"No ai domicili la domenica?| Scelta incomprensibile" - Live Sicilia

“No ai domicili la domenica?| Scelta incomprensibile”

Così la deputata regionale del M5s, Jose Marano, sul divieto alle consegne disposto da Musumeci

CORONAVIRUS
di
3 Commenti Condividi

PALERMO – “Si tratta di un divieto incomprensibile che penalizza l’intero comparto che sta cercando di resistere alla attuale crisi economica determinata dalla pandemia”. Così la deputata regionale del M5s, Jose Marano, commenta la disposizione del governatore Nello Musumeci che proibisce l’attività di consegna del cibo a domicilio nella giornata di domenica. “E’ davvero incomprensibile la ratio del provvedimento del governo regionale – dice – Un provvedimento che, vietando la domenica per le consegne di cibo a domicilio, penalizza bar, pasticcerie, pizzerie e paninerie che cercano di lavorare e che hanno compiuto tanti sforzi per adeguarsi e restare sul mercato. La Sicilia, tra l’altro, è la prima Regione del Mezzogiorno per le attività d’asporto, quasi 4.500, e così il governo Musumeci penalizza 4.500 imprenditori e tanti nuovi lavoratori che hanno trovato impiego nel trasporto di cibo a domicilio”.

Per la deputata “già risultava poco comprensibile la scelta di vietare il trasporto del cibo a domicilio per Pasqua e Pasquetta, questo ennesimo provvedimento non trova alcuna giustificazione”. “Perché il resto della settimana è consentito e soltanto la domenica no? – conclude – Non si capisce la ratio e invitiamo il presidente a rivedere la sua scelta: non possiamo mortificare un intero settore che con fatica si è adeguato a stretto giro”.

(ANSA)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Ha ragione la deputata Marano: non si capisce come mai tutte queste esagerazioni così corpose. La Sicilia sta rispondendo bene alla pandemia: vuoi per la disciplina mostrata dagli isolani e sia per le condizioni ambientali che ci differenziano dal nord Italia. Rigore si, ma con equilibrio e intelligenza. Bisogna , un poco, allargare le maglie per non rischiare il fallimento totale della nostra agricoltura e delle piccole imprese.

    INCREDIBILE, un simile provvedimento dal governatore MUSUMECI.
    Vuole forse cogliere l’occasione per per combattere l’obesità, anche a costo di dare un ulteriore colpo mortale all’economia ???
    VALLO A CAPIRE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *