"Bonificata dalla presenza mafiosa" | Dissequestrata la Newport - Live Sicilia

“Bonificata dalla presenza mafiosa” | Dissequestrata la Newport

Il porto di Palermo

Decisione della sezione Misure di prevenzione del Tribunale.

2 Commenti Condividi

PALERMO – La società Newport è stata “bonificata” dalle infiltrazioni mafiose. L’azienda è stata dissequestrata. La decisione è della sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Palermo che ha raccolto l’eredità del collegio un tempo presieduto da Silvana Saguto e composto dai giudici Fabio Licata e Lorenzo Chiaramonte. Sono tutti sotto processo a Caltanissetta.

Il nuovo collegio, ora guidato da Raffaele Malizia, di fatto concorda con l’operato dei colleghi: il sequestro nel 2013 andava fatto perché le parentele fra i soci e i mafiosi c’erano, ma dopo cinque anni di amministrazione giudiziaria le cose sono cambiate. Va in confisca solo un appartamento intestato a Caterina Spadaro e ritenuto di proprietà di Girolamo Buccafusca. Per Buccafisca, Antonino Spadaro del 1956 e il suo omonimo, classe 1948, e Maurizio Gioè è stata respinta la misura di prevenzione personale.

Oltre alla Newport sono state dissequestrate la Compagnia servizi portuali; la Compagnia lavoratori portuali; la Clp Tutrone; la Portitalia; la Terminal containter Palermo; la Suditalia, Terminal operator; un fondo rustico a Piano dell’Occhio ; un appartamento di sette vani di via Giuseppe Cimbali e uno di via Ammiraglio Rizzo; due immobili in via Gaetano Daita e in piazzale Giove, più altri tre appartamenti di via Inserra. Ed ancora automobili e conti correnti. È passata la linea difensiva degli avvocati Stefano Santoro, Salvino Pantuso, Nino Caleca, Vincenza Ciulla, Giovanni Di Benedetto, Vincenzo Giambruno.

Il risanamento è iniziato con Gaetano Cappellano Seminara, pure lui coinvolto nello scandalo Saguto, ed è stato completato dal nuovo amministratore giudiziario Franco Maurizio Lagro, che ne ha preso il posto dopo che il primo è finito sotto inchiesta.

Restano le parentele scomode – 17 soci su 300 sono fratelli, cugini e cognati di mafiosi – e alcune operazioni per nasconderle. Ma non basta per il sequestro. Così ha stabilito il collegio di cui fanno parte i giudici Luigi Petrucci e Giovanni Francolini.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    ANDAVA FATTO PER 5 ANNI ? ADESSO E’ IN PERDITA RISPETTO A PRIMA O IN ATTIVO ? SE IN PERDITA NON DOVREBBERO PAGARE DI TASCA PROPRIA CHI L’HA GESTITA ?

    Scusate, non potrebbe bonificarsi anche l’ARS?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *