Mineo: "Non sono moroso | e nemmeno scroccone" - Live Sicilia

Mineo: “Non sono moroso | e nemmeno scroccone”

Corradino Mineo

"Sulla dolorosa vicenda dei dipendenti del Pd regionale posti in Cassa Integrazione - dice Mineo - ho già incontrato il nuovo tesoriere Tuccio D'Alessandro, che intende battersi per portare trasparenza nei conti del Pd, e gli ho assicurato il mio pieno appoggio, politico e finanziario".

Sui contributi
di
3 Commenti Condividi

PALERMO- “Alla calunnia e alla diffamazione non c’è limite, soprattutto se si vuole colpire chi difende le proprie idee anche quando queste risultano scomode al potere. Oggi il Giornale mi definisce ‘scroccone’, la Sicilia mi accusa di essere ‘moroso’. La vicenda è quella della somma che mi fu richiesta dal Pd siciliano ‘in quanto inserito nella lista in posizione utile’. Somma che non verserò perché penso che un partito non possa esigere soldi in cambio di una candidatura e che un seggio in Parlamento non si possa e non si debba ‘pagare'”. Lo dice il senatore del Pd Corradino Mineo. “Invece sulla dolorosa vicenda dei dipendenti del Pd regionale posti in Cassa Integrazione – aggiunge Mineo – ho già incontrato il nuovo tesoriere Tuccio D’Alessandro, che intende battersi per portare trasparenza nei conti del Pd, e gli ho assicurato il mio pieno appoggio, politico e finanziario. È bello e giusto che ciascun parlamentare partecipi al finanziamento di una comune iniziativa politica – conclude Mineo – non è invece accettabile che paghi per l’elezione”.

(Fonte ANSA)

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    intanto per non rispettare le regole pagano i poveri lavoratori che non c’entrano nulla, che partito gente che lavora da trentanni deve andare in cassa integrazione e gente appena arrivata si gode i soldi che sono anche del partito perché lo statuto impegnava tutti gli eletti a contribuire alle spese, l’ultimo segretario che dice della gestione del partito com’è che essendoci i rimborsi elettorali non c’è una lira in cassa come sono stati spesi i soldi

    l’atto dovuto non è il pagamento della posizione di merito per la lista bloccata che in se per se non è meritevole,ma l’atteggiamento di chi se ne vuole lavare le mani in una federazione come quella di Palermo che lo ha candidato per cui il senatore Mineo è nel giusto quando dice no a oboli di qualsiasi genere e sbaglia poiché non aiuta una federazione che lo ha aiutato.spero che le cose si sistemano per i poveri lavoratori che pagano un grande salasso senza il finanziamento pubblico ai partiti.con stima.

    Il pensiero di Mineo di oggi e’ lo stesso di quello prima dell’ottenimento della candidatura?
    Tutti questi puri della politica che si pongono al di sopra di ogni giudizio del popolo, sprofonderanno nel nulla, perche’ questo e’ quello che si meritano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *