Niente revoche o cambi di location | Mika e Negramaro alle Palme - Live Sicilia

Niente revoche o cambi di location | Mika e Negramaro alle Palme

Lo stadio di atletica leggera di Palermo Vito Schifani

I due eventi dovrebbero tenersi regolarmente nell'impianto di atletica in viale del Fante.

Palermo
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – Mancano solo i crismi dell’ufficialità, ma la decisione sembra ormai presa: i concerti di Mika e dei Negramaro si terranno regolarmente allo stadio delle Palme. Dopo settimane di polemiche a mezzo stampa, al Comune il dado pare tratto: in seguito ad alcuni approfondimenti interni, non sarebbero emersi particolari ostacoli per lo svolgimento dei due eventi, previsti per giugno e luglio, e quindi non ci sarà alcuna revoca o cambio di programma.

Per il momento nessuna dichiarazione da parte dell’amministrazione o degli organizzatori, ma fonti interne a Palazzo delle Aquile assicurano che Mika e i Negramaro potranno tranquillamente esibirsi in viale del Fante. Parallelamente procederanno i lavori per mettere in sicurezza il Velodromo e renderlo agibile, magari per altre manifestazioni.

Motivo del contendere era stata la concessione della struttura da parte degli uffici comunali, nonostante il regolamento (datato 1985) ne prevedesse il solo uso per fini sportivi, grazie a un’interpretazione della dirigente che si basava anche sul fatto che in passato lo stadio è stato usato per Khaled (anni Novanta) o per manifestazioni religiose con migliaia di persone. Del resto, revocare il contratto avrebbe significato una richiesta di risarcimento danni al Comune visto che gli organizzatori hanno già venduto quasi 9 mila biglietti.

In queste settimane sia da destra che da sinistra, oltre che da alcune associazioni sportive e civiche, sono giunte critiche nei confronti del Comune e inviti a non utilizzare lo Stadio delle Palme. Ma al Comune si dicono sicuri e tirano dritto: i concerti si faranno.

LE REAZIONI
“Apprendiamo con stupore che il comune, nonostante la diffida dei Comitati Civici, prosegua nella scelta di far svolgere i due concerti allo stadio delle Palme – dice Leonardo Canto dei Comitati Civici – Auspichiamo a questo punto che le iniziative si svolgano senza danni a cose o a persone. Provvederemo ad ogni modo ad effettuare un sopralluogo fotografico prima dei concerti ed immediatamente dopo e, qualora si dovessero ravvisare danni alla struttura non prontamente risarciti ad opera degli organizzatori, chiederemo, tramite un esposto alla corte dei conti, che siano i responsabili di tale affidamento (a nostro parere illegittimo) a rispondere con il proprio patrimonio personale dei costi per il ripristino dei luoghi, in quanto sarebbe assolutamente ingiusto impegnare maestranze, o ancor peggio, fondi comunali. La fruizione dello stadio delle Palme deve rimanere ad esclusivo appannaggio di chi fa sport in questa città: è una bellissima struttura per l’atletica nella quale, ad oggi, per regolamento, è inibito l’ingresso in pista perfino agli atleti non tesserati, proprio per salvaguardare l’integrità della stessa evitando che venga soggetta ad un eccessivo calpestio da parte di semplici podisti dilettanti. Ben vengano eventi e concerti di livello nella nostra città ma, certamente, questi eventi vanno realizzati in sedi più idonee per il loro svolgimento”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Ci fa piacere sapere che lo stadio delle Palme è miracolosamente diventato “agibile”. Che poi tale struttura non potrebbe essere utilizzato per eventi non sportivi, poco importa. L’importante era non pagare la pesante penale agli organizzatori. Purtroppo a Palermo non esiste attualmente un luogo dove fare svolgere manifestazioni e spettacoli di vario tipo. Il Castello a Mare, dove si voleva trasferire la manifestazione, è “occupato” dalla immondizia e dalle erbacce, mentre del Velodromo e del Palazzetto dello sport , e meglio non parlarne.

    E’ UNA QUESTIONE DI PARI DIGNITA’: IL DEGRADO E’ UN DIRITTO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DI PALERMO, LO STADIO DELLE PALME SE NE FACCIA UNA RAGIONE !!!!!

    beppe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.