La Duma dice sì alla legge| contro la "propaganda gay" - Live Sicilia

La Duma dice sì alla legge| contro la “propaganda gay”

Tra polemiche e consensi è stata approvata da parte della Duma, la Camera bassa del Parlamento russo, l'astensione del divieto di propaganda omosessuale a tutto il Paese. Putin: "Devo occuparmi dei diritti di chi genera prole".

russia
di
2 Commenti Condividi

MOSCA – Non si potrà più parlare in pubblico dei loro diritti, dei loro amori e delle loro speranze. Da un semplice bacio in strada al Gay Pride, ai cittadini omosessuali sarà vietato ogni diritto. E’ questa la decisione della Duma, la Camera bassa del Parlamento russo che ha approvato ieri l’estensione a tutto il territorio del divieto di propaganda omosessuale, legge già in vigore a San Pietroburgo, Kaliningrad e altre città della Russia. Con 388 voti a favore, uno contrario e un astenuto è stata approvata la legge contro la “propaganda omosessuale”. Questa nuova-vecchia legge dal gusto tutto sovietico emarginerà del tutto i cittadini gay. Ecco che il giudice di turno, sulla base di questa definizione vaga di “propaganda” potrà sanzionare chiunque “osi” esprimere un’opinione sulla situazione degli omosessuali con multe dai 100 euro ai 15mila euro.

E seppure non si possa parlare dell’articolo 121, imposto da Stalin nel ’34 e abolito nel ’93, per il quale erano previsti cinque anni di carcere per il “reato di omosessualità”, tanti anni di omofobia hanno certamente lasciato un segno. Proprio ieri un gruppetto di contestatori, iscritti al Russian Lgbt Network, movimento semiclandestino di attivisti del paese, ha sfidato le truppe speciali di guardia al Parlamento baciandosi e gridando slogan contro l’omofobia. Colpiti da qualche manganellata, i trenta manifestanti sono stati catturati e portati via su un unico furgone, mentre alcuni estremisti della Chiesa ortodossa li “salutavano” a colpi di sputi.

E mentre in aula la voce del popolo si ribellava alla decisione, affermando di essere “in Russia e non a Sodoma e Gomorra”, dai sondaggi della Levada Center, importante istituto di ricerca statistica, è emerso che il 65% della popolazione è d’accordo con il provvedimento approvato dal Parlamento. Ad accogliere con favore la legge anche molti personaggi pubblici e la Chiesa ortodossa.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Putin da degno erede del comunismo piú spietato, che serviva in veste di agente del KGB, si sta confermando un dittatore di staliniana memoria.
    C’é da sperare che non usi altro polonio.

    Povera Russia. Non le è bastato il comunismo?

Leave a Reply

Your email address will not be published.