"Io, una siciliana all'inferno | Dovete restare a casa" - Live Sicilia

“Io, una siciliana all’inferno | Dovete restare a casa”

Siciliani in Lombardia, in una situazione tragica. E l'appello: "State attenti".

Coronavirus
di
3 Commenti Condividi

Grazia, siciliana dall’animo coraggioso, racconta, in presa diretta, com’è la Lombardia in questi giorni tragici. E lancia un sacrosanto appello: “State a casa, forse in Sicilia non si riesce a immaginare l’inferno che stiamo vivendo qui”. Lei è a Mantova, nella regione finora più colpita dal Coronavirus.

Racconta Grazia: “Stiamo bene al momento, viviamo nel terrore che ci salga la temperatura e tremiamo al minimo colpo di tosse. Tutto bloccato. Tutto surreale. I numeri non sono numeri, sono persone che conosciamo, con le quali abbiamo rapporti di affetto profondi. Ed è allora che la paura diventa sgomento, che il coraggio si trasforma in resa, che la speranza non alberga più nelle nostre vite. Non so come quando e se finirà. Me lo auguro per tutti, specie per i ragazzi che al momento hanno messo in stand by i loro sogni. Non sognare a ventidue anni non è facile. Anzi. È una prova tremenda”.

Il racconto continua: “A Mantova sembra di essere dentro la sceneggiatura di un film. Quando ero bambina, credo intorno al 1978, la RAI trasmise I sopravvissuti, un telefilm a puntate che raccontava di quattro o cinque persone scansate da un’epidemia. Mi ritorna in mente quell’angoscia che provai da bambina e mai, mai, avrei potuto pensare di essere parte del cast. Qui, chi può, non lavora, i supermercati sono deserti e al contrario dei primi giorni poca gente si aggira tra gli scaffali. Chi ha bisogno della spesa, e deve per forza uscire, guarda l’altro essere umano in cagnesco, qui tutti siamo potenziali untori. Questa storia non solo allontana, ma fa venir fuori l’egoismo e l’istinto di sopravvivenza di ognuno. Si vedono solo mezzi della protezione civile girare, si sentono ambulanze a raffica. Amici miei sono in quarantena, ammalati, senza tamponi. E non lo fanno, manco a pagarlo oro. La domanda del medico è sempre la stessa. “Respira? “…. Finché respiri tampone negato. Termometro, tachipirina e macchinino che misura l’ossigeno nel sangue sono i compagni di viaggio di questo esilio”.

E ancora: “Tanti hanno perso un familiare. Era vecchio, si. Ma quel vecchio era il padre, la madre, il fratello di amici miei. Non un funerale, solo una benedizione fugace. Da una parte gli appestati e dall’altra, a distanza, i sani. Sopra tutto e tutti, a vigilare, le forze dell’ordine. In lacrime anche loro per quegli abbracci mandati a distanza, per quei mimi che raccontano dolore al cuore per una carezza che non si può dare. Questo vivo. E vivo le lacrime dei miei figli che alternano momenti di sconforto a senso di responsabilità. Raccontalo pure. Racconta tutto. Svegliatevi, palermitano e siciliani. Svegliatevi. State a casa con la massima osservanza delle regole. Ho amici a Bergamo che se la passano molto peggio di noi. Questo è l’inferno. L’unica speranza che abbiamo è la responsabilità”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Ho una figlia a milano, barricata in casa con un bambino di due anni e mezzo. Vi lascio immaginare il mio stato danimo. A parte questo noto una cosa che nessuno dice: in italia ci sono troppi morti! Su due persone che vanno inrianimazione, uno muore. Io penso che il fatto di dire: curatevi a casa finché non avete sintomi gravi è deleterio. Quando arrivano i sintomi gravi che consentono il ricovero è troppo tardi! Sono geologo e se c’è una frana che minaccia una abitazione non ho mai detto: state nella vostra casa e vedete come si evolve la frana che, improvvisamente si può evolvere e travolgere la casa. Dico scappate subito e poi di vedrà . Infermiere di 38 anni che è morto si stava curando a casa. I morti della casa di riposo sono morti senza avete fatto un tampone, così come gli altri ospiti rimasti nella casa. In corea del sud cercano le persone potenzialmente a rischio anche con i sistemi satellitari e impongono il tampone, cosa che si dovrebbe fare anche da noi. Nelle carceri dove sono stati accertati dei casi positivi è ststo dispost il tampone per detenuti e personale di custodia? Io penso che questo avviene perché, al di là dei posti in rianimazione non abbiamo posti per ricoverare i positivi sintomatici e nessuno lo dice. Ripeto, i morti sono troppi.ppercentualmente più che in ogni altro paese. Diciamo un po’ di verità !

    Tutti dovrebbero leggere la lettera della sig.ra Grazia siciliana a Mantova. Una verità sconcertante
    che molti a Palermo non hanno capito. Ne va di mezzo non solo la loro salute ma sopratutto la nostra Se vogliamo sopravvivere bisogna stare a casa. Uscire significa contagio. ED ALLORA STIAMO DENTRO

    Grazie per l’articolo e la testimonianza di Grazia.

    Forza e coraggio a tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *