Regista messinese vince| uno stage con Ron Howard - Live Sicilia

Regista messinese vince| uno stage con Ron Howard

Fabio Schifilliti, con il documentario "Come le onde", si è aggiudicato il Cubovision Award, un concorso nazionale per giovani registi. In giuria Ron Howard. Il messinese parteciperà ad uno stage di dieci giorni con il premio Oscar.

IL PREMIO
di
2 Commenti Condividi

E’ il messinese Fabio Schifilliti il vincitore del Cubovision Award, concorso nazionale per giovani registi che ha coinvolto oltre 300 autori da tutta Italia. In giuria il premio Oscar Ron Howard, Carlo Verdone, Francesco Bruni, Cristiana Capotondi, Paolo Del Brocco, Raffaella Leone e Guglielmo Scilla, che hanno plaudito il documentario “Come le onde” sulla storia delle case basse del villaggio Paradiso, raccontata dalla poetessa Maria Costa. Il messinese si è aggiudicato sia il Premio per il miglior Documentario sia il Premio Speciale. Il riconoscimento consiste in uno stage di dieci giorni a Los Angeles al fianco di Howard, un “sogno nel cassetto” per chiunque voglia lavorare nel mondo del cinema. Schifilliti era già noto e apprezzato per aver firmato il documentario biografico su Giuseppe Tornatore dal titolo “Nell’occhio di un genio” e il thriller “The Circle”.

IL VIDEO DI “COME LE ONDE”


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Gran bella notizia, attendevo da tanto di scoprire i vincitori di questo fantastico premio! L’iniziativa di cubovision si è rivelata molto interessante ed essendo anche abbonato ho potuto seguire i vari progressi, video e quant’altro. Complimenti al giovane vincitore, sicuramente riuscirà a realizzare tutti i suoi sogni in quel dì Los Angeles!

    Spero davvero possa servirgli per avere dinanzi a sé strade aperte. L’iniziativa è stata davvero figa, mi auguro ci sia un seguito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *