Sicilia, il buco e le entrate irregolari: la ricetta di Falcone VIDEO

Sicilia, il buco e le entrate irregolari: la ricetta di Falcone VIDEO

"Tratteremo subito col governo Meloni". Così l'assessore regionale all'Economia
4 Commenti Condividi

“Non ci sentiamo obbligati ad accantonare 866 milioni, il pronunciamento della Corte dei Conti non è paralizzante. Da lunedì ci confronteremo col governo Meloni, con il Mef e con il Parlamento a cui chiederemo una norma interpretativa che dia ragione alla Regione siciliana, facendo venire meno il motivo del contendere davanti alla Corte Costituzionale”. Così l’assessore regionale all’Economia in Sicilia, Marco Falcone, subito dopo la lettura del dispositivo della Sezione riuniti della Corte dei Conti che ha sospeso il giudizio di parifica del rendiconto della Regione per il 2020 annunciando che solleverà davanti alla Corte Costituzionale la legittimità del piano di riparto del disavanzo da 2,2 miliardi che la Regione siciliana aveva spalmato in dieci anni ma secondo i giudici contabili andava dilazionato in tre esercizi finanziari.

Alla domanda se la decisione della Corte avrà conseguenze sulla manovra finanziaria per il 2022 su cui sta lavorando il governo Schifani, l’assessore ha risposto: “Non ci sarà bisogno di riscrivere la manovra, prendiamo atto della pronuncia della Corte dei Conti che ha sospeso il giudizio e ha deciso di sollevare la questione di legittimità costituzionale per quanto riguarda il disavanzo. Per il resto aspettiamo di valutare tutte le altre partite contestate dalla Corte, avranno una incidenza ma di sicuro non sarà impattante”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Mi ricorda il bullo che preso uno schiaffone chiamò il padre….che gli diede il secondo.
    Non gli rimase che piangere…..

    Pare Tonio Cartonio, altro che falcone…

    Dopo aver ascoltato le parole di Falcone non si può essere completamente d’accordo con quanto dichiarato a Sala D’Ercole da Micciché: «Veniamo da cinque anni di presa per il c…, con un assessore all’Economia Gaetano Armao davvero imbarazzante. Anche se non lo amo molto io ho fiducia in Marco Falcone, che è più st…zo ma più serio di Armao». Onorevole Micciché, la fiducia è una cosa seria e in questo frangente l’assessore Falcone con la sua ricetta è perfettamente in linea con l’imbarazzante Armao.

    Questo tizio artefice del buco adesso fa l’assessore al bilancio. È sconcertante vedere come il nuovo presidente continui ad apprezzare il lavoro fatto da Nullo. Non ci sono parole. Andate a prendere ARMAO e company e chiedetegli come é cosa hanno fatto e scoprirete…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *