Ex Pip, nuovo elenco di esclusi | Ecco la lista definitiva - Live Sicilia

Ex Pip, nuovo elenco di esclusi | Ecco la lista definitiva

Una recente manifestazione di Ex Pip a Palermo

di CHIARA BILLITTERI E SALVO CATALDO Aggiornato l'elenco dei precari espulsi dal bacino di Emergenza Palermo. E intanto, Forza Italia presenta un ordine del giorno che impegna il governo a tornare sui suoi passi nell'interpretazione della norma che ha portato all'esclusione per motivi giudiziari dal sostegno al reddito.

21 Commenti Condividi

PALERMO – Un nuovo provvedimento di espulsione dal bacino dei lavoratori ex Pip  è stato pubblicato oggi sul sito dell’assessorato al Lavoro. Stavolta contiene 281 nomi (Leggi l’elenco). Ma, in realtà, i precari “cacciati” non sono nuovi.

Un decreto di espulsione, infatti, era già stato diramato dagli uffici guidati dal dirigente Anna Rosa Corsello il 6 maggio scorso. Quell’elenco conteneva poco più di 300 nomi, ma adesso è sparito dal sito. “E’ stato aggiornato”, dicono dall’assessorato. E questo perché, pubblicato il primo elenco, da quel momento i lavoratori esclusi dal bacino e ai quali è stato tolto, quindi, l’assegno di solidarietà da 830 euro mensili, avevano circa dieci giorni di tempo per fare ricorso.

Adesso i nomi sono, appunto, 281. E questo significa che qualcuno è stato riammesso. Nell’elenco diffuso oggi, la maggior parte delle motivazioni non è specificata. Si legge soltanto un generico “altre cause”. Gli altri precari, secondo quanto riportato, sarebbero stati espulsi o per non aver presentato istanza entro i termini previsti o perché la documentazione relativa al reddito familiare Isee (che al momento deve avere un tetto massimo di 20.000 euro annui) non era completa. Ma tra di loro ci sono anche i lavoratori presi di mira per aver commesso reati.

Intanto, quattro deputati regionali di Forza Italia hanno presentato un ordine del giorno all’Assemblea regionale che impegna il governo a tornare sui suoi passi nell’interpretazione della norma madre che ha dato il via alle esclusioni dal bacino degli ex Pip per motivi giudiziari. Si tratta dell’articolo 43 della Finanziaria 2013, che prevede l’esclusione dal sostegno al reddito di chi si fosse reso responsabile “di azioni contrarie all’ordine pubblico, al patrimonio o alle persone”. Il governo, secondo Marco Falcone, Vincenzo Figuccia, Edy Bandiera e Riccardo Savona, non poteva escludere dal sostegno al reddito chi ha commesso reati prima del 2001, anno di nascita del bacino “Emergenza Palermo”.

“L’aver commesso dei reati era la condizione necessaria per entrare a far parte di quello che era nato come un progetto di reinserimento sociale indirizzato soprattutto ad ex detenuti – spiega Figuccia -, adesso quella stessa condizione diventa la causa dell’esclusione. Non è accettabile. Forza Italia sostiene le ragioni di chi vuole dare una seconda possibilità a chi ha sbagliato purché, ovviamente, non continui a sbagliare”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

21 Commenti Condividi

Commenti

    Meglio di niente…anche se finché non si eliminano questi bacini elettorali mantenuti a spese della collettività non cambierà niente.

    I miei figli per trovare lavoro devono prima commettere qualche reato?????? Per essere più sicuri quale reato consigliate????????

    10 giorni di tempo……… ma mancu si sono degnati a mandare un avviso, o una raccomandata al prpr domicilio

    Finalmente il movimento 5 stelle ha ottenuto un risultato vero

    il movimento non c’entra niente ,informati .il movimento parla di reddito,questa lista esclude i ex detenuti ,e questo bacino nasce proprio per favorire il re inserimento.informati prima di sparare bagianate.e non nominare il movimento ignorante

    E bravi !!!!! E dopo 12 anni se ne accorgono adesso ?
    Ma non erano stati immessi nell'”eterogeneo” bacino degli ex PIP in qualità di ex detenuti ?
    Ecco consegnata altra manovalanza alla mafia.
    Senza nessun’altra forma di riscatto sociale finiranno nuovamente nelle patrie galere così invece di costare 800 euro al mese costeranno 800 euro al giorno ritrovandocene qualcuno magari a casa, entrato dalla finestra, per rubare qualcosa con la “giustificazione” che ” Deve dare a mangiare ai bambini ”
    Alla faccia dell’antimafia e della ” spending review ”
    Viva la “MEDIATICITA'” e il “DOPPIOPESISMO”
    E adesso via alle danze di tutti i commenti da ” ODIO SOCIALE ” che bene invece in questi mesi si è riusciti a fomentare.

    Per ottenere i sussidi ed entrare nel bacino pip bisogna avere commesso dei reati! E quello che non hanno mai commesso eati cosa devono fare per essere occupati? dateci una risposta.

    Non si tratta di odio sociale nei confronti dei P.I.P., come qualcuno ha scritto, ma soltanto di “ingiustizia sociale” commessa da quale politicante da quattro soldi del passato, a danno di tutta la collettività.

    Cosa ne pensate Signori P.I.P., se tutti i figli delle persone oneste e disoccupate, decidessero di fare come Voi per avere un posto o un sussidio da “Mamma Regione”.

    Eppure, è facile essere tentati. Infatti, se non si ha nessun precedente penale si è fuori dal famoso elenco di “soli” 2800 soggetti svantaggiati (naturalmente almeno 1000 sono furboni intrufolati, senza nessun titolo per essere P.I.P….). In pratica non si è considerati “soggetti svantaggiati”.

    Questa è la politica della corruzione che hanno portato avanti nel passato i soliti quattro politicanti da strapazzo, e che ha causato, e continua a farlo, danni gravissimi alla nostra già disastrata economia siciliana.

    In nessun Paese civile si è visto dare posti di lavoro a ex detenuti e calci nel …. ai disoccupati onesti; solo in Sicilia.

    In nessun posto d’Italia si da “il sussidio” a colori i quali presentano un ISEE (dell’intero nucleo familiare), superiore non a 20.000 euro ma bensì a 7.000 euro. E i soliti politici pensano addirittura di abolire tale limite e considerare solo il “reddito individuale” (sembra di essere su scherzi a parte).
    Per dirla tutta, il lavoro è un diritto – dovere di ogni cittadino.
    In primo luogo si devono aiutare le persone disoccupate (oneste e specializzate),
    soltanto dopo si dovrà aiutare anche la “munnizza di Palermo” che si vede bivaccare fuori dagli Assessorati regionali.
    Saluti alle persone civili e oneste.
    Vincenzo.

    Questo governo, compreso buona parte dell’ARS, sono riusciti nella straordinaria impresa di sbagliare tutto quello che si poteva sbagliare e anche cose che andavano bene come DA QUASI 14 ANNI, l’ex art.15 per l’integragrazione sociale, inserita nel calderone degli “Ex-Pip Emergenza Palermo” si è riusciti a smontarla per scopi di spending review (vergogne senza fine approfittarsi di chi non potrà mai avere un lavoro perchè bollato dalla società come ex detenuto o ex toxicodipendente ecc) Infatti introducendo nel comma 2 dell’art.43 della finanziaria 2013 quella norma illeggittima si è voluto mandare a casa gli ultimi fra gli ultimi. Complimenti aL GOVERNO E ALL’ARS PER LA MACELLERIA SOCIALE DEGLI ULTIMI TRA GLI ULTI DELLA SOCIETA’.

    sono pienamente a favore di tutto il tuo pensiero,prima quel demagogo di Crocetta si dimette ,prima si vedrà un barlume di speranza per questa terra.il Presidente parla di antimafia e di legalità ,e ha riportato( 281 persone per il momento )in strada senza nessuna speranza per il futuro.io mi chiedo riferendomi ai commenti che leggo, quando la gente la smetterà di odiare le fasce più deboli,e tenderà la mano ,invece di stringere il pugno.

    Forza Italia sempre in difesa dei pregiudicati………….d’altronde se il loro capo lo è non vedono differenza!

    Stanno scatenando una guerra tra poveri…i nemici non sono i lavoratori con una fedina penale non proprio limpida per errori commessi in passato.

    Licenziano basandosi su un criterio usato nel momento dell’ assunzione , siamo al paradosso.

    Governo prepotente nei confronti delle categorie più deboli , pagliacci rivoluzionari.

    Ma quando convincete Crocetta, che é inadeguato per il ruolo che i siciliani gli hanno dato? Solo improvvisazione.

    Licenziare in tronco persone per reati commessi nel passato ormai riabilitate in società è sicuramente devastante per i soggetti direttamente coinvolti …trattamento che neanche le bestie sarebbero capaci di attuare . Governo inumano.

    forse soprattutto vigliacchi!!!!

    Io sono pip e non ho mai commesso reato non si generalizza sig, vincenzo mi faccia il favore siamo stanchi , perche’ non ve la prendete con i politici che guadagnano cifre allucinati?Perche’ egreggio signore secondo lei noi volevamo essere sussidiati?Premesso questo noi lavoriamo e non ci regala niente nessuno!!!!Ma mai fare di tutta un’erba un fascio la saluto

    da quello che leggo non fate altro che scrivere le stesse cose che siamo tutti ex detenuti, che siamo tutti ingnoranti,che siamo tutti lagnusi, ecc ecc. Ma io vi posso dimostrare almeno io parlo della mia persona che non e cosi’ lo posso dimostrare sensa avere nessuna paura credetemi sono pulito al massimo e come me c’e’ tantissima gente nei pip pulita, onesta, volenterosa, ecc ecc. ciao

    caro Vincenzo quando parli di munnizza stai parlando di onesti cittadini come te che cercano il lavoro a discapito degli altri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.