Messina, conferenza in Questura | San Filippo a rischio squalifica - Live Sicilia

Messina, conferenza in Questura | San Filippo a rischio squalifica

La Polizia messinese ha eseguito gli arresti per alcuni degli ultras coinvolti negli scontri, che hanno fatto seguito alla fine del match valido per i playout di Lega Pro. Si indaga anche sulla rissa tra giocatori durante l'intervallo, oggi conferenza stampa in Questura.

calcio - lega pro
di
0 Commenti Condividi

MESSINA – Continuano ad arrivare notizie poco edificanti in seguito al rovente post-partita di Messina-Reggina. La gara è terminata con la vittoria degli amaranto e ha decretato la salvezza proprio per gli uomini di Tedesco e la conseguente retrocessione in serie D dei peloritani, ma ciò che è successo dopo il triplice fischio finale c’entra poco o nulla con il calcio giocato. Questa mattina, stando a quanto si evince dalle prime fonti che hanno riportato la notizia, la polizia che agisce a Messina ha effettuato l’arresto di 8 tra gli ultrà coinvolti negli incidenti, con il conseguente sequestro di spranghe, cinture, pietre, fumogeni e bombe carta. Dal quadro investigativo emergono incidenti tra le due tifoserie anche prima e dopo la partita. E ora si teme anche per la squalifica che potrebbe essere comminata allo stadio “San Filippo”, teatro degli scontri sugli spalti ma anche nel tunnel degli spogliatoi tra i giocatori, avvenuti durante l’intervallo: si attendono notizie concrete in questo senso dalla giustizia sportiva. Una gara in cui sul campo è stato il Messina a uscire sconfitto, ma se guardiamo in maniera più generale è stato il calcio nel suo complesso a perdere.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *