Maria Falcone: "Bene la Cassazione |Inaccettabili altri sconti a Brusca" - Live Sicilia

Maria Falcone: “Bene la Cassazione |Inaccettabili altri sconti a Brusca”

Tina Montinaro: "Grazie ai giudici, ci hanno tolto un peso"

Mafia
di
0 Commenti Condividi

PALERMO – “Con la sua decisione la Cassazione ha dato una risposta alla richiesta di giustizia dei tanti cittadini che continuano a vedere nella mafia uno dei peggiori nemici del nostro Paese”. Così Maria Falcone, sorella del giudice morto nella strage di Capaci commenta la decisione della Cassazione di respingere la richiesta di arresti domiciliari avanzata dal collaboratore di giustizia Giovanni Brusca. Brusca innescò l’esplosione che uccise Giovanni Falcone e la scorta. “Se si accetta che per un fine superiore vengano concessi benefici ai criminali che collaborano con lo Stato, resta però inaccettabile la concessione di sconti ulteriori a chi si è macchiato di delitti tanto efferati”, conclude.

“È una profonda ingiustizia. Brusca non si è fatto 23 anni di carcere perché ha ottenuto 80 permessi che ha trascorso con il figlio. Ha avuto tantissimi benefici. Stiamo parlando di un grandissimo criminale. Mi sembra che queste cose a volte si vogliano dimenticare perché ha aiutato nelle indagini. Noi siamo i famigliari, ha distrutto la città di Palermo, c’è tanta gente che piange ancora i propri morti”. Lo ha detto Tina Montinaro, vedova di Antonio Montinaro capo scorta ucciso insieme a Falcone, in un’intervista a InBlu Radio, il network delle radio cattoliche della Cei. “Brusca ai domiciliari a Palermo – ha aggiunto Tina Montinaro – non lo vogliamo. Se lo portino a Roma. Ringrazio la Cassazione che ci ha tolto a me e ai miei figli un peso. Ma ricordiamoci che Giovanni Brusca tra un anno e mezzo è fuori da libero cittadino. Ha commesso 140 omicidi e sciolto un bambino nell’acido. Che cosa significa in questo caso la parola ravvedimento? Non mi riesco a spiegare perché questa vicenda sia finita così”. “Brusca – ha proseguito – non è né ravveduto né pentito. È inaccettabile, ci sentiamo per l’ennesima volta mortificati. Vogliamo che lo Stato sia dalla nostra parte. Dobbiamo dare un segnale affinché le cose cambino perché la gente non si fida”. “Brusca – ha concluso – passa tutta la giornata di permesso con il proprio figlio. Tutti gli altri figli dei padri uccisi da Brusca per passare un’ora con il ricordo dei padri devono andare al cimitero. Si devono ricordare dei danni che hanno fatto alla città di Palermo. Mio marito andava a lavorare per poche lire al mese e non è più ritornato a casa. Mio marito non si è ravveduto quella mattina pur sapendo quali erano i rischi e non l’ha fatto il dottor Falcone. Sono andati avanti perché ci credevano. Per questo gli uomini del governo e delle istituzioni si devono passare una mano sulla coscienza e dire ‘no’, come ha fatto la Cassazione”.

(ANSA).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *