"Non c'è un rapporto di lavoro diretto" - Live Sicilia

“Non c’è un rapporto di lavoro diretto”

La replica
di
2 Commenti Condividi

Il comunicato ufficiale. “In relazione alle polemiche sorte in queste ore, il presidente della società Sicilia e Servizi spa,Emanuele Spampinato ha dichiarato:”La signora Bontate ed il marito, signor Picciurro, non hanno mai avuto un rapporto di lavoro diretto con Sicilia e Servizi spa. I loro contratti e le loro prestazioni sono da ricondurre al socio privato della società, selezionato con gara di evidenza pubblica.” “La signora Bontate ha operato svolgendo incarichi amministrativi di scarsa responsabilità. Per questioni tecniche la stessa di recente ha concluso la propria collaborazione. Il signor Picciurro svolge compiti nell’ ambito del monitoraggio del livello di qualità dei servizi tecnici resi dalla società.”


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    …diciamocelo sinceramente cara Redazione, il socio privato della Regione Siciliana in Sicilia e Servizi, ha mantenuto in passato e sta mantenendo tuttora dei comportamenti tuttaltro che trasparenti…e sarebbe stato anche opportuno non accostarlo a certe iniziative.

    Adesso a Voi continuare l’opera di informazione sull’operato di questi signori, che dalla sicilia stanno prendendo tanto e dando nulla ai siciliani onesti e trasparenti.

    Niente selezioni del personale, se non a cura del socio privato, niente gare in tanti anni se non a cura del socio privato, niente dipendenti ma solo consulenti pagati a peso d’ora al socio privato, e così dicendo.

    Tutto questo disattendendo clamorosamente gli obiettivi posti, basta andare in un qualsiasi ufficio regionale per verificare la presenza di Pc degni di questo nome, posta elettronica, reti etc.

    Ovviamente sotto gli occhi di tutti, magistrati inclusi. Ma si sa le grate a S. Rosalia si mettono sempre dopo…

    Tante volte si par della servizi. Una cosa non ho capito… Come mai la Corte dei conti non apre una bella indagine. Non È che ,avaro non fanno il loro dovere per qualche amico figlio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *