Le partite, Musumeci, Miccichè: la Finanziaria della vergogna

Le partite, Musumeci, Miccichè: la Finanziaria della vergogna

I giochi di potere e la Sicilia che aspetta, invano, risposte.
PALAZZO DEI NORMANNI
di
2 Commenti Condividi

Della Finanziaria bloccata, quando, finalmente l’eterna seduta aperta il 30 aprile e mai chiusa approderà a qualcosa, verrà tragicomicamente ricordato il contorno. La battuta di Gianfranco Miccichè sul sollievo perché lui e Cracolici avrebbero potuto vedere in santa pace Juventus-Inter. Un altro ‘provvidenziale’ stop che permette una discreta fuga verso lo stadio ‘Barbera’, un tempo perennemente sospeso – il tempo del privilegio e di chi può permettersi di sospenderlo – con le risposte concrete, il centro perduto, che non arrivano, un acido rimpallo di responsabilità, dietro ai quali lampeggia qualche sorriso castale.

E poi ancora, il vertice del centrodestra con Roberto Lagalla, tanto si sa che le cose davvero importanti riguardano poltrone, poltroncine e seggiolini. Un presidente della Regione in forma smagliante, che si tiene lontano dall’aula, ma che che rilascia interviste edificanti in cui spiega di avere perdonato Micciché, quel birboncello, per certe sue recenti intemperanze. Una opposizione che polemizza perfino con i muri, dimenticando che, in quelle contrade e da moltissimi anni, la storia non cambia.

E poi? Cosa resta nell’elenco? Ah sì. Il braccio di ferro, i calci metaforici negli stinchi, le smentite e le trascrizioni. Quella promessa da marinai o da politici: ‘chiudiamo oggi’, che si aggiornerà automaticamente domani. E il senso di spossatezza nell’annotare che la Sicilia agonizzante e immobilizzata deve pure sostenere lo spettacolo di svariati conflitti di potere – politici, elettorali, personali e faziosi – che nulla hanno a che fare con le sue domande senza soluzione.

Per cui andiamo avanti così, in questo eterno 30 aprile che ha fermato le stagioni, tra sorrisini, battutine, intervistine e sceneggiatine. Il diminutivo non è casuale e dovrebbe essere seguito da un colossale sentimento della vergogna. Tuttavia, la vergogna, da quelle parti, è come il celebre gatto di Alice nel Paese delle meraviglie. Non si vede, proprio perché c’è.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Un altro gatto, questa volta quello di Alice, si aggiunge alla fattoria degli animali di Sala d’Ercole, Palazzo d’Orleans e Ambelia. Con cavalli (veri) ci sono le iene, gli sciacalli e i leoni di Musumeci, e i gatti di Micciché. A proposito, sembra che il centrosinistra per le regionali stia preparando le primarie che avranno un loro titolo “Ce l’hai un gatto?”.
    Eppure fra tanti animali non si riesce a varare neanche una finanziaria della vergogna. Ma ha da venì novembre! Sarà il mese buono per fare di Musumeci e Micciché due presidenti emeriti.
    Magari con un gatto… a nove code.

    Miccichè si è esposto apertamente, ma nessuno lo vuole ricandidare.
    Così dicono

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.