Lo scontro Miccichè-Falcone, "Caro Marco...Forza Italia non sei tu" - Live Sicilia

Lo scontro Miccichè-Falcone, “Caro Marco…Forza Italia non sei tu”

Carmelo Coppola, coordinatore regionale pari opportunità di Forza Italia, si rivolge all'assessore all'Economia
LA LETTERA
di
5 Commenti Condividi

Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di Carmelo Coppola, coordinatore regionale dipartimento Pari opportunità di Forza Italia, sulla lite interna al partito tra Gianfranco Miccichè e Marco Falcone. Coppola si rivolge all’assessore all’Economia.

Caro Marco, “uso questa accezione” perché da sempre la usiamo nei nostri incontri politici, dove siamo sempre stati abituati ad utilizzare vicendevolmente questo garbo. Per la prima volta dopo molto tempo voglio congratularmi con te,  ti sembrerà strano, ma voglio farlo, perché finalmente sei riuscito ad esternare la tua vera natura, quella natura che spesso nascondi con i tuoi toni pacati e che di solito fai uscire solo a telecamere spente quando ti senti al sicuro da occhi e orecchie indiscrete! Come quando ti senti a casa, ma questa volta sentendoti a casa, forse hai dimenticato che le telecamere fossero accese o forse essendo cosciente di questo e della platea che sapevi apprezzarti come uno di casa ti sei lasciato andare.

In questi anni, molte volte hai attaccato il nostro coordinatore regionale per i suoi modi, facendo spesso allusioni a usi e costumi da cui prendevi le distanze in modo sprezzante e invece l’hai superato di gran lunga. Ma non è qui che voglio soffermarmi! Vorrei, piuttosto, entrare nel merito di quello che è accaduto domenica alla festa del tricolore dove teoricamente sia tu che Miccichè eravate ospiti, e si caro Marco, scrivo teoricamente perché forse tu hai pensato per un attimo di ritrovarti a casa…

Hai peccato di savoir-faire dicevo, perché non si alza la voce a casa di altri, non si accusa di inadeguatezza chi da quando è al comando del partito ha ottenuto i migliori risultati in Italia e soprattutto lasciamelo dire, non lo si fa a chi ha permesso nel governo Musumeci che tu fossi Assessore-coordinatore provinciale e coordinatore cittadino (unico caso in ITALIA) all’interno del Nostro partito, e non per ultimo non si dice “te ne devi andare a casa” e ancora “Forza Italia non ti riconosce” perché caro Marco, FORZA ITALIA NON SEI TU!!! e la stessa Forza Italia non ti ha realmente riconosciuto nel NOSTRO partito ….

Comprendo che l’essere cosciente di non poter diventare un fratello d’Italia “non che servisse la sfuriata per questo” sia un macigno per te… ma non è con queste manifestazioni che potrai diventare il leader del Nostro partito… noi siamo realmente cattolici, liberali, laici, riformisti ed europeisti!!

Un forzista da sempre!!!


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    Falcone, uso improprio di accrescitivo. La forma corretta è Falco. Nel caso di specie, falchetto.

    Sto con Falcone. Miccichè è di visivo arrogante

    Ma con quale coraggio si difende Micciche che se si guarda al passato pur di averla vinta lui ha spaccato sempre il partito non si capisce per quale motivo Berlusconi non lo cacci

    Avanti con il II° tempo

    Ill.mo Coordinatore Coppola il suo scritto e’ mirabile.
    Complimenti,complimenti e complimenti ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *