L'informativa è del 2010| Crocetta lo scopre solo oggi - Live Sicilia

L’informativa è del 2010| Crocetta lo scopre solo oggi

Le speciale di S del novembre 2010

Le intercettazioni fra il deputato Drs e Vito Nicastri sono note già da tre anni. Anche S dedicò uno speciale nel 2010. Perche' Crocetta esce allo scoperto soltanto oggi?

caso savona-nicastri
di
18 Commenti Condividi

PALERMO. – Era l’autunno del 2010. La Direzione investigativa antimafia di Palermo sequestra beni per un miliardo e mezzo di euro all’imprenditore Vito Nicastri, 54 anni di Alcamo. I boss, secondo la ricostruzione della Dia, avrebbero deciso di utilizzare Nicastri per entrare nel business dell’energia pulita. Fra i beni sequestrati oltre 40 societa’, un centinaio di immobili, diversi conti correnti, alcune auto di lusso, perfino un catamarano. Ma e’ sui rapporti con alcuni politici che la Dia alza il velo. Uno di questi e’ proprio Riccardo Savona, il deputato “cacciato” da Crocetta dal congresso dei Drs, “costola” della maggioranza fedelissima al governatore.

Il mensile “S”, gia’ nel numero 32 in edicola nel novembre del 2010, ne parla diffusamente. A quei tempi Savona e’ presidente della Commissione Bilancio dell’Ars. Riccardo Lo Verso scrive che il suo nome “compare in un’informativa della Dia che ne denuncia i contatti con Nicastri, il re degli impianti eolici che grazie ai suoi agganci con i mafiosi trapanesi, Messina Denaro su tutti, avrebbe accumulato ricchezze da capogiro”.

In tremila pagine sono contenute intercettazioni e verbali, ma anche bonifici e affari: “Il 3 marzo 2008 Savona – ricostruiscono gli investigatori – ha ricevuto tre bonifici bancari per complessivi 15 mila euro da due aziende del gruppo Nicastri”. E gli uomini della Dia aggiungono: “Per inciso si rappresenta che nel luglio 2010 l’Ars ha approvato in via definitiva la legge sugli aiuti alle imprese che consente di effettuate una spesa per circa 15 miliardi di euro, grazie anche al parere favorevole espresso dalla Commissione Bilancio della quale Savona e’ presidente”.

Il deputato si difese: “Quei tre bonifici ci sono stati, ma erano contributi elettorali ufficiali. Ovviamente sapevo che arrivavano da Nicastri, ma e’ chiaro che all’epoca non avrei mai potuto sospettare che Nicastri si ritrovasse invischiato in una vicenda di questa portata”.

Fatti noti gia’ da tre anni quindi. Rilanciati da molti quotidiani (l’ultimo articolo proprio oggi sull’edizione locale di Repubblica). Perche’ Crocetta esce allo scoperto soltanto oggi? E perche’ ha accettato senza remore l’appoggio di Savona in quest’ultimo anno se gia’ sapeva dei suoi rapporti con Nicastri?


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

18 Commenti Condividi

Commenti

    Giulietto si è subito riciclato diventando amico dei potenti vicini a Crocetta, se ora gli chiede se conosce Savona dirà che non sa chi sia.

    Ma i DRS cosa sono???????????Crocetta deve tornare al Progetto originario di centro Sinistra,non ha bisogno di Trasformisti….

    Come no? E’ Lui il trasformista!!! Questa è l’amara verità, sopratutto per chi, come me e tanti altri, l’hanno votato!!!

    Ma perche’ allora questo intreccio desta ancora interesse e fa notizia??! A tutto c’e un perche’ noi siamo gli ignari….

    da uno che si definisce il nuovo Eliogabalo, cosa vi aspettavate?

    L’appoggio l’ha preso anche da genovese, da rinaldi e tantissimi altri inquisiti anche nel megafono (vedi ex sindaco di casteldaccia), quindi e’ una abitudine collaudata pur di stare a galla. La cosa grave e’ che nessuno, nemmeno m5s, gli dice queste cose in faccia. E il PD? Che vergogna!

    Savona…Chi lo conosce lo evita !

    senza i voti di Genovese, Rinaldi, Di Giacinto e soprattutto di Raffaele Lombardo, Crocetta non sarebbe stato eletto e la sua rivoluzione consiste nell’allontanare da se stesso tutti i fallimenti politici, spruzzando l’inchiostro addosso ad altri come fanno le seppie per confondere le acque.
    P.s. speriamo, per loro, che Crocetta non si accorga che i tanti dirigenti che egli ha mantenuto nei posti chiave sono amici di Cuffaro e Savona, altrimenti………

    scusate ma il pd il movimento 5 stelle nn hanno nulla da dire in merito? La vera maggioranza dei deputati che hanno sempre sostenuto crocetta, sono indagati a vario titolo, genovese rinaldi leanza forzese etc, la differenza la fa solo savona? Per nn aggiungere le amicizie di saro!

    È circondato totalmente da uomini di Cuffaro e oggi, dopo anni, si accorge di Savona. Ma ti rendi conto, caro Crocetta, che non ti crede più nessuno?

    scusate il futuro é questa nuova formazione: crocetta bianco forzese ingroia, minchia veramente il mondo é finito!

    con tutte le critiche che si possono fare a Savona questa di Crocetta è l’ennesima assurdità….. è semplicemente vergognoso e nauseante . da sfiduciare se avessero un po di dignità

    i vermi purificano il palazzo

    Ma che distratto questo crocetta….

    Evidentemente, Crocetta sarà stato aggiornato da chi di competenza, su un qualche sviluppo investigativo di questa vicenda, da chi conosce e quindi consigliato a prenderne le distanze platealmente. Mi sembra abbastanza scontato. I segreti, per alcuni, sono come quelli di pulcinella!

    La “leggerezza” di Crocetta non è una sorpresa, tranne che per chi sta con la testa nella sabbia.
    SU CROCETTA ANCORA IL MEGLIO DEVE VENIRE.
    A proposito di mafia e politica, chi è CAGLIOSTRO (così iscritto per mafia dalla Procura di Messina) ?

    Poverino, Crocetta non sa mai nulla!!!! VATTENE!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *