Dai Collegi alle Macalube | L'assalto all'ex tabella H - Live Sicilia

Dai Collegi alle Macalube | L’assalto all’ex tabella H

In commissione bilancio piovono 80 emendamenti all'articolo 28 della Finanziaria, che prevede una riedizione "ristretta" del vecchio elenco di enti e associazioni. E si trova di tutto: dagli istituti per disabili alle miniere, dallo sport ai Centri culturali esclusi dal governo.

21 Commenti Condividi

PALERMO – Settantanove per il ventotto. È la formula magica che darà il via al nuovo “assalto alla diligenza”. Il “28” è uno degli articoli più discussi della Finanziaria regionale in discussione in questi giorni all’Ars. Il “79” sta invece per gli emendamenti presentati. A un solo articolo. Quello che prevede, per intenderci, una serie di “leggi di spesa”. E che ha fatto, in sostanza, rinascere una “mini-tabella H”, con finanziamenti destinati a enti considerati inutili dallo stesso Crocetta, come il Cerisdi ed escludendone altri. Enti eslcusi che, però, potrebbero rientrare nella corsa ai finanziamenti. In molti casi si tratta di sogetti che svolgono attività meritorie e importanti, come quelle rivolte ai disabili. Ma tra i 79 si trova davvero di tutto. Ogni ente, ogni “categoria”, insomma, trova un santo in Paradiso. O, un pò più in basso, cioè a Palazzo dei Normanni. A dire il vero, altre voci di spesa saranno previste nel cosiddetto “Allegato 1”. Ma quella è un’altra storia. Gli emendamenti proposti (79 sugli oltre 600 previsti) puntano a fissare proprio nell’articolato della Fiananziaria quello specifico contributo. Rendendolo così più “stabile”.

Così, ecco ad esempio la richiesta dei deputati Pd e Alloro di aumentare dai 2 ai 3 milioni i finanziamenti per le associazioni zootecniche. Mentre più parlamentari hanno a cuore le associazioni che si occupano dei non vedenti. È il caso ad esempio di Nino Dina e Lino Leanza che hanno chiesto di rimpinguare i capitoli destinati all’associazione Hellen Keller e alla Stamperia Braille (fino a un milione nel primo caso, fino a oltre due milioni per la stamperia).

Al deputato Pd Mariella Maggio, invece, interessa molto il destino delle università, e ha chiesto uno stanziamento da 1,2 milioni per il funzionamento degli atenei e altri 300 mila euro per gli impianti e le attività sportive. Per il potenziamento delle attività sportive dell’Isola, il capogruppo di Forza Italia Marco Falcone ha chiesto uno stanziamento da 3,5 milioni di euro. A Trapani, invece, i deputati sono assai più interessati alla musica che allo sport. Il deputato questore Paolo Ruggirello (insieme al collega di Articolo 4 Pippo Currenti), ad esempio, ha chiesto di stanziare 500 mila euro per l’Ente luglio musicale trapanese. Stessa identica richiesta è arrivata dall’ex sindaco di Trapani Mimmo Fazio.

Il “balletto” dell’immigrazione

L’articolo 28 prevede un comma, il 18, che dispone dei finanziamenti per alcuni Comuni interessati al fenomeno dell’immigrazione. In particolare, il governo ha previsto uno stanziamento di 2,75 milioni per Lampedusa, Pozzallo e Porto Empedocle. Ma su quel comma, ecco che molti deputati stanno provando a piantare una bandierina. I parlamentari del Movimento cinque stelle, ad esempio, chiedono non solo di portare la cifra complessiva a 5 milioni, ma di rivolgere gli stanziamenti anche a Siracusa, Augusta e Portopalo. Anche Edy Bandiera (deputato che ha però dovuto lasciare proprio ieri l’Ars) , Toto Cordaro, Marika Cirone, Gianbattista Coltraro hanno chiesto di aggiungere i comuni siracusani di Augusta e Portopalo. Per Mimmo Fazio e Paolo Ruggirello, invece, il problema immigrazione è anche trapanese: per questo hanno chiesto uno stanziamento da 250 mila euro per il Comune di Trapani, appunto. Per il capogruppo Pd Gucciardi invece va previsto tra i destinatari del contributo anche il Comune di Pantelleria.

Dal Banco alimentare all’auodromo di Pergusa

I deputati di Articolo 4 Lentini e Leanza hanno proposto di rimpinguare i finanziamenti del Banco alimentare (da 300 a 500 mila euro), dell’Ente nazionale di protezione sordomuti (da 582 a 700 mila euro), del Banco opere di Carità (da 125 mila a 300 mila euro). Un ente che sta a cuore anche al capogruppo del Partito dei siciliani Roberto DI Mauro che ha chiesto un’integrazione di 150 mila euro. Il parlamentare Udc Nicola D’Agostino invece ha chiesto di stanziare 400 mila euro per il Telefono arcobaleno, il deputato Pd Franco Rinaldi ha chiesto 150 mila euro per l’Associazione per la ricerca sulla sclerosi multipla, mentre il suo compagno di partito Giuseppe Lupo ha proposto di stanziare 200 mila euro per la Samo e 231 mila euro per la Samot (centri che si occupano della cure dei malati oncologici). Anche il parlamentare Digiacinto ha proposto uno stanziamento per queste associazioni.

Sulla linea di partenza dell’autodromo di Pergusa, invece, si trova uno schieramento nutrito. Sono tanti i deputati che hanno chiesto un finanziamento per la struttura. Si tratta di Lino Leanza (da 100 a 500 mila euro), Mario Alloro e Antonello Cracolici (300 mila euro l’anno per tre anni), Nino Dina (da 100 a 300 mila), Mariella Maggio e Baldo Gucciardi (150 mila euro l’anno per tre anni).

Associazioni ed enti “esclusi”

Qualcuno era rimasto fuori. E adesso i deputati provano a farlo rientrare. Enti, associazioni e fondazioni che una volta abitavano stabilmente nella cosiddetta “Tabella H” e che per il momento sono state estromesse dalla riedizione “light” proposta dal governo Crocetta. Mariella Maggio ha chiesto uno stanziamento da 150 mila euro l’anno per il Brass Group, mentre Gucciardi per lo stesso ente ha chiesto di aumentare il contributo da 300 a 400 mila euro. Il presidente della commissione Nino Dina ha proposto di aumentare da 400 a 700 lo stanziamento per la Fondazione Whitaker, Toto Cordaro ha chiesto di rimpinguare di 300 mila euro il contributo per il Centro studi Sturzo, Giovanni Digiacinto ha proposto 100 mila euro per le Officine Studi medievali, Giuseppe Lupo altri 100 mila per la Federazione Movimenti per la vita, il capogruppo Pd Baldo Gucciardi 195 mila euro per il Centro Padre nostro, sempre Mariella Maggio ha chiesto 50 mila euro per la Società di Storia patria.

Un capitolo a parte merita l’Istituto Gramsci. Un’esclusione dai finanziamenti, quella del Centro, che aveva sollevato polemiche anche all’interno del Pd. Ed ecco che a favofe del Gramsci sono scesi in campo Antonello Cracolici, Giovanni Panepinto, Baldo Gucciardi, Mariella Maggio. Tutti quanti chiedono un contributo per l’Istituto dai 50 ai 200 mila euro. Totò Lentini invece ha chiesto altri 100 mila euro per l’Osservatorio pesca mediterranea. Per l’Istituto musicale Toscanini di Ribera, invece, ecco intervenire Nino Dina, Margherita La Rocca Ruvolo, Michele Cimino, Roberto Clemente, Baldo Gucciardi e Giovanni Panepinto: la richiesta oscilla tra i 500 e i 585 mila euro. Riccardo Savona ha proposto invece uno stanziamento da 100 mila euro per destinarlo a borse di studio per i “Collegi del mondo unito”, mentre Giovanni Panepinto ne ha chiesti 250 mila per l’Associazione “Nuove Ali” di Agrigento. Infine, ecco due richieste dei deputati grillini: 400 mila euro da destinare al Comune di Casteltermini per la cura della Miniera-Muso di Cozzo Disi e 200 mila euro per la riserva naturale del Monte Capodarso e Valle dell’Imera meridionale “al fine di valorizzare il fenomeno del vulcanismo sedimentario delle Macalube”.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

21 Commenti Condividi

Commenti

    A che he servono le leggi e le regole in generale? Basta fare elenchi, nomi e numeri.

    Pure oggi… forte vomito e dissenteria……..ancora non passano!
    E se dopo leggiamo l’articolo dell’Espresso in riferimento al libro di Guarino a proposito dei lapardei porporati immobiliaristi viene pure forte orticaria!

    Che scandalo questa tabella H!!!Siamo in pieno MEDIOEVO!!!MA PERCHE’ IN QUESTA BUTTANISSIMA SICILIA NON CAMBIA MAI NIENTE?

    Tutto ciò è confortante, sta ad indicare che le cose non vanno poi così male, come qualcuno vuol far credere, altrimenti sarebbe da irresponsabili allentare i cordoni della spesa in un momento così grave, come fortunatamente non è!

    Buon lavoro dr.Aronica

    Praticamente ogni anno i criteri cambiano in base a chi si deve favorire o penalizzare.

    I rantoli della fine…
    Povera Sicilia altro che Buttanissima, non puo’ piu’ farla perche’ e’ stata VIOLENTATISSIMA e pure amputata in tutti i suoi organi vitali, neanche il respiratore artifiaciale riesce a farla vivere.

    invece è proprio quello che succede in questa terra maledetta: i soldi non ci sono. la gente muore di fame, i disoccupati si suicidano e politici se ne fregano. Anzi, non solo mantengono i propri privilegi, ma in più cercano di foraggiare il proprio orticello togliendo i soldi ai cittadini per darli ai loro amici. SVEGLIATI

    Complimenti a tutti e soprattutto al Governo. E mi raccomando…non dimentichiamo di tagliare un altro 20% agli stipendi e di emanare circolari per scendere e salire le scale a piedi negli assessorati, il risparmio innanzitutto!
    E’ una questione di etica…

    E bravi ognuno difende il proprio orticello ,e solo vergognoso

    Si dà il caso che la Miniera-Muso di Cozzo Disi non sia del Comune di Casteltermini ma della Regione Siciliana.
    LEGGE REGIONALE 15 maggio 1991 n 17, art. 2, comma 3: “Sono, altresì, istituiti il museo regionale delle miniere in Caltanissetta, con sede nelle miniere Gessolungo, La Grasta e Trabia-Tallarita di Riesi, il museo regionale delle miniere di Agrigento con sede in Ciavolotta, la miniera-museo di Cozzo Disi, il museo regionale naturale di Pantalica, il museo regionale del territorio di Messina, il museo regionale del Barocco in Noto e il museo delle tradizioni silvo-pastorali in Mistretta, nonchè il museo regionale naturale e delle miniere di asfalto di Castelluccio e della Tabuna, in provincia di Ragusa e il museo del carrubo, delle arti e degli strumenti del lavoro rurale di Vittoria”

    Poi dice che uno non va a votare !!Come al solito per le priorità nisba…..dove sono finiti i fondi per il manicomio criminale che doveva accogliere finalmente sta classe politica siciliana ??

    @IO
    il parassitismo attuato grazie al’autonomia ci ha distrutto.. ha creato 100mila parasiti e bloccato in sicilia un milione di persone che dovevano emigrare… invece sono rimaste e hanno procreato…. in sicilia c’è posto per max 3-4milioni di persone, siamo sopra i 5…. la matematica non è un opinione…

    perche’ da 30 anni dobbiamo decimare i forestali e non ce la facciamo??? anzi aumentano… la risposta è la stessa…

    @francesca… in una regione fatta orami solo di statali, dove ci sono almeno 100mila parassiti statali inutili… che vuoi fare?? ormai abbiamo un cancro senza fine… e ci va bene che l’italia e l’europa ci aiuta a pagare gli statali…

    Per @Francesca e qualche altro, sono abbastanza sveglio, ho semplicemente ed in modo pulito dato degli irresponsabili a chi ci governa, sò benissimo e anche le pietre lo sanno, che siamo nella m. fino al collo!

    Quì Crocetta non ne trova “manciugghia”. No forse trova voti che lo mantengono nel posto che occupa abusivamente per manifesta incompetenza.

    Crocetta batti un colpo hai iniziato tu questo nuovo mercato delle vacche inserendo nella finanziaria l’art. 28 che reintroduce una mini tabella H. Speriamo che anche quest’anno S.E. Aronica faccia il suo dovere. Debbo anche dire che la colpa non è solo dei deputati che presentano gli emendamenti ma sopratutto dei rappresentanti di questi enti che si sono fatti presentare un emendamento. Vergognatevi siete voi l’inteligentia di questa terra? Allora cercate di cambiare prospettiva e non andate a questuare dall’amico deputato l’emendmento per il singolo ma cercate di ottenere una legge per il sistema culturale siciliano, organica e meritocratica. è semplice, facile e trasparente. Crocetta batti un colpo

    Ora che è rientrato il Centro Padre Nostro, mi sono tranquillizzato…

    Ma quando si decideranno ad incatenarli tutti questi pagliacci?

    Si da il caso che la Miniera-Museo di Cozzo Disi è stata affidata in gestione al comune di Casteltermini, ormai dal 2012, con apposita autorizzazione firmata dall’Assessorato Regionale Economia e Patrimonio su richiesta del comune.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *