Palermo, giovane violentata: c'è un identikit dell'aggressore

Palermo, giovane violentata: c’è l’identikit dell’aggressore

Il racconto choc, la denuncia e ora è caccia all'uomo
L'INDAGINE
di
1 Commenti Condividi

PALERMO – Violentata da un coetaneo dopo una serata trascorsa alla Vucciria. Una donna palermitana di 29 anni ha presentato una denuncia al commissariato San Lorenzo. I poliziotti hanno in mano un identikit del violentatore.

Nella notte tra lunedì e martedì scorsi la vittima sarebbe stata avvicinata dall’uomo. Hanno fatto conoscenza e trascorso parte della serata insieme nei locali di piazza Garrafello. Quindi l’aggressore si sarebbe offerto di accompagnarla in macchina a casa.

Durante il tragitto avrebbe deviato il percorso, scegliendo di fermarsi in una stradina buia nella zona di via Ugo La Malfa. Ed qui che prima avrebbe cercato di baciare la donna e, al suo rifiuto, l’avrebbe costretta a subire un rapporto sessuale completo.

La vittima è scappata. La mattina seguente si è confidata con un amico che l’ha convinta a rivolgersi alla polizia. In ospedale i primi e drammatici riscontri al suo racconto: presenta delle lesioni compatibili con una violenza sessuale ed ecchimosi in diverse parti del corpo, segno della costrizione e del tentativo di divincolarsi dalla morsa del suo aggressore.

I poliziotti stanno cercando di raccogliere testimonianze ed eventuali video che immortalano i due giovani alla Vucciria e durante il tragitto in auto.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Dopo tutto quello che si sente in giro, c’è gente incosciente che accetta passaggi da sole da uomini sconosciuti o appena conosciuto in un locale? Che incoscienza!!! Che questa ragazza si riprenda e che questo indegno marcisca il galera (magistratura permettendo),

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *