Sondaggio sul prossimo sindaco: centrodestra in vantaggio - Live Sicilia

Sondaggio sul prossimo sindaco: centrodestra in vantaggio

La quota degli incerti è alta. È stato testato il livello di fiducia e conoscenza di ipotetici e possibili candidati alla carica di sindaco
#LIVEPALERMO2022
di
15 Commenti Condividi

PALERMO – La corsa al successore di Leoluca Orlando, come sindaco di Palermo, si è aperta da tempo con i nomi che si susseguono. Ad oggi, come emergente da sondaggio di Noto per Italpress sulle “Elezioni comunali a Palermo” in programma la prossima primavera, il centrodestra è in leggero vantaggio sul centrosinistra.

L’istituto di ricerca guidato da Antonio Noto ha chiesto a un campione di mille persone di quale schieramento sarà il prossimo sindaco e il 33% ha indicato il centrodestra, il 26% il centrosinistra (16%) + M5s (10%). Alta la quota degli incerti, pari al 40%.

Al campione preso in esame è stato testato il livello di fiducia e conoscenza di ipotetici e possibili candidati alla carica di sindaco. Gli esponenti con maggiore fiducia – chiesta solo a chi conosce il candidato – sono Carolina Varchi, deputata di Fratelli d’Italia, al 41%; a seguire l’avvocato Francesco Greco, al 39%, e Fabrizio Ferrandelli, consigliere comunale di +Europa già in passato candidato sindaco (38%). In quarta posizione Giuseppe Lupo (36%), capogruppo del Pd all’Ars; e con il 30% a testa Roberto Lagalla, assessore regionale all’Istruzione, e l’europarlamentare di FdI Giuseppe Milazzo. Nella classifica della fiducia troviamo anche Davide Faraone, senatore di Italia Viva che ha da poco ufficializzato la sua candidatura (29%), l’assessore comunale alla Mobilità Giusto Catania, al 23% come Giampiero Trizzino (deputato M5S all’Ars). Poi appaiati al 19% Antonello Cracolici (deputato Ars del Pd) e Fabio Giambrone, attuale vicesindaco; quindi Alessandro Aricò, Francesco Cascio e Francesco Scoma tra il 17% e il 15%.

“Varchi con il 17% e Greco con il 15% pagano un po’ lo scotto a livello di conoscenza: con il 71% Ferrandelli invece ha un livello di conoscenza più alto anche rispetto a Lupo (31%): questi 4, rispetto a Lagalla (55% di conoscenza) e Milazzo (16%), sembrano in pole, al di là delle appartenenze politiche”, commenta Antonio Noto all’Italpress. Dietro Ferrandelli c’è Faraone (64%), quindi Catania e Cracolici (entrambi ‘conosciuti’ per il 56%), appunto Lagalla (55%), poi Cascio (51%) e Scoma (50%).

Passando alle intenzioni di voto alle liste, in testa c’è Fratelli d’Italia con il 15%, poi Pd (14%) e Movimento 5 Stelle (13%); seguono Più Europa/Lista Ferrandelli (12%), Lega e Forza Italia entrambe al 10%, quindi Cantiere popolare/Lista Romano (8%), Italia Viva/Lista Faraone (5%), Udc (4%), e infine Azione, Sinistra Comune e Verdi, tutti all’1%. Altri partiti sommano il 6%. “Parlando del voto dei partiti, il centrodestra sembra leggermente in vantaggio, bisogna considerare anche che a Palermo la partita si può chiudere al primo turno con il 40% e il centrodestra è vicino a questa percentuale: bisognerà capire se ci sarà o meno ballottaggio – sottolinea Noto -. La scelta del candidato farà certamente la differenza, darà un ‘bonus’ alla coalizione”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

15 Commenti Condividi

Commenti

    Fortemente sottostimata la sinistra e sovrastimata la destra. Ma dove hanno fatto il sondaggio? a Palermo la sinistra è stata, è e sarà sempre forte, e non attecchisce mai la destra-destra (quando ha vinto il centrodestra era sempre a trazione centrista e moderata).
    Sinistra Comune ha preso il 7% alle scorse elezioni e alle prossime sarà unita in lista unitaria con rifondazione, le liste civiche e le altre forze di sinistra. impossibile che prenda solo l’1%. Nella storia delle elezioni palermitane la sinistra-sinistra ha sempre preso molto di più. Basta contare il numero di militanti e iscritti.

    La sinistra pci, ex pci, è stata sempre minoranza a Palermo in generale alla regione Sicilia. tranne casi unici. (Epoca Crocetta)

    Carolina Varchi e Francesco Greco sono i meno conosciuti, quindi non ha senso che siano in vetta, perchè se si vede bene il 40% fiducia riguarda solo quei pochi palermitani che li conoscono, quindi il 40% del 17% che equivale al 7%!

    Si si, come no! Poi vedrete le batoste!

    Avete visto cari sinistri , come con il vostro male governo , con la vostra presunzione di andare avanti con scelte
    che sembravano buone solo per voi , con il vostro non concordare decisioni , poi rivelate sbagliate sulla vivibilità ,
    della città , come state regalando la città alla destra ?

    Il centrodestra quando è organizzato ovvero unito, prevale spesso, come nel 2007 a Palermo, quando l’avversario in quel caso era Orlando.

    Soltanto un inguaribile masochista potrebbe riconfermare i partiti che hanno sostenuto Orlando passato da poco al PD di Letta, ma poichè anche i masochisti hanno diritto di voto la sinistra almeno qualche consigliere dovrebbe vederselo eletto……

    nella migliore delle ipotesi avremo un sindaco al di sotto delle qualità, seppur limitate, di Orlando! Ragiona Palermo!

    Scoma Sindaco di Palermo candidato della Lega: ma cosa ha fatto costui per la nostra amatissima città?

    Alberto ti sei dimenticato il suo nick-name alternativo di Giacomo……

    Alberto ti sei dimenticato il suo nick-name alternativo di Giacomo……

    C’è una delle più belle città del mondo abbandonata ed ancora insistono!

    Penso di aver partecipato a tale sondaggio.

    La Varchi e’ una grandissimo avvocato di caratura nazionale per bene onesta oltre che di una moralità cristallina, spero che la Varchi possa governa Palermo,
    dopo il peggiore sindaco il nulla assoluto Orlando

    Tale istituto di sondaggi indovino spesso i risultati delle elezioni comunali, idem le elezioni di Palermo del 2017.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.