Dal ministero 50 milioni | per la Cassa integrazione - Live Sicilia

Dal ministero 50 milioni | per la Cassa integrazione

La Regione ha raggiunto l'accordo con lo Stato per il trasferimento di 50 milioni per la Cig, dopo aver ripianato i debiti con l'Inps. E adesso quei soldi potranno essere utilizzati anche per i lavori della Partecipata. L'ultimo scoglio è la formalizzazione dell’accordo con i sindacati all’Ufficio provinciale del Lavoro. Poi, via libera all'ammortizzatore sociale.

34 Commenti Condividi

PALERMO- Una boccata d’ossigeno per i lavoratori della Gesip. Il ministero del Lavoro infatti ha concesso alla Regione siciliana 50 milioni per la cassa integrazione in deroga. Ne dà notizia Palazzo d’Orleans. “Grazie all’accordo raggiunto col ministero dal dirigente generale del lavoro Anna Rosa Corsello – ha detto infatti il presidente Raffaele Lombardo – abbiamo a disposizione altri 50 milioni di euro che serviranno a far ripartire le trattative delle principali vertenze occupazionali siciliane e consentiranno l’erogazione della cassa integrazione e della mobilità”.

A dire il vero, il fabbisogno dei lavoratori siciliani era stato stimato in una cifra assai maggiore. Circa 100 milioni di euro, ai quali andavano aggiunti 20 milioni di euro per gli operatori della Formazione, ed eventualmente anche i fondi per i lavoratori della Gesip. Una vicenda, insomma, che coinvolge qualcosa come ventimila lavoratori in Sicilia.

Ma lo sblocco di questi fondi, intanto, potrà certamente servire per sostenere i dipendenti della municipalizzata. Circa venti giorni fa, infatti, il mistero del Lavoro aveva diffuso una nota che recitava: “Lo scorso 11 settembre il sindaco Orlando ha ipotizzato un possibile percorso di cassa integrazione in deroga. Il rappresentante del ministero del Lavoro – prosegiva la nota – ha fatto presente che il ricorso al trattamento di sostegno al reddito attraverso le misure previste per il corrente anno è possibile a seguito di attribuzione di risorse alla Regione Sicilia, con accordo tra la stessa e il ministro del Lavoro, che quantifichi, tra l’altro, l’importo concedibile. Condizione essenziale affinché si possa sottoscrivere il suddetto accordo è che la Regione abbia utilizzato completamente le risorse attribuite lo scorso anno e, soprattutto, che abbia corrisposto all’Inps la parte dovuta di cofinanziamento alle indennità di sostegno al reddito”.

E già nello stringato comunicato diffuso oggi dalla Regione, si fa esplicitamente riferimento al fatto che l’accordo con lo Stato si è raggiunto “grazie anche al saldo di tutti i debiti dell’amministrazione siciliana nei confronti dell’Inps. Il meccanismo degli ammortizzatori sociali, infatti, prevede una compartecipazione finanziaria tra Stato e Regione, nella misura rispettivamente del 60 e del 40 per cento delle risorse da utilizzare”. Debiti che ammontavano a circa 12,5 milioni di euro. E lo stesso ministero del Lavoro, con una breve nota annuncia l’imminenza della formalizzazione dell’intesa. specificando, appunto, che “le risorse saranno utilizzate anche per i lavoratori della Gesip”.

Adesso, però, bisognerà capire quali saranno i tempi per l’attivazione dell’ammortizzatore sociale in favore degli oltre 1800 lavoratori della società partecipata. Per coprire la cassa integrazione in deroga, da settembre a dicembre, servono infatti 15 milioni ma soprattutto la formalizzazione dell’accordo con i sindacati all’Ufficio provinciale del Lavoro. Convocazione che potrebbe arrivare da un momento all’altro, anche se dopo la firma ci vorranno ancora una ventina di giorni prima dell’arrivo degli assegni.

Un’attesa alleviata, almeno in parte, dal pagamento di dieci dodicesimi della tredicesima e di due dodicesimi della quattordicesima che dovrebbe avvenire entro questa settimana, grazie a un trasferimento di circa tre milioni di euro da parte della giunta Orlando in virtù di un’anticipazione di cassa a valere sull’ordinanza della protezione civile di maggio. Una notizia già annunciata da Palazzo delle Aquile sabato sera e confermata questo pomeriggio dal liquidatore Giovanni La Bianca, che ha incontrato i sindacati a piazza Pretoria. Un incontro a tratti acceso, con un paio di operai che sono addirittura arrivati allo scontro fisico, ma durante il quale La Bianca ha rassicurato i lavoratori anche sul pagamento di 1,4 milioni all’Inps per contributi arretrati.

Ora si dovrà aspettare la convocazione all’Ufficio provinciale del lavoro e, a quel punto, la strada verso la cassa integrazione in deroga a zero ore per la Gesip dovrebbe essere spianata. Ma al sindaco Orlando, adesso, toccherà un’altra corsa contro il tempo: costituire entro breve la società consortile per garantire ai lavoratori di tornare in servizio dal primo gennaio del prossimo anno.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

34 Commenti Condividi

Commenti

    @ Giacomo, oltre allo stipendio e…….prenderai anche la cassa integrazione, chi dici?

    Votate a queste M…….

    ALLA FACCIA ANCHE DEI NOSTRI “COLLEGHI” (CHE SPERIAMO NON ESSERE PIU’ CON NOI) CHE HANNO DA SEMPRE FATTO OSTRUZIONISMO , MAGARI SPONSORIZZATI DA QUALCHE SINDACALISTA (SI FA PER DIRE) CHE AVEVA ALTRI INTERESSI. GRAZIE AD ASIA, A SALVO BARONE, PURPURA, MESSINEO, NOCILLA ECC… CHE DA DUE ANNI RIPETONO LE STESSE COSE E SONO STATI ATTACCATI DA TUTTI, MA SOPRATTUTTO GRAZIE AD ORLANDO CHE STA PORTANDO AVANTI QUESTO PROGETTO. I RAGAZZI DA SOLI SENZA UN APPOGGIO POLITICO NON SAREBBERO ANDATI DA NESSUNA PARTE… BRAVO SALVO BARONE DELLA SCELTA ANCHE POLITICA CHE HAI FATTO. NOI SIAMO CON TE E CON IL NOSTRO PAPA’

    cu ti runa u pani chiamalo papà…. ma u papà è Barone o Orlando???… intanto io voto Salvo Barone

    E che domanda e’ ? Come dove sono? Nei locali, bella vita, belle donne, pensano ai loro investimenti, sistemano gli amici, ecc ecc…

    grazie roma…..e un grazie al sindaco orlando che sie giocata lurtima mola per noi ora vogliamo lavorare no stare a casa pure con 800 euro al mese,,,

    … dico che il pane non sudato non da soddisfazione. Il pane si guadagna lavorando duro.

    Ma non c’è una graduatoria? Se c’è i dipendenti Gesip ne restranno fuori.

    L’ammortizzatore sociale in deroga spetta a tutte le aziende che sono in attesa di essere chiamate all’ufficio provinciale del lavoro delle varie provincie, alla data attuale sono centinaia di pmi siciliane , le quali hanno sottoscritto già l’accordo sindacale. Qualora ci saranno corsie preferenziali che umilieranno le centinaia di pmi, che da mesi sono in attesa per ottenere l’autorizzazione dagli organi competenti, credo che inizieranno una serie infinita di ricorsi; oltre alla perdita di credibilità della organizzazioni sindacali che nei mesi scorsi hanno firmato gli accordi sindacali per l’attivazione delle procedure di cassa integrazione in deroga. Per cui e’ opportuno che il legislatore legiferi in modo da fare chiarezza. Se non ci sono più soldi faccia una norma che cassi la cassa integrazione in deroga; fermo restando che tutti gli accordi siglati vengano autorizzati dagli uffici.

    Intanto prima verificate quanto tempo ci vuole per sbloccare ste somme,circa 20 giorni e forse piu’ e siamo alle elezioni,poi appena votato il vostro benefattore S.Barone e company forse vedrete sti soldi,che ASINI che siete non capite che e’ tutto un raggiro per accaparrarsi consensi alle urne,non fate questo errore,meditate popolo gesippiano.

    Se non è voto di scambio questo….

    @Dipendente gesip, prova a guardare un po oltre, forse capirai che anche i signori citati hanno fatto i loro interessi.

    Operaio Gesip,hai perfettamente ragione,io nn farò il gioco di chi si è fatto i c…. propri,che continuano pure,nel torto o nella ragione, nn voterò mai queste bandiere al vento.Curerò i miei interessi e quelli dei deboli.Con i falsi e ipocriti nn sono mai andato d’accordo.Non accetterò nel futuro loro prendersi il posto in prima fila.

    @dipendente Gesip,
    fai bene a rimanere anonimo, perchè uno che dice le tue fesserie, o è il diretto interessato, o è uno degli altri compari, che si sono sempre fatti i loro interessi personali, per avere garantito le proprie attività personali . che vergogna. e purtroppo ancora la farsa continua e ne vedremo purtroppo delle belle. Vergognatevi, prendere ancora in giro i poveri lavoratori, ma io mi chiedo, in tutto questo dovè la magistratura, la corte dei conti ecc.ecc.

    Il sig. Barone e soci non beccheranno i miei voti. Al 7° livello contrattuale ci è arrivato con la Uil, poi quando ha capito che il vento era cambiato si è messo con il Orlando.la gente come questa ha portato la sicilia in ginocchio e la gesip al fallimento.apriamo gli occhi e mandiamoli nel posto che meritano. Finiu amierica.

    rien ne va plus les jeux sont faits

    sindaco orlando oggi ai mantenuto quello che ai sempre,detto di avere le tredicesime, e finalmente questa benedetta cassa integrazione aspettiamo con ansia la nuova societa’ consortile grazie sindaco afacci rimmiriusi…. e mali lingue……..

    David si convinto!!!

    Ma quali vinti, ma quali vincitori, chi si attribuisce o attribuisce come una vittoria la cassa integrazione allora non ha capito una beata m…. ma lo volete capire che qua abbiamo perso tutti?? ma vi può entrare in testa che avere la cig è un’offesa per i lavoratori?? e poi io vorrei che, chi si attribuisce anche la costituzione della società consortile almeno una volta dica la verità, vero Barone aveva parlato di società consortile ma di una società fatta di persone cosa ben diversa da quella che sta nascendo. Smettetela di prendere in giro i veri lavoratori, smettetela di farvi propaganda con queste illazioni, non vi basta il danno che ci avete fatto!!!! Meno male che a Palermo è stato eletto il Prof. Orlando, altrimenti con tutti questi avvoltoi non so che fine avremmo fatto, il tempo darà le vere risposte e soprattutto a questi avvoltoi darà quello che si meritano. Viva Palermo e santa Rusulia.

    tranquilli signori, tanto l’idv non sepererà lo sbarramento del 5%

    Mi stupisce leggere che compagni di lavoro la pensino come me su soggetti che con la complicità di alcuni dirigenti, vedi il DG, hanno fatto solo i propri interessi illudendo,da veri politici, gli ignari “operai” che con la loro buona fede hanno continuato a lavorare con profesionalità x portare un tozzo di pane a casa quindi inviterei chi è a conoscenza di fatti come lo Skypper, il bagno personale fatto in azienda e tanto altro ancora che per opportunità sono stato tenuto al corrente, di tirarlo fuori non soltanto per salvaguardare i nostri interessi (chi di voi compagni a fatto la querela x la trattenuta del quinto non pagata da nove mesi, il confidente, sbirro..si) o il posto di lavoro, sono sempre i più deboli a pagare, ma soprattutto x dignità di uomo e lavoratore.

    Ha ragione david f i giochi sono fatti perche qua il tuo padrone sta giocando e per tuo padrone non intendo orlando capisci a me

    Cassa integrazione, la Gesip dovrà aspettare. Il giorno dopo l’annuncio dell’accordo romano tra il governo Monti e quello Lombardo sul trasferimento di cinquanta milioni di euro, dalla Regione arriva la doccia fredda: la Gesip potrà usufruire della cassa integrazione, una volta fatta la domanda, ma vi accederà solo dopo tutte le altre aziende che da marzo ad oggi hanno presentato richiesta e sono ancora in attesa per mancanza di soldi.

    @ Carlo: mi può dire dove ha letto la notizia, che a me pare logica, che i dipendenti Gesip devono “meettersi in coda”?
    Intanto qualcuno mi spieghi questo importo di 50 milioni, che pare un’elemosina.
    E’ chiaro che la Cassa Integrazione non è materia di contrattazione politica. Quindi se il fabbisogno è superiore perchè il Governo Centrale ha stanziato (“concesso” dice l’articolo) solo 50 milioni? Perchè i Sindacati e il governo regionale non si attivano subito perchè venga erogato il resto (pare ben 70 milioni).
    Vorrei vedere che succederebbe in Lombardia o in Veneto se il Governo erogasse solo il 40% dei fondi CIG !!!!!!

    vorrei tanto ritornare a lavoro! Voglio continuare a fare il mio lavoro con serietà e dedizione, cosi come fatto per più di 10 anni! non si pùò stare bene se si è in cassa integrazione! mi auguro che la consortile nasca presto e chiedo a Vincenzo che notizie ha!? non ho alcun legame nè con i politici nè con sindacati per cui mi informo qui su LIVESICILIA o tramite pochi colleghi. Prego ai colleghi che commentate di scrivere se ci sono novità per il rientro al lavoro. Vivo di speranza….rivoglio il mio lavoro!

    la corsia preferenziale ci sarà, la cig arriverà prima delle altre aziende, la consortile si farà, e i posti e i servizi resteranno inalterati. Questo è stao possibile grazie al lavoro di un sindacato autonomo serio che ha proposto il piano di riorganizzazione delle partecipate (A.Si.A), ad un grande amministratore come il nostro sindaco, e al prefetto di Palermo che è un vero padre di famiglia

    Giuseppe s.@
    Vergognati, si vede che sei uno dei tanti alla mercè di questi cialtroni

    siete messi in coda perchè come dicevo l’altra volta ci sono aziende che hanno chiesto la cassa integrazione nel mese di Marzo ed ancora non hanno beccato nemmeno 1 euro…….per questo siete in coda.
    Credo che questo vuol dire qualcosa.

    @Giuseppe s, come fai a credere ancora allle favole del tuo amico Barone che anche in questo caso, x tornaconto, racconta? Svegliati, non hai più l’età dello zucchero filato!

    Sono una dipendente Gesip,e volevo solo dire;grazie Orlando x quello che stai facendo x noi,grazie tanto!! e volevo dire che sto notando che tutti questi sindacalisti ci stanno usando x i loro fini politici…..”tanto x cambiare”…Ed’io e la mia famiglia non andremo a votare x nessuno,vadano a quel paese….

    @Tecla hai ragione da vendere nel dire che i sindacalisti vi usano a scopo politico, ma lo ha fatto prima di loro Orlando.

    l’unica vergogna sono le assunzioni senza concorso nella pubblica amministrazione.
    spiegtelo ai giovani onesti che studiano lavornado con sacrifici enormi e che non trovano lavoro o che lavorano per 400 euro nei call center
    siete frutto consapevole della politica del voto di scambio e ricattate la popolazione con le manifestazioni bloccando la città!

    bastaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa
    tutti a casa i serivizi gestiti da voi sono penosi e la maggior parte di voi ha un doppio lavoro in nero o dorme nelle ore di lavoro…ahahhaha
    e’ una vergogna

    Andate a lavorare. LAVORARE!

    Tzorvas gli L.s.u. ai tempi non li ha creati solo Orlando…..nn sono stati creati solo a Palermo,ma in tutta Italia….si sono formate delle cooperative dove abbiamo avuto la fortuna di entrare…. ma questo nn solo a palermo.. pultroppo ci sta’ tanta gente invidiosa …..xora sono felici…ma solo x ora,xche’ torneremo presto a lavoro… a questa brutta gente dico semplicemente,che cio’ che si augura nella vita..poi si riceve su se stessi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.