“Stron..!”, “te ne devi andare!”: Falcone e Miccichè di fuoco VIDEO - Live Sicilia

“Stron..!”, “te ne devi andare!”: Falcone e Miccichè di fuoco VIDEO

Scontro senza freni alla convention di Fratelli d'Italia di Catania. L'ex presidente dell'Ars e l'assessore al Bilancio ai ferri corti
IL CONVEGNO
di
15 Commenti Condividi

CATANIA – Dopo il primo “stronzo”, detto scherzosamente ma forse non troppo da Miccichè, Marco Falcone prende il microfono. Gianfranco Miccichè se l’era cucinato per bene, rievocando i retroscena piccanti degli accordi mancati per la vicepresidenza di Michele Mancuso e la presidenza di Gaetano Galvagno. Più la contestazione, con qualche mugugno della sala, della continuità con Nello Musumeci. LEGGI LA RICOSTRUZIONE DELLE FRASI DI MICCICHÈ

A quel punto la pentola era incandescente e dopo aver iniziato, pacatamente, a parlare, Marco Falcone scatta: “Le dichiarazioni con cui dicevi di essere fuori dalla maggioranza sono documentate da Repubblica e LiveSicilia”.

“Non è possibile – dice Falcone – che ogni assessore faceva disastri e solo tu eri quello che riteneva di essere l’uomo integro. La notte andavi a concludere accordi o chiedevi delle cose e poi incassavi. Il giorno dopo ti lamentavi, Quello che ti ha dato Musumeci e che ci ha dato, non ce lo darà mai nessuno”. Ecco l’elenco, Falcone di fuoco: “Sette direttori generali delle Asp, 13 presidenze, le più importanti le abbiamo avute noi, 8 vicepresidenze. Tu di notte a incassare e di giorno ad attaccare nello Musumeci. Tu hai smesso con Nello Musumeci e hai attaccato con Schifani. Gianfranco devi andare a casa, Forza Italia non ti riconosce. Devi andare a casa!”.

A quel punto Miccichè tenta di lasciare la sala, ma alla fine fa retromarcia. Il coordinatore di Forza Italia affida la sua reazione a una nota: “Sono molto avvilito per la scontro verbale avvenuto con Marco Falcone alla festa regionale del tricolore di Fratelli D’Italia. Mentre parlavo di programmi e comportamenti, lui è andato in escandescenza parlando di poltrone. Le poltrone! Evidentemente è l’unico argomento che conta per loro, tanto da vederlo letteralmente uscire fuori di testa”.

Guarda il video integrale. (direttore@livesicilia.it)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

15 Commenti Condividi

Commenti

    Forza Gianfranco vai avanti

    Falcone sembra quasi lo scendiletto di Musumeci. Cosa ci ha dato Musumeci di così irripetibile? I rifiuti fin dentro le chiese? il risanamento economico al punto di essere ad un passo dal fallimento? La CTS di Angelini che ha bloccato tutta la Sicilia? L’amministrazione pubblica che è diventata la peggiore del mondo?

    Lo dico da tanto tempo. Se Forza Italia vuole sopravvivere deve cacciate Miccichèà e ci deve pensare Berlusconi.

    Sempre quello che eliminò lo stemma dell’Ars per sostituirlo con un Ghirigoro. Sempre di quello parliamo? Che non ha mai chiesto? Ma a Roma non si sta meglio?

    Mai visto un personaggio politico più sopravvalutato di Musumeci, che brillò alla Provincia in epoca di spesa facile a debito.

    Ma perché gli scendiletto del disastroso musumeci non cambiano partito? Così le cose diventano chiare e non ambigue e Forza Italia, tolta questa zavorra più di estrema destra che moderata, ne guadagnerebbe anche in termini di consensi e di voti di opinione.

    Di cosa ci stupiamo questi avete votato e questi meritano i siciliani.
    ‘u chiù pulitu avi a rugna’

    E questa è la classe politica siciliana…. ma che speranze abbiamo?

    La vedo dura per il Presidente Schifani, se si spacca Forza Italia (già due partiti differenti) in primavera si rivota

    Questa è la Sicilia…

    Tutta l’Italia ci prende per i fondelli ed è ncazzara nera per i 2 miliardi di debito che HANNO accumulato i nostri grandi amministratori.Adesso Schifani chiederà i picciuli con il piattino in mano. Siamo nella tragedia ormai.Una vergogna infinita

    Grande falcone da ospite a padrone di casa, complimenti! Stesso modus operandi della perpetua di falcone al gruppo parlamentare. Solita additare anche ospiti in visita…

    col quale Micciché apostrofò Salvini oggi lo ha rivolto a Falcone.
    Ma anche cosa quei catanesi pensano ormai di Micciché.
    Cose di lingua e di trasferte. Dunque, niente di nuovo.

    Forza Marco non mollare mai!

    Che squallore!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *