"Pdl, che spettacolo pietoso" | "Dichiarazioni provocatorie" - Live Sicilia

“Pdl, che spettacolo pietoso” | “Dichiarazioni provocatorie”

Palermo 2012, Lo Presti vs Cannella
di
33 Commenti Condividi

“Lo spettacolo pietoso che il Pdl sta offrendo a Palermo, a meno di tre mesi dal voto amministrativo, è l’antipasto della sonora mortificazione elettorale a cui il partito di Angelino Alfano sta andando inesorabilmente incontro. Non essendo riusciti, infatti, a scovare uno straccio di candidato sindaco, i colonnelli siciliani, ricchi di arroganza, ma poveri di idee, tentano di agganciarsi a un convoglio vincente, quello della persona scelta dal Terzo polo per la carica di primo cittadino: Massimo Costa”. E’ quanto sostiene in una nota Nino Lo Presti,  deputato di Futuro e libertà.

Secondo il parlamentare finiano “era chiaro che la formazione berlusconiana, in cui dilagano l’opportunismo e il bieco desiderio di potere, non avesse più nulla di buono da proporre all’elettorato per far dimenticare la disastrosa esperienza di Diego Cammarata, riuscito a umiliare una città splendida. Patetico vedere presentarsi con il cappello in mano quelli che furono gli alfieri di un partito che doveva realizzare un sogno, ridotti – chiude Lo Presti – a chiedere asilo politico al nuovo schieramento che rappresenterà i veri interessi della nazione”.

La replica di Cannella
“Leggiamo dichiarazioni provocatorie, scoordinate e nervose nei confronti del Popolo delle Libertà attribuite all’on. Nino Lo Presti. Ci chiediamo preliminarmente se a parlare sia lo stesso avvocato eletto nel 2008 alla Camera dei Deputati nelle lista del Pdl-Berlusconi Presidente”. Lo afferma il coordinatore cittadino del Pdl a Palermo, Gianpiero Cannella. “Il suo percorso successivo, con l’approdo a Fli e il voto di sfiducia al governo e alla maggioranza di centrodestra di cui pur faceva parte, l’appoggio in Sicilia al governo ribaltonista di Raffaele Lombardo, – aggiunge – la dicono lunga sull’equilibrio e la coerenza della sua posizione politica”. Per Cannella: “Ritenere che il generoso tentativo del Pdl di creare a Palermo un’ampia condivisione di una candidatura che possa rappresentare il polo moderato alternativo alla sinistra sia ‘uno spettacolo pietoso’, è indice di confusione mentale, attribuibile al nervosismo di chi credeva che il Popolo delle Libertà fosse all’angolo”.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

33 Commenti Condividi

Commenti

    Parla l’on Lo Presti, mai candidato (forse nel secolo scorso alle europee e prese meno voti di Marcella Bella), fatto cristiano da Berlusconi e alla regione governa con Lumia e Cracolici. C’e’ un limite a tutto.

    Non appertengo al PDL,anzi, ma come fa Nino Lo Presti a parlare di spettacolo pietoso;perchè non guarda,obiettivamente,in casa sua,il vero spettacolo pietoso che sta offrendo il terzo polo nella coalizione del governo Lombardo che ha gettato nel baratro la Sicilia.

    Il Pdl e’finito.e grazie a Fabio Granata e Carmelo Briguglio Fli potrà raggiungere un grande risultato…

    Patetico il panorama dei polticanti siciliani di oggi.
    Tutti, a destra, sinistra, centro, di lato, di sopra e di sotto.
    Avv. Lo Presti, dov’è stato negli ultimi 15 anni, su un altro pianeta?

    Lasciamo stare Granata l’unico vero orgoglio dei siciliani.

    E’ finita la pioggia di manna dal cielo.

    vi n’ata ghiri pa casa tutti pari!!!!

    viva il proporzionale al 100% anche per le politiche e vedrai quanti oratori rimarranno al palo.

    Il PDL lo spettacolo pietoso lo ha offerto governando Palermo 10 anni. Il prossimo spettacolo pietoso lo offriranno i palermitani che voteranno PDL.

    Leggendo i comunicati stampa in successione, ho avuto l’impressione che qualcuno voglia legare le mani al giovane Costa, forse per timore che alla conferenza stampa di domani assuma una posizione conciliante e tale da non essere tirato per la giacchetta da nessuno.
    Mi sbaglierò…

    granata e briguglio? tutte e due insieme non riuscirebbero neanche ad eleggere un cons.comunale!
    forza fli continua sempre su questa strada che a breve sarete estinti

    FLI LO PRESTI ARICO’,ma la lista l’avete chiusa?
    La Barbera Giuseppe, uno dei vostri candidati…MA SONO TUTTI COSI’?
    Ci vogliono caro Arico’ 50 candidati con almeno 500 voti ciascuno…questo non ha nemmeno 200 voti, pensiamo altri!!

    On. Lo Presti , vero che il PDL e’ pietoso, ma voi del FLI dove volete andare dopo avere appoggiato Arraffaele e avergli permesso di buttare in mezzo la strada miglia di famiglie che vivevano di F. P.
    Noi della Formazione Professionale voteremo Movimento 5 Stelle

    Che dichiarazioni piene di livore…all’On. Lo Presti, evidentemente, brucia ancora la mancata nomina al CSM…

    Certo che bella riconoscenza! Eletto in una lista bloccata pagata da Berlusconi, si ritrova a fare il deputato ed adesso sputa nel piatto dove ha mangiato sino ad abbuffarsi. Prendere lezioni da tizi che appoggiano il pluricarcerato è davvero troppo!

    Chi parla di baratro offerto da questo governo senza accennare a tutti quelli che ci sono stati fino ad ora ed erano di centrodestra non è credibile. Il caro Massimo costa sarà persona perbene ma è troppo vicino al pdl e sarà appogiato da miccichè, questo fa si che non possa dare garanzia di buon governo futuro della città.
    Se vogliamo cambiare sul serio senza prenderci in giro dobbiamo girare le spalle è gurdare dall’altro lato che nonostante le problematiche a cui abbiamo assistito sono gli unici che possono in questo momento garantire un futuro migliore e innovativo alla città.

    …Onorevole proprio Lei parla di arroganza e colonnelli….???? non mi faccia ridere,pensi in quale coalizione la possono nominare per la prossima legislatura…..e come Lei ed Aricò che rappresentate il territorio riuscirete a superare lo sbarramento….anche con il Vostro giovane Costa….(mi sa che anche lui abbia problemi di consensi elettorali non essendosi mai candidato)…ma tutto sommato è carino e di buon aspetto…Palermo ha bisogno di altro,dubito di un candidato espressione di Lombardo che a tutto pensa tranne allo sviluppo e alla crescita di Palermo.

    Mi fanno sorridere, dovrebbero essere il nostro passato e si presentano come il nuovo che avanza…cammarata era da solo, cuffaro era da solo…etc. e il bello è che scaricano chiare responsabilità di malgoverno agli ex alleati come se loro fossero stai su marte…MA QUANDO VI TROVERETE UN LAVORO, FARE IL POLITICO E’ UN SERVIZIO NON UN LAVORO

    ma lo presti che voti ha ???????Fli riecse a prendere 5000 voti a pa????
    “I cosi che siento”

    Signori un pò di calma, per favore, non vi accapigliate, stiamo parlando, pur sempre, di politici, di spessore, che sono in grado di cambiare le sorti, di un paese, gente colta, grandi conoscitori della politica, nel senso più puro del termine, vi prego lasciateli lavorare in pace e vedrete che dalle prossime consultazioni usciranno fuori, finalmente, quei governi, cittadini, provinciali e regionali che risolveranno tutti i problemi. I LORO naturalmente, chiedete a questi signori cosa fanno dei soldi pubblici, cosa finanziano, come se li spartiscono, chiedeteglielo, lei Dott. Puglisi lo sa??? o fa finta di non saperlo? vada a far visita in qualche ufficio regionale e chieda un pò in giro.

    Lo spettacolo pietoso lo offre Lei ,On. Lo Presti,ma ci faccia il piacere di tacere e di togliersi di torno.
    Se Lei ha dimenticato e rinnegato il suo passato ,noi ce ne ricordiamo bene.

    Per Mirko
    mi sa che oggi come oggi avere candidati con 200 voti ma onesti non è per niente facile.
    quindi meglio un candidato con 200 voti ma onesto che uno con 2.000 voti raccattati con promesse di vario genere e senza alcun rispetto dei cittadini.
    Andrea

    Sputaci a 200 voti 😉

    @ MIRKO: e non hai letto gli altri nomi… Leggo da Repubblica che si parla anche di due giovani illustri (per le loro incapacità, ovviamente)
    Canzoneri, che se riesce a dire tre parole in italiano una dietro l’altra è un miracolo.
    Rini, consigliere provinciale eletto con 500 voti di SGARRUBBO e per cui Aricò fece carte false per farlo salire (ricordare l’annullamento della seconda lista del pdl a Palermo, pur di concedergli il seggio..lino).

    FORZA FLI, la morte (politica) è vicina.

    Ma Cannella stia zitto; non lo hanno informato che per primi furono settori pdl a proporre Costa e che furono i capi locali a dire di no perchè troppo immaturo e inesperto politicamente? adesso perchè sono nella bip fino al collo stanno elimosinando un accordo che non ci sarà perchè pare proprio che sia stato lo stesso Costa a mettere i paletti sul pdl; Povero Cannella lo hanno messo a fare il becchino di un partito morto e non se ne è accorto

    cannella un politico arlecchino venduto pur di aver una poltrona.adesso prossimo candidato alla ottava circoscrizione

    domanda all’on. Lo Presti: se il candidato Costa nella sua conferenza stampa dovesse sottolineare che senza la convergenza sul suo nome del PDL non ritiene affrontare il cammino elettorale cosa farà FLI – per coerenza – ritirerà l’appoggio al richiestissimo Costa?

    Sulle dichiarazioni di Lopresti prevale solo un pensiero ” MISCHINO “

    Si rimane “alluccuti” a leggere entrambe le affermazioni. “Alluccuti” perchè dette da due esponenti politici che, fino a qualche anno fa, camminavano a braccetto dentro la fu “Alleanza Nazionale”. “Alluccuti” perchè entrambi non hanno mai avuto un riscontro elettorale a Palermo (Lo Presti si candidò l’ultima volta quando sbarcò Garibaldi) e, soprattutto, perchè non hanno mai avuto il vero sentore dello sfascio di Palermo.
    Ma di chi stiamo parlando?
    On. Lo Presti, mi ricordi un bambino che dice “la pallina è mia e non te la dò”, la tua caduta di stile è pietosa e la dice lunga sulle tue qualità, soprattutto umane e poltiche.
    On. Cannella, forse dimentichi che sei stato, fino a qualche giorno fa, assessore del peggiore sindaco che questa città abbia mai avuto: non hai la facoltà di dire quello che è giusto o sbagliato x Palermo perchè la tua obiettività (ed anche la dignità, se me lo consenti) l’hai persa quando hai deciso di continuare a restare a fianco di Cammarata.
    Quindi ad entrambi, un consiglio: tacete, ci fati cchiù fiura!!!!!!

    Artemis ma per caso sei Mauro La Mantia?

    Lo Presti – Cannella due facce della stessa medaglia: mediocri ed incapaci in cerca di poltrone x continuare a fare la bella vita senza lavorare!

    Da siciliano vi dico che dobbiamo vergognarci di essere rappresentati da questa classe politica…cronache quotidiane non ultime quelle giudiziare, dovrebbero spingere nel rispetto dei nostri valori a disertare convegni e non andare a votare!! Questi sono i segnali di insoddisfazione sociale che si devono dare!!!no bloccare porti e autostrade!! Ma siccome siamo dei pecoroni…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *