E scoppia la polemica | sul marchio del "Padrino" - Live Sicilia

E scoppia la polemica | sul marchio del “Padrino”

Un'azienda che pubblicizza prodotti siciliani. Un marchio sgradito. Il logo della Regione. Ed ecco la polemica è servita.

L'esposto di Crocetta
di
6 Commenti Condividi

PALERMO- Il presidente della Regione, Rosario Crocetta, annuncia di avere fatto un esposto per verificare per quale ragione una manifestazione denominata “Sicilia viva in festa”, organizzata dalle società denominate “Il Padrino sas” e “The God Father sas”, che si svolge nelle regioni del Nord Italia, abbia ripetutamente utilizzato il logo della Regione Siciliana che può essere autorizzato solo dalla presidenza così come previsto dal regolamento. “Non avendo l’attuale presidenza autorizzato l’utilizzo del logo della Regione Siciliana per nessun evento privato”, Crocetta ha annunciato “l’immediata diffida a rimuovere il logo dal sito della società (www.dolcezzesicilianeilpadrino.com) nonché ad utilizzarlo per manifesti pubblicitari” e un esposto alla Polizia postale e alla Procura della Repubblica, non “solo per l’uso improprio del logo stesso, ma per il danno di immagine che viene arrecato alla Regione dall’utilizzo del logo in un contesto assolutamente inaccettabile dalle istituzioni e dal popolo siciliano. (La foto è tratta dal sito dell’azienda)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    in realtà il logo può essere autorizzato anche dai singoli assessorati per patrocini gratuiti. non vorrei che la cosa possa essere successa e nessuno lo ricorda. del resto il sottolineare che l’attuale presidenza non abbia autorizzato l’uso, non significa che in precedenza non possa essere successo, e nella P.A. vige il principio della continuità amministrativa. buona norma sarebbe stata verificare questa eventualità e poi intervenire o con revoca o con diffida. Ma vuoi mettere la “schiumazza” dell’esposto? Semmai bisognerebbe verificare se quando è stata accettata l’iscrizione alla camera di commercio competente,se è stata verificata l’opportunità che la ditta potesse avere un nome così evocativo. Ma al Nord non sanno cos’è la mafia e magari pensano che chiamare una ditta il padrino fosse un evocare il padrino di battesimo o di cresima.

    Per non dimenticare.Presidente Rosario Crocetta un tu scurdari che hai chiesto i voti alla social trinacria……..

    ho visto il sito, dove sta il logo della regione siciliana ? c’è un link a regionesiciliaweb….

    Ho visto il sito, dannno un’immagine della sicilia più tascia che mai. Vorrei assistere a questi eventi………

    Il link è al sito istituzionale della regione siciliana

    E’ al dir poco correttissimo questo atteggiamento che il Governatore ha deciso di intraprendere, solo che tutto ciò da anni è stato già in altre forme denunciato e affrontato da “noi” in Sicilia con la contrapposizione di una nuova immagine “Le mascotte della Sicilia” “TAOR&MINA”. Affrontando da soli per riuscire nel nostro obbiettivo, quello di dare un’immagine al mondo dei Siciliani e della Sicilia diversa da quella conosciuta e pubblicizzata, attraverso le nostre mascotte che incontrano milioni di turisti e abitanti del luogo portando con se simpatia, dolcezza, accoglienza, folclore,ecc.
    Ma il nostro caro Presidente Crocetta di questa iniziativa e del nostro ideale se ne è ” fottuto” abbandonandoci totalmente al nostro destino, nonostante avesse la consapevolezza degli attacchi che abbiamo vissuto di continuo da parte di tutto e tutti. Dunque volevo semplicemente metterVi a conoscenza che il nostro Presidente sta facendo suo quello che abbiamo da soli iniziato noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *