Falcone, Contrada e l'Addaura |L'ex 007: "Calunnie contro di me" - Live Sicilia

Falcone, Contrada e l’Addaura |L’ex 007: “Calunnie contro di me”

Dopo la puntata di 'Atlantide'. Padovani: "menti raffinatissime? Falcone si riferiva a Sica"

Mafia
di
7 Commenti Condividi

PALERMO – “Sono stato ancora una volta calunniato. Ora basta, denuncio in sede penale e civile chi vuole infamarmi”: lo dice l’ex dirigente generale della Polizia, Bruno contrada, condannato a 10 anni per concorso esterno in associazione mafiosa, sentenza giudicata illegittima dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo e dalla Cassazione, dopo la trasmissione ‘Atlantide’, ieri su La7, in cui il giornalista e saggista Saverio Lodato ha detto che nel 1989, dopo il fallito attentato all’Addaura a Giovanni Falcone, il magistrato gli avrebbe detto che il riferimento alle “menti raffinatissime” che erano dietro all’attentato riguardava Bruno Contrada. Dopo 31 anni il giornalista ha raccontato in tv che Falcone lo diffidò dallo scriverlo altrimenti avrebbe chiuso il rapporto con lui. “Diffama anche Falcone – dice Contrada – che avrebbe detto una cosa a un giornalista facendosi promettere che non l’avrebbe scritta. Perché lo dice 31 anni dopo? La procura generale ha fatto ricorso per Cassazione contro il risarcimento di 670mila euro deciso dalla corte di appello per la mia ingiusta detenzione. Vogliono massacrarmi fino alla morte”.

Quando venne scoperto l’esplosivo sugli scogli vicino alla villa al mare di Falcone col giudice italiano c’era anche il magistrato svizzero Carla del Ponte. Quest’ultima avrebbe ascoltato le parole dell’industriale bresciano Olivero Tognoli, accusato di riciclare soldi della mafia e arrestato in Svizzera nel 1988, che, interrogato, a Falcone avrebbe detto che a farlo fuggire dall’Italia era stato Contrada. Tognoli non mise mai a verbale quel nome e poi fece quello di un altro poliziotto. L’episodio è stato ricordato ieri su La7 da Alfredo Morvillo, il magistrato cognato di Falcone. “Il settimanale L’Espresso scrisse questa storia – dice Contrada – Querelai giornalista e direttore. Poi mi convinsi di ritirare la querela dopo che L’Espresso mi inviò una lettera di scuse ammettendo di aver sbagliato”.

Sul fallito attentato dell’Addaura “Giovanni Falcone parlò nel 1989 di ‘menti raffinatissime’ e indicò Domenico Sica”. Lo ha detto la giornalista francese Marcelle Padovani alla presenza anche di don Luigi Ciotti e Rosaria Costa, la vedova di Vito Schifani, uno dei tre agenti uccisi nel 1992 , oggi pomeriggio durante”Capaci, non dimenticare”, una conversazione in streaming organizzata dall’associazione “Strada degli Scrittori”, Rispondendo ad una domanda di Felice Cavallaro, la corrispondente de “Le Nouvel Observateur”,autrice del libro “Cose di Cosa nostra” scritto con Falcone ha raccontato: “Non avevamo i telefonini all’epoca, quindi passarono due o tre giorni dal fatto e ricevetti una chiamata da Giovanni Falcone che mi disse:’Tu sai benissimo che la prima persona che ti chiama è responsabile del guaio che ti è successo… Indovina chi mi ha chiamato per primo’. Io risposi facendo un nome: ‘Andreotti?’. E lui ‘No, Domenico Sica’, cioè l’Alto commissario antimafia di quella stagione carica di veleni. Si tratta di una cosa vera rispetto alla quale non ho alcun supporto, ma la dico per mostrare come la sua mente su questa vicenda andasse in tutte le direzioni perché non ha mai pensato che si trattasse di un attentato mafioso”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

7 Commenti Condividi

Commenti

    “Perché lo dice 31 anni dopo?”
    Bella domanda.
    Mi piacerebbe leggere la risposta di Lodato.

    Anche se Contrada dovesse querelare il giornalista Lodato, sicuramente il Lodato sarebbe assolto mille volte in quanto con la sua carriera ventennale di giornalista del manifesto e del giornale L’ora, figuriamoci se i magistrati comunisti lo condannano.
    Sarà più facile che condannino Salvini all’ergastolo, par avere difeso i limiti territoriali del nostro paese dall’invasione di capitan fracasso, che condannare lodato.

    Basterebbe questo articolo per far cessare ogni insinuazione sul conto di Contrada, che ha tanto sofferto per la sua fedeltà alle istituzioni.
    Purtroppo ancora oggi c’è chi specula impunemente sulla vicenda tirandosi dietro un codazzo di gente a cui piace infangare per puro pregiudizio ideologico.

    la mafia è una montagna di merda,ma anche lo stato non scherza.

    Sarebbe il caso di lasciare in pace un ormai pensionato che nella sua vita ha lavorato per la sicurezza e il bene dall’Italia e del suo popolo rivestendo un ruolo importante e delicato per il periodo e il luogo dove ha operato, tutti gli esseri umani siamo soggetti a sbagliare e soprattutto in un lavoro dove devi anticipare eventi sulla base di poche informazioni e vagliando una serie di sensazioni puoi sbagliare, ciò non significa che sia fatto di proposito, fa parte del rischio di quel lavoro,Lavoro che secondo me il Dottore Contrada ha svolto in maniera esemplare.

    Con la nuova rivelazione della giornalista francese la quale ha dichiarato che in una conversazione con Falcone avvenuta dopo l’episodio dell’Addaura, lo stesso Falcone gli ha fatto il nome del Magistrato SICA e non Contrada.
    A questo punto è giusto e doveroso che la 7 faccia un ulteriore programma per chiarire se ha ragione il comunista Lodato o la giornalista francese amica di Falcone.
    Concorderei con quelli di lasciare riposare i morti e di evitare ancora di tirarli per la giacchetta, loro non rispondono. Sono morti.

    A questo punto della storia,non é piu importante il chi ha fatto cosa ma il perché. I morti sono morti,servitori dello stato,cittadini,mafiosi… La mafia non ha mai sbagliato un attentato e nel suo territorio,se avesse voluto uccidere il giudice Falcone (come poi ha fatto) ,non avrebbe avuto alcun problema. Il dramma di questo paese, il buco nero della storia é perché uomini delle istituzioni vanno contro le istituzioni,contro la democrazia,contro la legalità. Potere? Politica? Affari? Ideologia? La verità non la leggeremo sui libri,sui giornali né la ascolteremo mai nelle aule di tribunale…La verità é il silenzio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *