose CONSOLARI (APPIA, AURELIA, che attraversava persino la Francia, la Flaminia le Alpi, etc.). Signori amministratori e politici della nostra provincia di Caltanissetta, datevi dunque finalmente SUBITO una scossa anche voi; agite, come stanno facendo dall’altra parte i vostri omologhi e bravi RAGUSANI (riuscendoci), e vogliamo risposte…concrete!!

    Non possiamo che gioire per questa bella notizia che arriva dalla CEE. Ma siamo davvero sicuri che questo fiume di denaro (si badi, dei contribuenti) arriverà tutto per intero a destinazione, o piuttosto qualche squalo (o più)ne farà scempio? E poi chi lo gestirà, posto che nel passato certi precedenti amministratori degli enti delegati (v. Regione e CAS) hanno dato un pessimo esempio al riguardo, senza pagarne lo scotto? Dunque signori magistrati, subito all’erta!! Vigilanza, vigilanza e vigilanza; e se necessario, fate scattare – e subito – la salutare GALERA (l’unico rimedio contro i corrotti) per i (soliti) sciacalli, ladri di Stato!

    Sconsolante! Nessun intervento.
    Ma se così è, dov’è la sensibilità civica della popolazione?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *