Il passato è per sempre - Live Sicilia

Il passato è per sempre

Papa Francesco su Twitter

Avevamo il diritto di tacere, ma, posto che non l’abbiamo fatto, tutto quello che abbiamo detto può essere usato contro di noi.

11 Commenti Condividi

Un uomo non può liberarsi del passato più facilmente di quanto possa farlo del suo corpo, scriveva l’erudito biografo André Maurois. Mentre arriva da New York la notizia che WhatsApp ha reso possibile su Android la criptazione dei messaggi, in modo che siano decifrabili soltanto da chi li scambia, e non solo per rassicurare gli utenti vittime di pirati informatici e spioni vari, ma anche per tutelare i contenuti di quella che è diventata una delle più diffuse forme di comunicazione su smartphone, ecco la notizia-bomba: tra poco sarà a disposizione degli utenti di Twitter un motore di ricerca capace di risalire a ogni tweet da quando esiste il social network. Sarebbe a dire, da otto anni a questa parte. Come ha scritto, con la consueta ironia, Stefano Bartezzaghi su Repubblica, potrebbe così configurarsi una gigantesca fonte contemporanea di notizie per storici, sociologi e categorie affini, ma ai comuni fruitori della rete la notizia non giunge poi così gradita.

Cinguetta oggi e cinguetta domani, sembrava normale lasciarsi il lungo e consueto cantico alle spalle, e in modo definitivo. E, invece, ecco che una sciocchezza detta in un pomeriggio uggioso ci si può ritorcere contro: come recita l’abusata solfa dei polizieschi, avevamo il diritto di tacere, ma, posto che non l’abbiamo fatto, tutto quello che abbiamo detto può essere usato contro di noi. Una sinistra sequela di esternazioni, serie o scherzose, rabbiose o malevole, persino cretine, che costellano il nostro recente passato, piuttosto che essere consegnate a un mite e inoffensivo cestino, eccole tutte lì, schierate. Da noi partorite ma pronte a divorarci, a diventare la forza del nostro nemico prossimo. AIUTO! Ma chi si ricorda cosa ho scritto nel febbraio del 2007? Nel marzo 2010? BOH! E poi, con riguardo ai giovani, che un manifesto rivoluzionario redatto nell’età delle grandi passioni li possa perseguitare quando andranno a cercar lavoro in ambienti, diciamo, conservatori, o che una stagione da seguace di un personaggio o di una causa diventi un elemento a loro carico, dipenderà solo da come opinioni espresse “liberamente” in una certa fase della propria vita verranno rilette e utilizzate da chi ricostruisce un curriculum, che lo si voglia o meno.

Una corretta risposta pubblica al problema, dovrebbe passare attraverso la prevenzione, informando già dalle scuole elementari i piccoli ma agguerriti utenti che sms, chat, post, tweet e quant’altro tendono a cristallizzare ogni esternazione, dal momento ludico allo sfogo dettato da una passeggera follia. E, diciamola tutta, anche un solenne errore di grammatica, o un pesante svarione, come ben sa la nostra colta classe politica. Il linguista Giuseppe Patota, nel corso di una intervista rilasciata a Roberto Zanini, citava i “qual’è” apostrofati di Roberto Sa­viano su Twitter, o gli approssimativi gerundi di Beppe Grillo che in un videomessaggio ripete “liquefando”, lo smarrimento dell’h di Luigi De Magistris, che su Twitter scrive “anno” e “a” quali voci del verbo avere. Per non tacere dell’ormai leggendario post della deputata 5s Tatiana Basilio, che postando una docu-fiction, scambiata per un vero documentario, dichiarava su Facebook di credere fermamente all’esistenza delle sirene, della quale, assicurava, ci sono “prove schiaccianti”, scatenando il sarcarsmo dei media.

Scambiarsi informazioni è natura; tener conto delle informazioni che ci vengono date è cultura, scriveva Goethe, ma il povero Wolfgang dava per scontato che chi scriveva sapesse scrivere. Il blog Oneprint ha cumulato, sotto il titolo 21 errori grammaticali che copywriter, politici e giornalisti fanno sul web, una serie di strafalcioni nei tweet dei politici, nei blog, nei giornali online, nei comunicati stampa di istituzioni culturali e, udite udite, nelle landing page di master sulla comunicazione. Che vanno da quelli di battitura (nessuno è immune dal più banale refuso) a quelli gravi. Gli errori grammaticali più reiterati sul web sono relativi all’uso dell’apostrofo, degli accenti e delle doppie, alla mancata accentazione del verbo essere, alla mancata h nel verbo avere e… al massacro dei congiuntivi! Uno dei lemmi più frequentemente strapazzato è “legittimo”, che si enfatizza con un g aggiuntiva, forse per imprimere maggior forza alla legalità. Come l’errore, poi, una volgarità (il tweet di Gasparri a commento della vittoria degli Azzurri sull’Inghilterra in Brasile ha provocato persino un articolo sull’autorevolissimo Guardian, dall’espressivo titolo Italian politician under fire after labelling English “pretentious pricks”), scritta nell’etere, eterea non è: rimane in bacheca, nella posta, nei messaggi ricevuti dai destinatari.

Cancellare non è un atto di volontà che dipenda solo da noi, mentre scrivere (possibilmente sciocchezze) lo è stato. Altro che diritto all’oblio! Pare, scusate la contradictio in adiecto, che ce ne possiamo scordare! Da quando, il primo giugno 2014, la sentenza della Corte di Giustizia Europea sul diritto all’oblio è diventata esecutiva, i motori di ricerca, Google in testa, hanno, sì, reso possibile agli utenti richiedere la rimozione di link che contengono informazioni personali, ma poiché sono stati inondati dalle richieste, vanno a rilento nel vagliarle. Neanche a dirsi, il sito rispetto al quale vengono avanzate maggiori richieste di rimozione è Facebook, che consente di tutto e di più! Le tematiche concernenti il diritto all’oblio, in realtà, hanno poco a che vedere con la bufala in rete o lo scivolone sintattico e concettuale di turno. Riguardano il mondo dei media, e quella giungla senza regole che è il web, con una facilità capillare di accesso a ogni genere di informazione che ha generato, per alcuni, l’esigenza di far sparire certe notizie. Inoltre, nelle more di una legiferazione organica, è nata una giurisprudenza che, caso per caso, stabilisce se autorizzare o no la cancellazione di dati.

Come è naturale, vi sono in merito opinioni contrastanti, specie a causa del divario ideologico tra il diritto di cronaca e la tutela della privacy. Secondo alcuni, ammettere il diritto all’oblio significa sdoganare nuove forme di censura e, punto sul quale siamo tutti concordi, nell’attuale caos normativo vi è ancora spazio per peggiorare la situazione. Cosa sta accadendo nella (ormai vuota) culla del diritto che è il nostro Paese? Siamo alle soglie di un altro guazzabuglio normativo? Nella Carta dei diritti di Internet, redatta da una Commissione presieduta da Rodotà, si tratta del diritto all’oblio al punto 10, che recita: “Ogni persona ha diritto di ottenere la cancellazione dagli indici dei motori di ricerca dei dati che, per il loro contenuto o per il tempo trascorso dal momento della loro raccolta, non abbiano più rilevanza”. Tutto chiaro. Immediatamente dopo, leggiamo, però, che “Il diritto all’oblio non può limitare la libertà di ricerca e il diritto dell’opinione pubblica a essere informata”. Ma, a questo punto, ecco che “Tale diritto può essere esercitato dalle persone note o alle quali sono affidate funzioni pubbliche solo se i dati che le riguardano non hanno alcun rilievo in relazione all’attività svolta o alle funzioni pubbliche esercitate”. Via alla bagarre! Pronti al fantagiuridico, rispetto al quale la consultazione pubblica è ancora in corso, ricordiamo che il tema è contemplato nel testo della legge sulla diffamazione approvata dal Senato alla fine di Ottobre, anche se, come sostengono gli esperti delle leggi sull’informazione, giuridicamente non ha a che vedere con la diffamazione. Invece è inserito, come per caso, nel testo di legge, al momento al vaglio della Camera, al primo comma dell’articolo 3: “Fermo restando il diritto di ottenere la rettifica o l’aggiornamento delle informazioni contenute nell’articolo ritenuto lesivo dei propri diritti, l’interessato può chiedere l’eliminazione, dai siti internet e dai motori di ricerca, dei contenuti diffamatori o dei dati personali trattati in violazione di disposizioni di legge”. Ma perché introdurre, o relegare, la tutela del diritto all’oblio in una legge che deve garantire il libero e responsabile esercizio dell’attività di informazione quale bene pubblico? Naturalmente, nell’infuriare del conflitto tra posizioni diverse, di vincitore ne resterà soltanto uno, l’ultimo immortale: Google.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

11 Commenti Condividi

Commenti

    Una gran confusione legislativa come ormai solito in Italia. Ma come al solito dei benefici di rimozione approfitteranno i potenti che devono cancellare un passato scomodo.

    Rimane centrale, come in altri campi il problema dell’educazione all’utilizzo di un dispositivo, che i bambini usano tantissimo, in modo indioscriminato. Più che le lavagne magnetiche, bisognerebbe intridurre questo insegnamento nelle scuole.

    Da cittadino comune penso che chi ritiene che il diritto all’oblio diventa il modo per sdoganare nuove forme di censura non tiene conto che anche il cittadino medio, per loro insignificante, ha dei diritti.
    Il diritto se ha fatto uno sbaglio, magari uno solo rispetto ai SIGNORI POLITICI di rimuoverlo dal suo passato. Tutto qui.

    Qua il problema è fra organi di informazione e diritto all’oblio.
    Lo scenario e la prospettiva non sono quelli del singolo dato personale ma dei grandi episodi.
    Il singolo, il piccolo, viene travolto in ogni caso.

    Come sempre il tema di estrema attualità trattato con competenza, anche sotto il profilo giuridico, e da giurista dico e ricordo che ci è voluta una sentenza della
    Corte di giustizia europea, che a metà maggio ha affermato che i motori di ricerca sono comunque responsabili del trattamento dei dati personali presi dai siti gestiti da terzi. Dunque, se un cittadino reputa che le informazioni che lo riguardano non siano aggiornate, può chiederne la rettifica o la deindicizzazione, cioè l’impossibilità di risalire a esse, direttamente al motore di ricerca. E questa è la teoria. nella prassi, entra in gioco il difficile bilanciamento tra privacy e diritto del cittadino a essere informato, compromesso che la sentenza Ue non ha affidato ai motori di ricerca.
    Il tema si presta a un dibattito davvero ampio e articolato. Sempre benvenuti temi di riflessione come questo.

    Quando scriviamo non teniamo mai conto che cancellare non è un atto di volontà che dipenda solo da noi, come si legge. Il fatto che in Italia scrivono , o meglio scriviamo, proprio tutti e mettiamo tutti foto in quantità anche dei bambini cosa che non si deve fare, io penso, scusate ma questo penso ci vorrebbe davvero una legge che impedisce di postare forto dei minori. Specie visto quello che succede.

    In Italia abbiamo un Garante.
    Come giustamente si dice, non si può rinviare solo a Google, altrimenti i criteri indicati dal comitato direttivo saranno quelli di Google, non del diritto europeo ( a proposito, complimenti per la chiusa dell’articolo!)
    Non può essere Google a garantire il bilanciamento tra il diritto all’oblio e quello all’informazione chiesto dalla sentenza. Semmai Google può concorrere.
    Bisogna trovare meccanismi corretti e anche velocemente, perché intanto le richieste di diritto all’oblio sono in arrivo e moltissime.

    Trovo giusto farci capire anche a noi cittadini come funziona lassù in altro.
    A quello che io capisco, se uno molto potente scende in politica come hanno fatto allora sapra anche trovare la strada per cancellare tutte le mascalzonate che ha fatto. se io voglio cancellare la precedente mia zita agli occhi di quella di oggi, posso stare fresco.

    Il problema è proprio quello segnalato dall’articolo, specialmente con riguardo ai giovani in cerca di occupazione. I potenti discutono e litigano tra informazione diritto di stampa e diritto di oblio, ma intanto il passato ci segue ma spesso ci perseguita, senza che a livello popolare, comune, si possa impedire a chi ci vuole male o a chi ha motivi di escluderci o li cerca, di usarlo contro di noi ed è veramente preoccupante.

    Come si può parlare di diritto di opinione se il limite fra opinione ed offesa è così labile ?
    Se io esprimo la mia opinione su una persona, premettendo che “è mia opinione” per esempio che Tizio sia un ladro anche se non ne ho le prove, perché mai devo rispondere di una “opinione” ?
    Perché Tizio si può offendere e mi può querelare ? Ho detto che è una mia opinione, non che sia un fatto accertato e dimostrabile !
    Se una opinione manifestata può offendere, che dire di un’accusa infamante espressa da un Magistrato che poi si rivela infondata ? Un magistrato mi può infangare ingiustamente ed un pincopallino qualunque non può dire una minchiata qualunque ?
    .
    Ma allora, perché nelle aule dei tribunali ci vanno a scrivere che la Legge è uguale per tutti ? Sono io che non faccio parte di “tutti” o il magistrato ?

    Sono d’accordo con Valerio.
    Serie a e serie b anche rispetto alla diffamazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *