Forno crematorio guasto ai Rotoli, un avviso per la riparazione - Live Sicilia

Forno crematorio guasto ai Rotoli, un avviso per la riparazione

Pubblicata la manifestazione di interesse per la progettazione
PALERMO
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – Il comune di Palermo prova a riattivare il forno crematorio dei rotoli: è stata pubblicata oggi la manifestazione di interesse per i servizi di progettazione di un intervento stimato in 180 mila euro. ‘incarico prevede la redazione del progetto definitivo, la redazione del progetto esecutivo, la direzione lavori, l’espletamento dell’incarico di coordinatore della sicurezza in fase di esecuzione e di realizzazione, e la redazione degli elaborati propedeutici all’ottenimento dell’Autorizzazione Unica Ambientale per un importo di 23 mila euro, oneri esclusi.

Per l’assessore ai Cimiteri, Toni Sala, si tratta “di un ulteriore passo in avanti nella riattivazione del forno crematorio ai Rotoli: una procedura che è andata troppo a rilento e che è invece necessaria per un graduale ritorno alla normalità. Il nostro auspicio è che l’impianto possa tornare in funzione già il prossimo autunno”.

“Dopo quasi un anno finalmente una buona notizia rispetto alla riattivazione del forno crematorio dei Rotoli – dice Antonino Randazzo del M5s – E’ stata pubblicata infatti la manifestazione di interesse per affidare all’esterno l’incarico per la redazione del progetto definitivo ed esecutivo per il revamping del vecchio forno crematorio. Una situazione vergognosa ed intollerabile che dura da oltre un anno come ho denunciato da mesi e che adesso finalmente si è sbloccata. Per il mese di ottobre è previsto il riavvio del forno”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Ma per chi sarebbe la buona notizia?

    Nel menefreghismo più totale la vergogna continua

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.