Sinistra Italiana si spacca su Draghi: Palazzotto voterà sì - Live Sicilia

Sinistra Italiana si spacca su Draghi: Palazzotto voterà sì

Il parlamentare siciliano e De Petris voteranno la fiducia.
L'ASSEMBLEA
di
4 Commenti Condividi

Sinistra Italiana si spacca sul sostegno al nuovo governo. “Ci aspettavamo di meglio di un ‘governo dei migliori’ con così tanta destra, con la sinistra stretta ai margini seppur rappresentata da persone che stimiamo. Per questo ho proposto a Sinistra Italiana di non accordare la fiducia a questo governo”. Lo scrive su Facebook il segretario nazionale di Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni, spiegando di attendere “le decisioni dei compagni e delle compagne dell’assemblea” del partito.

Sinistra Italiana è con Articolo 1 una delle due componenti di Liberi e Uguali. L’Assemblea nazionale di Sinistra italiana che si è riunita oggi ha proposto quindi ai parlamentari di votare contro la fiducia al governo Draghi. Il dispositivo finale ha ottenuto 122 voti favorevoli, 16 contrari e 4 astenuti. Ma il siciliano Erasmo Palazzotto e Loredana De Petris si sfilano: voteranno sì alla fiducia, riporta sul suo sito l’agenzia Adnkronos.

“Al termine di un dibattito molto articolato e sofferto l’Assemblea nazionale di Sinistra italiana ha deciso di esprimersi contro la fiducia al governo Draghi. È una scelta che rispettiamo ma che riteniamo sbagliata e controproducente per la sinistra e per le fasce sociali messe più a rischio dalla crisi”. Lo hanno detto la senatrice di LeU Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto, e il deputato di LeU Erasmo Palazzotto al termine dell’Assemblea nazionale di Sinistra Italiana annunciando il loro sì alla fiducia al governo Draghi.


4 Commenti Condividi

Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Commenti

    adesso una bella condanna cosi le altre capiscono che non stiamo a pettinare le bambole in italia

    Indagare il “parlamentare” Erasmo Palazzotto è un fatto di inaudita gravità, roba da regime dittatoriale militare cileno o argentino.

    Tutti i cittadini sono uguali dinanzi alla legge. Anche Palazzotto. che forse nella veste di parlamentare italiano è inadeguato e inutile e che meglio farebbe ad andare a lavorare.

    Il deputato PALAZZOLO è troppo arrogante! Dovrebbe da deputato rispettare la legge!

    Lo riscrivo….visto che magari la redazione pubblica a piacimento.
    Sig. Giacomo, l’indagine è partita dalla Procura di Agrigento, da Lei tanto acclamata in occasioni passate. Coerenza pari a zero.

    Certo perchè in qualità di parlamentare avrà anche la licenza di uccidere.
    Secondo te si può rinviare a giudizio un Ministro, Salvini, ma non si può indagare un parlamentare in quanto comunista. Se la giustizia viene immaginata cosi ne vedremmo delle belle.

    Ma cosa dici! E’ comunista, è oltre la legge; ha ragione a prescindere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *