Quell'audio inviato in chat |"Non verrò, ho ucciso mia moglie" - Live Sicilia

Quell’audio inviato in chat |”Non verrò, ho ucciso mia moglie”

Filippo Marraro si è scusato con gli organizzatori di un raduno motociclistico

L'omicidio di Catenanuova
di
0 Commenti Condividi

AGRIGENTO – “Buongiorno, Peppe Click. Mi dispiace per il raduno. Non posso venire più: ho ucciso mia moglie. Mi dispiace”. Filippo Marraro ha affidato la sua confessione a un messaggio vocale. Destinatario un amico di Agrigento, Peppe Nobile, da tutti conosciuto come “Click”, il nome del suo negozio di informatica. Nobile è anche l’animatore del club TMax, il modello di uno scooter della Yhamaha, e tra gli organizzatori di motoraduni in Sicilia ai quali Marraro non mancava mai. Partecipava di solito con il figlio adolescente. E si era iscritto anche per il raduno che il club ha organizzato il 7 aprile a Siracusa. Pare che l’assenza forzata fosse per lui un cruccio impellente. E per questo alle 9 di mattina ha mandato a “Peppe Click” un messaggio per spiegare l’imprevisto e per scusarsi. Con un finale drammatico: “Addio, addio a tutti. Scusatemi di tutto”. Nobile non credeva al contenuto del messaggio. “Filippo – dice – era una persona educata, socievole, affettuosa. Un amicone”. Ha subito sperato che fosse un “pesce d’aprile”. Ma, riascoltando l’audio, è stato colto da un sospetto: il tono della comunicazione era un po’ alterato. Facile collegarlo a una recente confidenza: “Mia moglie mi ha lasciato”. E’ subito andato in questura, gli è stato chiesto di chiamare il 113. Ed è partito l’allarme. “Speravo che fosse una richiesta di aiuto”. Mezz’ora dopo un operatore delle forze dell’ordine lo ha invece chiamato: “E’ tutto vero”.

(ANSA).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *