Il ritorno di Di Pietro? "No grazie" - Live Sicilia

Il ritorno di Di Pietro? “No grazie”

Riunione a Campobasso.

Parla l'ex pm
di
3 Commenti Condividi

ROMA – Antonio Di Pietro ha rifiutato la candidatura del centrosinistra per la presidenza della Regione Molise. “No grazie”, ha detto l’ex pm di Mani Pulite stasera in un intervento telefonico alla trasmissione ‘Moby Dick’ su Telemolise. “No grazie – ha risposto Di Pietro a una domanda sulla candidatura – sono arrivato da poco (a Montenero di Bisaccia, suo paese natale, ndr) per potare l’olivo e devo sistemare la campagna”. Secondo indiscrezioni Di Pietro avrebbe comunicato già nel pomeriggio il suo rifiuto motivandolo con la sensazione di non sentire la piena fiducia di LeU. Un aspetto smentito dai vertici dell’Ulivo.2, come ribadiranno al tavolo del centrosinistra che si riunirà a Campobasso.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Dio ne scanzi e liberi. Dovrebbe pagare tutto quello che ha combinato con mani pulite.
    Insieme a Prodi e Crocetta sarebbero : la calamità che cammina

    Caro Piragna, non sarebbe meglio farlo decidere ai molisani? Se nella sua regione é apprezzato ben venga.

    Prima del 4 marzo 2018, erano tutti in corsa per qualcosa nel Pd: un incessante sgomitare verso il quasi certo successo elettore e la sistemazione a vita, insomma. Dopo quel loro funesto giorno, con la scomparsa o quasi dei figli del fu Pci, che tanti lutti addusse in quelle schiere, l’incubo del flop è diventato un freno da imitare. Ed i no grazie, sono destinati, a moltiplicarsi. E per un Di Pietro, che non va mai dimenticato, anzi andrebbe sempre con più frequenza ricordato, è stata la toga che ha salvato dal dissolvimento, nella scia di quel destino condiviso dal resto degli altri partiti, l’allora PCI di Occhetto, che ‘deve sistemare la campagna’, molti altri accamperanno scuse più o meno fantasiose. ‘Ad un albero caduto accetta! accetta!’ Un aforisma che il Pd e l’Ulivo, con tutti i suoi cespuglietti, sinistramente cominceranno a masticare. Pur se con lustri di ritardo. La vendetta, del resto, a sentire gli esperti del ramo, è un piatto che va mangiato freddo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *