La tragedia sulla strada verso casa| La vita di Chiara spezzata a 28 anni - Live Sicilia

La tragedia sulla strada verso casa| La vita di Chiara spezzata a 28 anni

Chiara Bono, 28 anni

In condizioni gravissime una 14enne che si trovava sull'altra auto. E' in coma a Villa Sofia.

Lo schianto sulla statale 113
di
4 Commenti Condividi

PALERMO – Stava tornando a casa da suo marito, ancora pochi chilometri e lo avrebbe riabbracciato. Quel percorso le ha però teso una trappola terribile e Chiara, stavolta, non è riuscita a raggiungere il paese di Borgetto, dove abitava da diversi anni. Chiara Bono, 28 anni, era originaria di Partinico, alle porte della città: percorreva quasi quotidianamente quel tratto della strada statale 113, nei pressi della cantina Cusumano, dove la sua vita ieri sera si è spezzata.

Lo scontro frontale tra la sua Renault ed una Lancia Y non le ha lasciato scampo. La sua auto si è accartocciata sul ponte, lei è rimasta intrappolata tra quelle lamiere. E al suo arrivo in ospedale non c’era già più niente da fare. Al pronto soccorso di Partinico la prima a sapere che Chiara non ce l’aveva fatta è stata la sorella: “Abbiamo tentato di confortarla – racconta chi era sul posto – di farle coraggio. Ma in questi casi non esistono parole in grado di consolare”. Salvo Scocciapraia, un fotografo della zona, ieri sera ha visto coi propri occhi quello che è accaduto e si definisce un “miracolato”.

“Stavo per effettuare un sorpasso quando pochi metri più avanti si è verificata la tragedia – dice -. Stavo andando da Trappeto a Partinico quando ho assistito ad una scena terribile: un polverone, poi le auto distrutte, i feriti e il sangue. Ho subito chiamato i soccorsi, compresi i vigili del fuoco perché era evidente che i passeggeri fossero intrappolati tra le lamiere. Poi, sotto choc, mi sono recato anch’io al pronto soccorso e lì mi sono reso conto che purtroppo la ragazza non ce l’aveva fatta”. Un impatto violentissimo che oltre ad una vittima ha provocato cinque feriti.

La più grave è una ragazza di 14 anni, che si trovava a bordo della Lancia Y guidata da A.C., un  50enne. L’uomo si trovava con la figlia ed alcune amiche della giovane, comprese due sorelle. La ragazza è ricoverata al trauma center di Villa Sofia in condizioni gravissime. E’ in coma farmacologico ed ha riportato danni neurologici: nelle prossime ore sarà trasferita in Neurorianimazione.

In base a quanto ricostruito dai carabinieri di Partinico una delle due auto avrebbe invaso la carreggiata opposta: una manovra azzardata che ha provocato inevitabilmente lo schianto. Ed oggi Partinico e Borgetto si sono svegliati in lacrime, perché in molti nei due paesi conoscevano la ventottenne ed il marito, che avevano un negozio di autoricambi. “Chiara – scrivono su Facebook gli amici della giovane – adesso sarai l’angelo più bello, con la tua dolcezza e il tuo sorriso che nel nostro cuore saranno indelebili”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Questo tratto di strada è ad altissima pericolosità. Tanti incidenti, tante vite perdute in una strada che è un intreccio continuo di ingressi per abitazioni private, attività commerciali, supermercati e grandi magazzini, una strada dove si corre sempre velocemente. Cosa bisognerà attendere che accada ancora prima di effettuare i necessari interventi per mettere in sicurezza la cittadinanza? Molto spesso la prudenza non basta perché viene annullata dall’imprudenza di altri. Il cartello con il limite di velocità è considerato un arredo perché su quella strada è impossibile da rispettare (se tu vai piano chi ti arriva dietro inveisce contro di te e ti costringe a non rispettarlo) e il controllo elettronico della velocità non esiste o viene fatto soltanto per poche ore. Dopo questa ennesima vittima quando chi di competenza interverrà per fare l’unica cosa possibile su questa strada: separazione delle carreggiate, illuminazione e messa in sicurezza degli accessi? Intanto rimane il dolore e la rabbia per una vita spezzata e preghiamo Dio affinché non se ne aggiungano altre. Un abbraccio forte alla famiglia, ai parenti ed a tutti quanti Le hanno voluto bene.

    Dispiace per la giovane donna che a perso la vita e per i feriti. Ma le strade siciliane sono pericolosissime. Basta poco per morire. A Palermo hanno messo gli autovelox ed un limite di velocità a 70 Km/h in circonvallazione. Dopo che sono cominciate ad arrivare le multe e i provvedimenti relativi ai punti sulla patente gli incidenti ed i morti sono diminuiti.
    Magari installando tali autovelox sulle strade statali e sulle provinciali si riuscirebbe ad avere lo stesso risultato.

    continua la mattanza sulle strade e purtroppo sembra che nulla possa distogliere i guidatori da comportamenti equilibrati
    l’automobile non è un salotto dove si chiacchera si guarda la tv o altro è qualcosa da maneggiare con cura …una piccola distrazione e ciao
    spiace per la giovane donna deceduta e per i feriti

    Quel tratto di strada è quasi rettilineo, con una visibilità che, a tratti, giunge a diverse centinaia di metri. Uno scontro frontale è un’imprudenza, da parte di uno dei conducenti, madornale ed evitabilissima.

    Far stabilire all’ago di un tachimetro quale sia il comportamento a rischio e farlo controllare da un automatismo che scatta delle foto mi pare una maniera ottusa di risovlere i problemi.

    Sositutire un cervello con un autovelox è proprio la peggiore delle soluzioni. L’autovelox non c’entra proprio niente; se un’auto ha invaso la corsia opposta, cosa può entrarci l’autovelox?

    Qui la dinamica, se si guarda anche soltanto la foto pubblicata, lascia poco spazio ai dubbi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.