Respinto il ricorso di Pantuso | Vitrano rimane "onorevole" - Live Sicilia

Respinto il ricorso di Pantuso | Vitrano rimane “onorevole”

Lo ha deciso il Tribunale civile di Palermo
di
3 Commenti Condividi

Gaspare Vitrano rimane a tutti gli effetti un deputato dell’Ars. Nonostante quel divieto di soggiorno in Sicilia tutt’ora in piedi che non gli consente di svolgere “concretamente” la sua attività di parlamentare. L’ulteriore conferma allo status di “onorevole” del politico di Misilmeri è arrivata oggi dal Tribunale civile di Palermo che ha respinto il ricorso avanzato dall’ex “supplente” d Vitrano, Salvino Pantuso, che ha dovuto abbandonare l’Aula dopo pochi giorni di vita da deputato. Non senza polemiche.

Al di là del dispiacere, però, Pantuso in quell’occasione ha deciso di proporre un ricorso davanti al Tribunale civile di Palermo contro l’Assemblea regionale e nei confronti dello stesso Vitrano, per l’annullamento del verbale dell’Ars con cui si poneva fine alla sospensione di Vitrano e, di fatto, se ne sanciva il reintegro.

Nei confronti del ricorso di Pantuso si sono costituiti in giudizio sia l’Ars, difesa dall’Avvocatura distrettuale dello Stato di Palermo e lo stesso Gaspare Vitrano, difeso dai legali Girolamo Rubino e Armando Buttitta.

Il tribunale Civile di Palermo, presieduto da Francesco Caccamo, condividendo le tesi difensive degli avvocati Rubino e Buttitta, secondo cui le cause di sospensione dalla carica di deputato regionale sono di stretta interpretazione e non ammettono interpretazioni estensive o analogiche, ha rigettato il ricorso proposto da Salvino Pantuso, condannando quest’ultimo anche al pagamento delle spese giudiziali, liquidate in oltre seimila euro. Insomma, Vitrano è e resta un deputato dell’Ars. Anche se il suo scranno a Sala d’Ercole è ancora vuoto.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    vitrano, abbi un pò di dignità e dimettiti….

    dimostrera’ la sua innocenza per cosi’ pochi soldi si va’ in galera?
    o forse si’ perche’ erano troppo pochi?

    oggi conviene truffare ed essere premiati,o mantenersi nell’onesta ed essere
    T R O M B A T I.

    Siete veramente dei forcaioli. Vitrano è solo una povera vittima che è stata sequestrata piuttosto che arrestata. La flagranza di reato, infatti, secondo la sentenza della Corte costituzionale nel caso Mills, non è stato commesso. Il reato si sarebbe commesso nel momento in cui Vitrano avrebbe speso i soldi, non nel momento in cui li avrebbe accettati. Se la sentenza vale per il grande Gatsby Berlusconi, perché non deve valere per il piccolo Vitrano?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.