Legato al cospetto del padrino| Il racconto dell'orrore - Live Sicilia

Legato al cospetto del padrino| Il racconto dell’orrore

Salvatore Lo Piccolo il giorno dell'arresto

Fu Lo Piccolo (Foto da S) a interrogare Tocco. C'è chi  "mescolava dentro il fusto con il cadavere".

PALERMO - LE INDAGINI SULL'OMICIDIO
di
5 Commenti Condividi

PALERMO – Giampiero Tocco era legato alla sedia, al cospetto del suo carnefice, il boss Salvatore Lo Piccolo. Il macellaio di Terrasini era accusato di avere attirato in trappola Peppone Di Maggio, figlio del capomafia di Cinisi, don Procopio, alleato del capomafia di San Lorenzo.

“Lo sai chi sono io?”, chiese il boss a Tocco. Lui chinò il capo: “Sì e ne sono onorato”. Lo Piccolo gli contestò la partecipazione all’omicidio e il macellaio rispose: “Fu deciso da persone che stanno molto in alto”. Forse alludeva a Bernardo Provenzano che nel 2000 era il capo di Cosa nostra. Totuccio, il barone di San Lorenzo, fu di poche parole: “Tu non hai capito che l’alto sono io”.

Settembre 2016. Antonino Pipitone, boss di Carini e ormai pentito, racconta i retroscena dell’omicidio al pubblico ministero Roberto Tartaglia. Lui sa chi e perché decise di ammazzare Giampiero Tocco: “Nei primi anni duemila… appresi della scomparsa del fratello di Gaspare Di Maggio, di nome Peppone. Salvatore e Sandro Lo Piccolo erano particolarmente innervositi per quella notizia. Dopo la scomparsa, si iniziò a cercare Peppone nella zona di Cinisi, ma senza alcun risultato. Dopo un po’ di tempo si seppe che il corpo era stato ritrovato a Cefalù”.

La macchina della giustizia sommaria dei boss Lo Piccolo si era messa in moto: “Iniziarono un’attività volta a capire chi fosse stato responsabile di questo omicidio, ma non so dire né quali canali attivarono, né a quali risultati giunsero. Un po’ di tempo dopo, Salvatore e Sandro Lo Piccolo ci dissero che avremmo dovuto indossare uniformi da poliziotti, che furono fornite da Pulizzi”.

E venne il giorno dell’esecuzione del piano di morte: “Nella macchina c’ero io (che guidavo), due persone di Palermo che non avevo mai visto prima e una quarta persona che in questo momento non ricordo. Tutti indossavamo una pettorina della polizia e ricordo anche la presenza di un lampeggiante. La macchina era una Fiat Uno rubata e partimmo dalla casa di Vito Palazzolo. Pulizzi e Ferdinando Gallina si occupavano di fare la staffetta”. Una volta rapito Tocco “siamo quindi andati a Torretta da Angelo Mannino, nella sua abitazione. A casa di Mannino c’erano Salvatore e Sandro Lo Piccolo, i miei zii Vincenzo e Giovan Battista, Angelo Conigliaro, Ferdinando Gallina, Angelo Mannino e Antonino Di Maggio e Gaspare Pulizzi”.

Il racconto si fa macabro: “Tocco venne legato a una sedia per essere interrogato: durante questo interrogatorio rimasero dentro i miei zii Vincenzo e Giovan Battista e i due Lo Piccolo, Damiano Mazzola ed anche i due palermitani che erano stati nella macchina con me”. A Nino Pipitone toccò il lavoro sporco: “Dopo un po’ di tempo, fui chiamato da mio zio Giovan Battista che disse che avremmo dovuto portare il corpo in campagna: se ne occuparono materialmente Pulizzi e Gallina. Arrivati in campagna, alla presenza dei miei zii e di Antonino Di Maggio, il corpo fu messo in un fusto di acido e sciolto: ricordo che Angelo Conigliaro (nel frattempo deceduto), che dava ogni tanto una mescolata al fusto, conservò anche gli effetti personali di Tocco”.

 

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    non ci sono parole….

    C’ è una morbosa curiosità nel declinare certi particolari che il rischio di far emergere un lato “oscuro e affascinante” di certa ritualità è decisamente pericoloso….specie nei giovani. Di contro, si è cosi attenti a non far trapelare nomi,dettagli,pessime abitudini di quello zoo di vip e finti tali che muovono la movida o che,peggio ancora, abitano le stanze della “legalita”…..

    Onore al Maresciallo Calogero Di Bona Vice Comandante dell’Ucciardone di Palermo.
    ONORE ai caduti.

    Scusate ma è più forte di me.
    Provo goduria nel vedere la foto che avete pubblicato.

    Questa è la mafia: morte e sopraffazione

    SONO TUTTI UNA MONTAGNA DI MERDA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *