Il derby del vaccino su due poveri ragazzi

Il derby del vaccino su due poveri ragazzi

Ci sono delle famiglie straziate che, giustamente, chiedono di sapere cosa sia successo. Una richiesta sacrosanta da appoggiare in pieno.
IL COVID E LA VITA
di
1 Commenti Condividi

Ma quand’è che abbiamo dimenticato il dolore e la capacità di riconoscerlo, di stare accanto a chi soffre, di consolare chi ha subito un lutto? In Sicilia, come è noto, sono morte due persone dopo (‘dopo’, meglio sempre specificarlo, indica il tempo non la casualità che nessuno ha fin qui stabilito) la somministrazione del vaccino AstraZeneca: Davide Villa e Stefano Paternò (nella foto). Ci sono delle famiglie straziate che, giustamente, chiedono di sapere cosa sia successo. Una richiesta sacrosanta da appoggiare in pieno.

Intorno, si è scatenato il derby dello squallore sui social. Certi no vax, con il più classico analfabetismo scientifico, hanno preso quei poveri ragazzi come un pretesto nella loro assurda crociata contro i vaccini: avete visto? Di vaccino, comunque, si muore. Però, non è vero. Invece, alcuni tra coloro che, seguendo il principio della realtà, si sono vaccinati e si vaccineranno, hanno alzato le spalle, con indifferenza. Da una parte la tragedia usata come pretesto, dall’altra, talvolta, la sottovalutazione del valore umano della perdita. La vita come un pallone da buttare nella porta avversaria.

In mezzo, due ragazzi e le persone che li amavano. I loro cari volti, le loro vite, le famiglie, il sole che non incontreranno più sul cammino. Ma quand’è che abbiamo dimenticato il dolore. Ma quand’è che siamo diventati disumani?


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Quando è iniziata la pandemia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *