Abolizione delle tasse universitarie | I rettori: "Proposta impraticabile" - Live Sicilia

Abolizione delle tasse universitarie | I rettori: “Proposta impraticabile”

Micari, Basile e Navarra, a guida dei tre Atenei siciliani, respingono la proposta di Grasso.

Università
di
13 Commenti Condividi

PALERMO – Arriva una sonora bocciatura per Piero Grasso da parte dei tre rettori siciliani: “La proposta non mi sembra affatto giusta e percorribile” dice quello di Catania, “La proposta genera parecchi dubbi, i nostri atenei rischierebbero il collasso”, sottolinea quello di Messina. E ancora, “La proposta di Grasso è interessante, ma deve essere verificata a monte la sua sostenibilità economica”, è il commento più pacato di Fabrizio Micari, numero uno dell’università di Palermo, sulla proposta  di abolire le tasse universitarie. Rettori che oggi si sono dati appuntamento a Palazzo d’Orleans per incontrare il presidente Nello Musumeci “per definire un programma di collaborazione tra la Regione e il sistema accademico siciliano – scrive in una nota la presidenza della regione – anche in relazione ai temi dell’istruzione e della ricerca universitaria, considerati prioritari per la formazione e l’occupazione dei giovani”. Ma è sul fronte nazionale che oggi sono puntati i riflettori. Così le tre guide delle università dell’Isola hanno rimandato al mittente la proposta lanciata da Grasso all’assemblea nazionale di “Liberi e uguali” che renderebbe, in linea teorica, l’università completamente gratuita.

Commenta senza tanti giri di parole Francesco Basile, reggente dell’università etnea, “Gli atenei vengono finanziati con fondi del Ministero dell’Istruzione e grazie alle tasse che versano gli studenti. Queste ultime rappresentano praticamente un quinto degli introiti totali. Chi dovrebbe integrare questo ammanco? Il Ministero? Questo comporterebbe – ha aggiunto – un aumento di tasse per tutti. Voglio ricordare inoltre che esistono già tante iniziative, borse di studio e agevolazioni per gli studenti meno abbienti e più meritevoli – sottolinea Basile – Come la No tax area, ovvero, per chi ha un reddito al di sotto dei 13mila euro annui c’è un’esenzione totale dal pagamento delle tasse universitarie”.

Una proposta, quella di “Liberi e uguali”, che se attuata creerebbe infatti un buco da 1,6 miliardi di euro nelle casse degli atenei italiani. Ammanco che Grasso ha dichiarato di voler colmare sottraendo fondi per esempio al Ministero dell’Ambiente “Sfruttando – ha spiegato – un decimo di quello che paga per tutti i sussidi a quelle aziende che inquinano il nostro Paese”. Per Antonio Frantoianni, compagno di partito del presidente del Senato, invece: “Occorre caricare sulla fiscalità generale le tasse universitarie di tutti e rendere libero l’accesso all’università per tutti e per tutte. Questa è una proposta che prova a rimettersi in connessione con una parte di popolo, quello che in questi anni ha smesso di studiare perché non se lo può permettere”.

Insomma, anche se non sembra ancora chiaro come mettere in pratica l’iniziativa, chiare appaiono invece le opinioni dei rettori siciliani: “Da rettore posso affermare – attacca Pietro Navarra, numero uno dell’università di Messina – che il suggerimento del Senatore Grasso non mi entusiasma e, comunque, in questo momento appare privo di un reale fondamento In primo luogo non dimentichiamo che l’attuale Governo, attraverso l’introduzione della No tax area, ha già concesso l’esenzione totale o parziale agli studenti con fasce di reddito più basse. Un provvedimento senz’altro più equo e sostenibile rispetto a quello prefigurato dal senatore Grasso. Generalizzare l’esenzione – sottolinea il rettore – significherebbe produrre costi diretti e indiretti aggiuntivi per il sistema universitario superiori ai due miliardi e, quindi, ben oltre le stime pubblicizzate. Se tali somme venissero prelevate dal Fondo di Finanziamento Ordinario (attualmente pari a circa 6,5 miliardi) le università italiane rischierebbero il collasso. Non dimentichiamo – continua Navarra – che l’iscrizione gratuita potrebbe causare un aumento di studenti tale da imporre lo sdoppiamento di taluni corsi e il potenziamento di servizi che generano ulteriori costi di gestione da coprire per le università, a meno che non si voglia indurre gli atenei a introdurre il numero chiuso dove non è necessario”.

Più moderato il commento di Fabrizio Micari, ma i dubbi sono evidenti anche in questo caso: “La proposta di Grasso, in quanto misura rivolta alla realizzazione del diritto allo studio, è certamente interessante e merita una approfondita discussione – commenta il rettore – In Germania non si pagano tasse, ma lo stato federale e i Land sostengono le Università in modo molto diverso rispetto a quanto avviene in Italia. Resta d’altra parte – continua il Rettore – il dubbio che questa misura possa favorire comunque le fasce della popolazione con un reddito medio alto, mentre quelle con reddito basso continuerebbero ad avere grandi difficoltà. Sarebbe più ragionevole puntare su altre forme di sostegno al diritto allo studio, rendendo più sostenibili i costi per gli alloggi, per i trasporti e per i libri degli studenti meno abbienti”.

Proprio sulla tassazione Micari aveva annunciato grandi manovre in occasione dell’inaugurazione dell’anno studentesco. Come il nuovo piano per la riduzione contribuzione studentesca che “conferma come UniPa sia tra le dieci Università italiane con più basso livello di tassazione – ha detto lo scorso dicembre – Complessivamente è stata ridotta ed operata una più equilibrata redistribuzione dei contributi. In particolare oltre 18mila studenti, circa il 40% del totale, hanno visto diminuite o addirittura azzerate le tasse, con una riduzione media pro capite di oltre 300 euro”. Tutte misure che vorrebbero agevolare un maggiore accesso allo studio “In una regione come la nostra dove solo del 18% dei giovani di età compresa tra i 25 e i 34 anni sono in possesso della laurea, percentuale tra le più basse in tutta Europa”. Ma le tasse no, per il momento, secondo i rettori, quella dell’abolizione è una proposta impraticabile.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

13 Commenti Condividi

Commenti

    La proposta di chi non sa di cosa si parla. Italia, auguri.

    Tanto per dire qualcosa!

    Bravissimo!! Una proposta più intelligente l’avevamo sentita solo da quello di ALT alle tasse e SI al ponte sullo stretto… !! … e poi chi lo paga lo stipendio ai professori professionisti della politica, soprattutto a quelli che, invece di fare lezione, se ne vanno in giro a farsi vedere alle cerimonie, alle commemorazioni, alle feste, a teatro e si candidano alle elezioni politiche… ?!?

    Vabbè spara fissarie senza consapevolezza! Auguri!

    Il presidente Grasso era bravo e competente quando era in magistratura,ma in politica oltre al fatto di essere inaffidabile e’ anche impreparato,non sa in quale orbita ruota. Ritorni,se lo puo’in magistratura.

    Grasso è un po fuori ruolo…. peccato si era difeso. Il pericolo maggiore? I ricchi emolumenti dei docenti

    All’estero le migliori università sono private, finanziate da imprenditori che ne traggono vantaggi dalle attività di ricerca. Se analizziamo le attività di ricerca delle università siciliane, tranne qualche caso di eccellenza, sono sconfortanti, nessuno le finanzierebbe, sarebbero destinate a ridimensionarsi. Ad una classe di docenti e impiegati profumatamente pagati, si contrappone una pletora di ricercatori a costo zero che con il tempo si stancano e si trasferiscono altrove. La proposta del sen. Grasso è uno spot elettorale.

    Basterebbe vigilare seriamente sul rispetto della meritocrazia nelle università sarebbe già un importante traguardo. La no tax area per redditi FAMILIARI LORDI inferiori a 13 mila euro significa che devi essere al di sotto della sussistenza.

    se non proprio abolirle si potrebbero almeno dimezzare?

    Ci si lamenta tanto delle fughe di cervelli, della mancanza di una preparazione adeguata. Ad oggi in italia raggiungere una laurea è diventato il traguardo minimo per avere la speranza di poter trovare un lavoro. E comunque non avendo una formazione veramente adeguata e al passo con i tempi, bisogna pagarsi successivamente dei master per entrare nel mondo del lavoro. Come se non bastasse in Italia moltissimi laureati si ritrovano a spasso o a fare lavori di secondo ordine (ma di tutto rispetto) dopo anni di studi e soldi spesi facendo sacrifici, per guadagnare come camerieri. Laurearsi è diventato quasi un privilegio per pochi eletti che possono permettersi di pagare fra tasse, libri e dispense. Il tutto solo per garantire a certe menti elette di fare politica e/o darsi le arie di menti eccelse girando per cerimonie e commemorazioni. Essere un insegnante o un ricercatore è quasi diventato un titolo nobiliare.

    Non per difendere Grasso, non mi interessa, ma la proposta checchè ne dicano i rettori siciliani è degna di approfondimento. Primo perchè tutelerebbe gli universitari con le fasce di reddito più basse, secondo perchè altre nazioni europee come la Germania la attuano già, terzo perchè alzerebbe il numero degli accessi all’università e di conseguenza il numero dei laureati, quarto perchè tutti non la pensano come i rettori sempre a caccia di fondi tantè che stamani un quotidiano di tendenza ne sposa la tesi. Pensiamo a perequare i livelli di privilegio compensando e agevolando i redditi e le pensioni più basse anzichè tutelare sempre i ricconi e i superpensionati oltre che le banche. Renzi e Gentiloni il grande tonfo lo faranno perchè queste cose non le hanno fatto, hanno affamato i poveri e i primi provvedimenti sono stati per dar soldi alle banche, formando più precariato e umiliando i lavoratori senza risanare minimamenrte il debito pubblico. Povera Italia.

    La proposta di Grasso è molto precisa ed articolata e chi la commenta, rettori in testa, non l’ha manco letta viste il livello pietoso dei commenti. Il pressapochismo di questa gente che parla per propaganda e con un qualunquismo a dir poco ridicolo è davvero pietosa. Prima di giudicare leggete nel dettaglio proposta da Grasso e dal suo movimento e poi, forse, vi accorgerete che avete scritto sciocchezze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.