La loggia segreta del malaffare| Una macchina di clientele e favori - Live Sicilia

La loggia segreta del malaffare| Una macchina di clientele e favori

Pressioni ai deputati, nomine, pensioni e posti di lavoro. Ecco come funzionava il sistema

Blitz Artemisia
di
8 Commenti Condividi

“Un sistema di potere capace di condizionare la vita politica, ma anche di asservire ai propri interessi un ente come l’Inps”, sono dure le parole con cui il procuratore aggiunto di Trapani Maurizio Agnello descrive lo spaccato venuto fuori dal blitz che ha portato in carcere ventisette persone.

Giovanni Lo Sciuto, sulla base delle indagini dei carabinieri coordinati dal procuratore Alfredo Morvillo, aveva creato una loggia segreta in un terra dove la massoneria ha occupato da sempre posti chiave.

Molti degli indagati fanno parte della “Loggia Hypsas”. In questo caso, però, non si tratta semplicemente di massoneria, la cui esistenza non è di per sé un reato, né di attività lobbying, ma di un gruppo ristretto di potere “avente il carattere di segretezza, che manifesta il suo operato anche attraverso rapporti e pressioni occulti volti a realizzare ingerenze sulle decisioni della pubblica amministrazione”. Il perimetro è quello circoscritto dalla legge Anzelmi.

Dalle pressioni “sui componenti dell’Ars volti a garantire l’approvazione dei finanziamenti in favore di Paolo Genco (alla guida dell’Anfe, colosso della formazione professionale travolto dagli scandali)” alla “campagna denigratoria nei confronti di Bruno Marziano (ex assessore alla Formazione)” che si era opposto all’approvazione degli avvisi per l’erogazione dei contributi, dall’assegnazione di pensioni di invalidità a chi non ne aveva diritto “al rapporto con le forze dell’ordine il cui ufficio viene piegato a interessi meramente personali”, fino al controllo totale della vita politica del Comune di Castelvetrano dove l’ex sindaco Felice Errante si sarebbe prestato al gioco sporco.

Ecco come viene descritta l’ingerenza illecita nella vita amministrativa: “Lo Sciuto e i suoi sodali, dopo aver governato tramite il sindaco Errante e il vice sindaco Chiofalo dal 2012 al 2017, raggiungevano un accordo con l’ex rivale politico Luciano Perricone, finalizzato alla elezione del predetto alla carica di sindaco in occasione delle elezioni del 2017 (non tenutesi in considerazione del sopravvenuto commissariamento del Comune)”.

I membri della loggia segreta si riunivano in una pizzeria, la Miros di Castelvetrano, per passare dalle parole ai fatti. “Oggi io tramite il comune, sto facendo un sacco di cortesie – diceva Lo Sciuto – o direttamente o tramite Errante, o tramite Enzo Chiofalo o tramite quello, cioè io utilizzo il comune anche per gli amici miei che hanno bisogno, quindi per me alla fine, alla fine del percorso… se a Castelvetrano per dire avevo 2000 voti ne me trovo per dire 2.500 perché 500 li ho conquistati perché ho utilizzato il Comune di Castelvetrano.”.

I favori erano la base per incrementare il consenso elettorale che nel 2017, però, non bastò a Lo Sciuto per essere rieletto all’Ars con il Nuovo Centrodestra. Nel frattempo avrebbe piazzato suoi uomini ovunque. I loro nomi vengono elencati nell’ordinanza di custodia cautelare. C’è il commissario straordinario dell’Ipab Infranca, Concetta Susanna Maltese, nominata nel 2016 dall’assessore regionale della famiglia Gianluca Miccichè. Maltese un anno prima era già entrata a far parte dell’ufficio di gabinetto dell’assessorato dei Beni culturali. “Abbiamo preso pure un esterno… ci ho messo a quella, a Cettina Maltese”, diceva Lo Sciuto. E Maltese, in cambio “cedeva di fatto a Lo Sciuto Giovanni la paternità delle linee guida dell’Ipab”.

“La ragnatela di potere intessuta da Lo Sciuto permetteva al potente ras di Castelvetrano di interferire in modo decisivo – dicono gli investigatori – anche sulla nomina del direttore del Parco archeologico di Castelvetrano … veniva scelto, in linea con la sponsorizzazione di Miceli (Nicola Miceli, della loggia Demetra 240), l’architetto marsalese Enrico Caruso”.

Nel 2015 Lo Sciuto aveva già inserito nella segreteria tecnica dell’assessore regionale ai Beni culturali Carlo Vermiglio il suo braccio destro ed ex consigliere comunale di Castelvetrano, Giuseppe Berlino. Una nomina, così viene descritta, per “attendere ai desiderata del deputato in tutta una serie di rapporti con dirigenti e funzionari dei vari assessorati regionali e disbrigare quelle pratiche amministrativeclientelari d’interesse del parlamentare”. “Tu ai beni culturali ci devi stare… non è che tu sei là per andare a lavorare, Peppe. Non è che tu ci sei andato per lavorare: ci sei andato per curare le nostre cose”, diceva Lo Sciuto a Berlino.

Una macchina di clientele e favoritismi. In una terra dove la disoccupazione offende la dignità della gente, il lavoro diventa la principale merce di scambio. Anche chi indossava una divisa si è piegato al volere di Lo Sciuto. Salvatore Passanante, poliziotto del commissariato di Trapani, e Salvatore Virgilio, in forza alla Dia di Trapani, avrebbero passato notizie riservate su indagini in corso ottenendo in cambio l’assunzione delle mogli all’Anfe di Genco. Un favore avrebbe ottenuto, sempre in cambio di notizie riservate, anche un terzo poliziotto, Salvatore Giacobbe: “L’accelerazione dell’esame della pratica di approvazione delle tabelle dietologiche, necessarie ai fini dell’accreditamento della Cooperativa Omega presso la Regione Siciliana quale centro di accoglienza di minori migranti”. Presidente e vice presidente del Cda dell coop erano ola moglie e il suocero di Giacobbe.

Ed è in un contesto di degrado sociale che affonda la storia delle truffe all’inps per ottenere pensioni e punteggi di invalidità gonfiati. Una settantina i casi su cui si indaga. E qui entra in gioco la figura dell’avvocato Vincenzo Salvo di Castelvetrano, già maestro venerabile della loggia Garibaldi, iscritto dal 2016 alla loggia Hypsas e membro del Circolo Sociologico Italiano. Le pratiche bocciate dall’Inps finivano sul tavolo di Salvo che ne curava i ricorsi. Ricorsi il cui esito veniva ribaltato grazie all’appoggio di Rosario Orlando, responsabile del Centro Medico Legale dell’Inps.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

8 Commenti Condividi

Commenti

    Nel Trapanese NON LI HANNO BECCATI TUTTI

    A proposito di ANFE e di altri Enti di Formazione notoriamente ben gestiti la Regione sta facendo qualcosa per recuperare i milioni di euro che si sono diciamo persi per strada o li considera come sempre irrecuperabili? Sarebbe una inversione di tendenza nonchè un bel segnale che l’Assessorato Regionale Istruzione cominci finalmente ad interessarsi al loro recupero anche perchè sono soldi di tutti i contribuenti.

    Classico esempio di quello che vuole la classe politica siciliana al potere : mantenere il controllo assoluto sulle assunzioni con imprenditoria collusa e connivente e nello stesso tempo osteggiare il più a lungo possibile quegli imprenditori onesti che non vogliono concedere assunzioni ai politicanti di turno ma che vogliono giustamente essere loro stessi a scegliermi la forza lavoro così come a Trapani così come in tutta la Sicilia è così si soffoca ogni occasione di sviluppo di chiunque abbia una minima intenzione di investire in Sicilia .
    Ma lo sapete che ad oggi esistono grandi investitori pronti a realizzare a Mazara del Vallo un grande centro commerciale su una superficie di circa sessantamila metri quadri su cui insiste progetto centro commerciale immediatamente esecutivo e che il loro unico dubbio per tale investimento risulta legato esclusivamente alla “ situazione ambientale “ termine molto raffinato , ho comunque detto a tali probabili investitori di leggersi gli ultimi articoli agli arresti e sulle recenti inchieste per rendersi conto che condizionare assunzioni e investimenti in provincia di Trapani risulta e risulterà sempre più difficile se non impossibile

    Purtroppo molti personaggi sono ancora attivi nei vari uffici pubblici. Il fatto che i vertici sono acquiescenti e non fanno nulla per rimuovere le incostrazioni, i conflitti d’interessi. Il motivo è quello di mantenere la poltrona. e cosi la sicilia affonda. Io penso che quello che emerge è solo la punta di un abbisso di malcostume politico amministrativo.
    Mi aspetterei una bella reazione della politica con Musumeci in testa, ma dubito che accada qualcosa.

    La corruzione e l’inefficienza della Giustizia italiana sono il vero cancro del Paese.

    O L’AUTORE DELL’ARTICOLO DESCRIVE MALE IL FATTO ACCADUTO

    O LO DESCRIVE MALE PERCHÉ HA POCO MATERIALE A DISPOSIZIONE

    O LO DESCRIVE MALE E POCO, PERCHÉ AL NETTO DELLA RILEVANZA MEDIATICA DELL”OPERAZIONE, SI TRATTA DI TROPPO FUMO E POCO ARROSTO.

    BASTA VEDERE DI COSA È INDAGATO L’EX PRESIDENTE CASCIO. INDAGATO IN POMPA MAGNA, PER FAVOREGGIAMENTO SEMPLICE.
    A MIO AVVISO C’E’ UNA COMMISTIONE DI PERSONE E PICCOLI REATI, CHE VISTI DALL’ESTERNO SEMBRA PERÒ UN GRANDE POLVERONE

    ………..ma questa è solo la tesi dell’accusa, ora bisogna attendere la tesi della difesa, chissà che l’inchiesta si allarga ancora un po?

    MA se viene indagato un politico trattasi di piccioli reati da minimizzare e magari gli si deve pure chiedere scusa per il disturbo mentre se viene indagato un poveraccio che non ha amicizie per lucrare un posto di lavoro o una clientela quello diventa un pericoloso criminale , sino a quando in Sicilia esisteranno persone che ragionano come te non esisterà alcuna speranza di riscatto per questa terra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *