Enna, intimidazione al giornalista Josè Trovato - Live Sicilia

Enna, intimidazione al giornalista Josè Trovato: solidarietà dall’Assostampa

"Continuo il mio lavoro"
MAFIA
di
0 Commenti Condividi

ENNA – Terza intimidazione per il giornalista ennese Josè Trovato, collaboratore di ‘Livesicilia’ e componente del Gruppo cronisti siciliani di Assostampa Sicilia, sindacato unitario dei giornalisti, da parte di una famiglia mafiosa. Per questa ragione la segreteria dell’Associazione siciliana della stampa, il direttivo del Gruppo cronisti siciliani e la sezione di Enna dell’Assostampa esprimono “solidarietà e stima” a Trovato, invitandolo “a proseguire la sua testimonianza professionale con coraggio e perseveranza”.

Ieri pomeriggio Trovato ha sporto una formale denuncia al commissariato di polizia di Leonforte contro i responsabili dei profili di Facebook riconducibili ai familiari di un mafioso della provincia di Enna, in carcere all’ergastolo. “In questi anni – dice Trovato – mi sono abituato a tollerare, provenienti dalle famiglie dei boss, espressioni fuori dagli schemi, messaggi sibillini, frasi a metà tra il detto e il non detto, persino attacchi di gente che vuol fare passare il messaggio che chi parla di mafia danneggia questa terra. Oggi però ho deciso di dire basta. La misura è colma”.

Nello specifico, a commento di un post in cui Trovato annunciava la prossima presentazione a Leonforte del suo libro dal titolo “Mafia 2.0-21”, dopo essere stato apostrofato come “giornalista da strapazzo” e “ridicolo”, il responsabile del profilo in questione, con tono apparentemente amichevole, lo ha invitato a non scrivere mai più di suo padre. Sarà la magistratura a stabilire se questa richiesta, proveniente dal figlio di un mafioso e assassino, integri o meno una specifica fattispecie di reato. “Ciò che riteniamo non si possa far passare in silenzio – dicono Roberto Ginex, segretario di Assostampa Sicilia, Claudia Brunetto, segretaria regionale del Gruppo cronisti, e Gianfranco Gravina, vicesegretario di Assostampa Enna – è il messaggio che un giornalista possa essere aggredito verbalmente sui social dai parenti di un mafioso, nel tentativo di ridurlo al silenzio”.


Nello sporgere denuncia, Trovato ha ricordato la sua precedente denuncia del 2005 nei confronti del padre dell’autore del commento, allora a piede libero, che “con tono intimidatorio, sostanzialmente, usò le stesse parole contro di lui – dice Assostampa -, cioè chiese di non scrivere più notizie che lo riguardavano”. “Poi nel 2009 – sottolinea Trovato – venni a conoscenza in questura dei suoi propositi di volermi fare ‘saltare la testa’.  Avrebbe usato proprio queste parole mentre si trovava in carcere a Caltanissetta, ‘saltare la testa’. La mia testa è sempre sulle mie spalle – conclude Trovato – e soprattutto, oggi come ieri, non posso che dir loro di mettersi il cuore in pace, perché non smetterò mai di raccontare le cronache della mia terra”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.