"Io, escluso dal sistema Saguto" | Lipani, 70 incarichi ai raggi X - Live Sicilia

“Io, escluso dal sistema Saguto” | Lipani, 70 incarichi ai raggi X

Il Tribunale di Palermo

Il commercialista confessa e apre una voragine investigativa. I pm chiedono di nuovo l'arresto

L'INCHIESTA
di
5 Commenti Condividi

PALERMO – Si sono lasciati con la certezza di doversi rivedere. Ieri è stato il giudice Marcella Ferrara ad ascoltare la confessione di Maurizio Lipani nel corso dell’interrogatorio di garanzia. Presto saranno i pubblici ministeri della Dda di Palermo a convocare il commercialista finito ai domiciliari con le accuse di peculato e auto riciclaggio.

Come hanno accertato gli agenti della Dia si è messo in tasca i soldi di due imprese che era stato chiamato ad amministrare dal Tribunale di Trapani. Per sua stessa ammissione il peculato di cui è si è autoaccusato va oltre i 350 mila finora emersi.

Lipani si è detto pentito di avere distrutto la sua vita, personale e professionale. Ha raccontato che ormai da un decennio non incassa le parcelle che gli spettano. Nel corso dell’interrogatorio ha fatto il nome di Silvana Saguto, sostenendo di non avere fatto parte del “cerchio magico” dell’ex presidente delle Misure di prevenzione del Tribunale di Palermo. Nel 2011 la Procura lo aveva scelto per gestire l’Abbazia Sant’Anastasia dell’imprenditore Francesco Lena (Lena sarebbe stato poi assolto in sede penale e gli furono dissequestrati tutti i beni).

Quando scattò la misura di prevenzione patrimoniale Saguto decise di sostituirlo. Lipani, anche dopo l’inchiesta che ha travolto l’ex presidente, avrebbe continuano a soffrire i tempi lunghi delle liquidazioni. E così ha raccontato di avere deciso di appropriarsi dei soldi con l’obiettivo di restituirli non appena avesse incassato il milione e 200 mila che lo Stato gli deve per le sue prestazioni professionali. Il dato certo è che i soldi presi non erano i suoi e Lipani ha violato i doveri di chi riveste un incarico di pubblico ufficiale.

Pur non godendo della fiducia di Saguto il commercialista si era comunque guadagnato la stima di altri magistrati. Lui stesso, sentito come testimone in un processo a Palermo, nel 2014 spiegò di avere “una settantina” di incarichi ricevuti dai “tribunale di Palermo, Messina Reggio Calabria e Trapani”.

Ecco perché la sua confessione rischia di aprire una voragine investigativa. Ad esempio a Lipani il Tribunale di Reggio Calabria aveva affidato nove società sequestrate e confiscate all’ex deputato e armatore Amedeo Matacena. Tra queste c’era la compagnia marittima Amadeus spa. Dai depositi bancari del colosso della navigazione Lipani ha prelevato più di 180 mila euro, girandoli su conti correnti intestati a se stesso e alla moglie.

Su un altro conto corrente personale sono transitati 137 mila euro di altre amministrazioni giudiziarie. Da qui la certezza dei pm di dovere interrogare di nuovo Lipani, ma anche la necessità di stoppare ogni suo possibile tentativo, al di là dei buoni propositi di collaborazione, di inquinare le prove.

Il procuratore aggiunto Paolo Guido e i sostituti Francesca Dessì e Gianluca De Leo avevano chiesto l’arresto, il gip ha ritenuto sufficiente la detenzione domiciliare. La Procura ha fatto subito ricorso al Riesame per chiedere l’aggravamento della misura cautelare.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    Un poveraccio ruba una mela e lo si butta in galera (si fa x dire)….e questo qui…persona colta ,di buona famiglia,benestante,ha la fiducia e le raccomandazioni per L affidamento di 70 incarichi…e cosa fa…ruba…??Lui ha confessato di aver preso 355 mila euro….non ci crede nessuno…questo qui ha confessato perché se le indagini vanno avanti chissà quanti soldi si è messo in tasca …sfruttando altre escamotage…per esempio dando lauti incarichi agli amici degli amici per poi farsi ritornare indietro in contanti la retribuzione…oppure nella vendita dei mezzi aziendali…oppure etc etc.
    Ma che esempio diamo ai ns figli??Questo qui va buttato in galera in mezzo ai delinquenti….che rispetto a lui sono dei signori…perché avranno commesso dei reati x bisogno…lui lo ha fatto x soddisfare i suoi capricci..

    Sicuramente non farà mai nessun nome di nessun magistrato, si farà 2 mesi di domiciliari e poi peggio di prima.

    Ancora una volta l’equazione di Socrate, ci fa comprendere che l’occasione buona rende l’uomo ladro.
    Che differenza c’è tra un indagato di mafia, a cui lo stato preventivamente, sequestra imprese, soldi e conti, e finisce in galera,
    È uno pseudo paladino della lotta antimafia, che in Teoria, dovrebbe gestire il patrimonio dell’indagato?

    La cosa che mi fa dare di matto è che sta gente ha 70 incarichi ma possibile ma perché si concentra tutto su una persona?perche per fare un lavoro che dovrebbe essere remunerato con stipendi normali sta gente purtroppo spesso incapace e che sovente porte le aziende al fallimento alla chiusura ai licenziamenti di personale deve prendere queste cifre??perche uno come lui avrebbe dovuto prendere un milioneduecentomila euro ma perché queste cifre??ma Perché?spesso neanche i titolari stessi prendono questi stipendi!!manla cosa più assurda che non si accontentano di cifre che all’occhio umano sono mostruose

    Era in concorrenza con l’altro sodalizio? Forse sarebbe il caso di farsi raccontare qualcosa della concorrenza …… che di certo conosce!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *