Ingroia al congresso del Pdci: | "Inopportuno, ma il caso sia archiviato" - Live Sicilia

Ingroia al congresso del Pdci: | “Inopportuno, ma il caso sia archiviato”

La prima commissione Csm
di
10 Commenti Condividi

E’ stata inopportuna la partecipazione del procuratore aggiunto di Palermo Antonio Ingroia al congresso del Pdci, con un intervento in cui disse di non sentirsi “del tutto imparziale, anzi partigiano della Costituzione”. Ma poiché si è trattato di un fatto episodico il plenum archivi il caso. E’ la richiesta formulata dalla Prima Commissione del Csm, che a maggioranza ha però disposto l’invio degli atti ad un’altra Commissione, la Quarta, che si occupa delle valutazioni sulla professionalità dei magistrati.

Era il 30 ottobre scorso quando Ingroia partecipò al congresso di Rimini del Pdci. E le sue parole suscitarono subito una polemica. In prima fila il Pdl che accusò il magistrato di violare la Costituzione. Ma anche l’Associazione nazionale magistrati prese le distanze dal pm :proprio i magistrati più esposti con inchieste delicate “dovrebbero avere particolare prudenza nell’esprimere valutazioni di carattere generale sulla politica del Paese”,avvertì il segretario Giuseppe Cascini.

“La mia è stata intenzionalmente un’affermazione forte, provocatoria. Evidentemente definirsi ‘partigiano della Costituzione’ édiventata una bestemmia”, si era difeso il pm. Ma la sua giustificazione non ha convinto la Prima Commissione, che a maggioranza – con i voti dei due laici Nicolò Zanon (Pdl) e Guido Calvi (Pd) e dell’indipendente Paolo Corder, quelli contrari dei togati di Magistratura democratica Vittorio Borraccetti e Roberto Rossi e l’astensione di Riccardo Fuzio (Unicost) – ha comunque bacchettato il pm; spiegando che il diritto insopprimibile a esprimersi anche criticamente in pubblico va coniugato con lo status di magistrato, che impone un onere di sobrietà e compostezza più elevato di quello richiesto a un comune cittadino. E, se vista l’episodicità dell’accaduto, non ci sono gli estremi per ipotizzare un’incompatibilità di Ingroia con le sue funzioni di pubblico ministero, il caso merita comunque l’attenzione della Quarta Commissione; Commissione che- nel caso il plenum accogliesse la richiesta- dovrà valutare se inserire, al termine di una procedura garantita, gli atti di questo procedimento nel fascicolo personale del pm di Palermo; con il risultato che se ne dovrà tener conto quando Ingroia sarà sottoposto alle periodiche valutazioni sulla professionalità alle quali ora è legata la carriera dei magistrati.

(Fonte ANSA)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

10 Commenti Condividi

Commenti

    Il calvario continua. Come uomo e come magistrato avrebbe meritato di non essere mai stato sottoposto a prcedimento disciplinare. Come d’ altronde non e’ avvenuto per suoi colleghi che, avrebbero ben meritato procedimenti disciplinari e la publica agogna. L’ archiviazione e ‘ l’ unica riparazione possibile ad un ignobile torto subito. Leggeremmo volentieri della chiusura del caso. Pro bono pacis.

    Proprio fatto episodico non era.
    http://www.livesicilia.it/2011/10/31/ingroia-polemiche-segno-di-imbarbarimento/

    Ingroia dichiara: ….”Ma io – ha aggiunto Ingroia – mi sono espresso in questi termini anche ad altre manifestazioni di partito nelle quali sono stato invitato, come l’Italia dei valori o Futuro e libertà, che non mi sembrano essere partiti comunisti. Non l’ho mai detto in un congresso del Pdl ma ci si dovrebbe chiedere perchè il Pdl non voglia sentire l’opinione dei magistrati ma solo attaccarli. L’unica eccezione che opporrei alla mia partecipazione a un’iniziativa di partito sarebbe quella di essere in contraddittorio con un mio indagato o un mio imputato”.

    Quindi per sua stessa ammissione è andato ad altri due manifestazioni di altrettanti partiti.

    Do per scontato che non saranno presi provvedimenti (troppo appoggiato e il CSM punisce solo Lorenzo Matassa che “lavora troppo”), tuttavia spero che Ingroia capisca di avere sbagliato e che si dedichi più a lavorare in Procura che a esternare.

    fatto episodico? e tutte le interviste partigiane? e le comparsate in tv? ma per favore… come al solito due pesi e due misure. VERGOGNA!

    Penso che sia molto evidente, che la maggioranza della magistratura sia di sinistra, non capisco di cosa ci dobbiamo meravigliare?? Solo se fosse il contrario ci sarebbe da meravigliarsi…

    altro caso di iperprotezione della super casta, come la definisce il buon Livadiotti, autore del libro “la supercsta” (sarebbe da far leggere per legge nelle scuole)il quale non h mi seguito la sorte degli altri due autori de “la casta” invitati in tutti i tolk show d’Italia. speriamo che a forza di impunità non escano dalla dimensione dei semidei per entrare in quella dei superumini. In questa condizione si ritrovò Mussolini e sfasciò quasi irrimediabilmente l’Italia.!!!!

    Solidarietà al procuratore ingroia,magistrato valoroso,coraggioso e onesto. Il csm pensasse ai magistrati collusi e insabbiatori,non ai magistrati coraggiosi come ingroia,che ogni giorno rischia la vita lottando contro mafia e collusi.

    Avete visto la vero casta chi sono??
    Ma come si puo pensare di essere giudicati in maniera serena e non per quello che rappresenti visto gli atteggiamenti manifestati palesemente da alcuno magistrato???
    Maaaaa

    Si certo poi dicono che fra di loro non si coprono e non si difendono. Vedrete che anche il caso della fidanzata di Armao, anche lei magistrato,sarà insabbiato.

    Ho avuto l’onore di essere presente a Rimini al congresso del PdCI. L’intervento di Ingroia ha rappresentato un momento alto di coscienza civile e politica. Difendere la Costituzione significa difendere i valori fondativi dello Stato, il nostro essere italiani. Grazie Ingroia.

    @Comunista, @Alberto , concordo con le vostre riflessioni. Perche’ l Csm non si occupa di due bug come Pignatone e Pstipino di cui ho letto cose inverosimili per quanto vere e sconcertanti. Ai posteri l’arsua sentenza. Questo CSM e’ quanto meno strabico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.