"La mafia al Comune di Bolognetta": edilizia e servizi funebri, 2 arresti

“Mafia al Comune di Bolognetta”: edilizia e servizi funebri, 2 arresti

Fermo disposto dalla Dda. "Carte false in Tribunale per ottenere la revoca di un fallimento" VIDEO
1 Commenti Condividi

PALERMO – “Mafiosi e imprenditori capaci di imporre il monopolio nei settori delle onoranze funebri e dell’edilizia”. Sono le accuse con cui la Direzione distrettuale antimafia di Palermo ha deciso di fermare Carlo Salvatore Scalfani, 46 anni, e Mario Pecoraro, di 45, entrambi di Bolognetta. Ed è nel paese in provincia di Palermo che gli indagati avrebbero scalato le posizioni fino a raggiungere un ruolo di vertice nella famiglia mafiosa.

Le indagini dei Carabinieri della compagnia di Misilmeri, coordinate dal procuratore aggiunto Salvatore De Luca, hanno analizzato il periodo della reggenza di Stefano Polizzi e quello successivo all’arresto di quest’ultimo, avvenuto nel dicembre 2018 nel blitz “Cupola 2.0”.

I due fermati si sarebbero messi a disposizione del capofamiglia, avvantaggiandosi dei vecchi rapporti con il capo mandamento di Belmonte Mezzagno, Salvatore Sciarabba, pure lui arrestato nel bliz del dicembre di tre anni fa.

Un capitolo delle indagini riguarda il condizionamento mafioso dell’attività dell‘amministrazione comunale che ha affidato commesse pubbliche agli indagati violando i principi di trasparenza e imparzialità.

Tenente colonnello Angelo Pitocco, Comandante del gruppo carabinieri di Palermo

Sclafani e Pecoraro si sarebbero liberati della concorrenza un altro titolare di agenzie funebri con la forza dell’intimidazione.

Infine c’è un ulteriore e delicato capitolo investigativo. Sarebbe stata preparata una documentazione falsa da produrre alla Corte di Appello di Palermo per ottenere la revoca della dichiarazione di fallimento della società I.C. Servizi srl. Successivamente avrebbero ripulire il corrispettivo della falsificazione reimpiegando il denaro nelle proprie attività imprenditoriali.

Nel corso del blitz sono state sequestrate tre aziende, conti correnti e il patrimonio immobiliare delle società per un valore complessivo di circa 4 milioni di euro.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Ma i carabinieri hanno creato uno studio cinematografico?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *