Tempesta record nel Messinese, strade come fiumi VIDEO

Tempesta record nel Messinese, strade come fiumi VIDEO

Massima allerta per il pericolo frane
MALTEMPO
di
2 Commenti Condividi

Allarme alluvioni in provincia di Messina per i forti temporali alimentati dallo scirocco. Piogge torrenziali, straripamento di torrenti e strade come fiumi a Novara di Sicilia. Massima allerta per il pericolo frane. Sotto osservazione un primo smottamento che ha causato la chiusura della strada statale 185 “di Sella Mandrazzi”. Sul posto personale e tecnici Anas, che stanno verificando le condizioni di viabilità del tratto interessato dalla valanga di detriti riversatisi sull’asfalto. Situazione molto critica anche a Barcellona Pozzo di Gotto, a Tripi, Milazzo e Terme Vigliatore. Forti temporali nella valle dell’Alcantara.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Un paio d’anni fà a Barcellona P.G. il fiume (sempre lo stesso) è straripato causando danni immensi.

    Si scoprì che l’alveo era intasato e ostruito, col letto di tanto rialzato, causa totale mancanza di manutenzione.

    La domanda è: da allora ad oggi qualcuno ha pulito il letto del fiume? Ho qualche dubbio. Però continuiamo a fare chiacchere e blablabla, stancanti tanto quanto inutili.

    Speriamo che non ci scappi il morto.

    Durante la campagna elettorare l’on Berlusconi ci ha promesso 1 milione di alberi, la domanda: solo le piantine e arrangiatevi, oppure 1 milione di alberi con annessi e connessi, ovvio perchè 1 milione di alberi per piantarli, bisogna ripristinare strade, bisogna pulire i terreni, fare le buca, piantare gli alberi, recintarli per evitare il pascolo illecito, stroncare i pascoli aubivi etc etc, certo il presidente quando ha detto 1 milione di alberi era come se parlava di noccioline e non di una vera campagna di riforestazione.Secondo il mio non autorevole parere, per la riforestazione dovrebbero cadere tutti i vincoli e cioè l’accesso ai mezzi per il ripristino strade, l’accesso ai mezzi per mettere in sicurezza i versanti e fare tutte quelle opere necessarie, ma si sa vi sono mille vincoli, paesaggistici, vincoli di riserva vincoli di parco, vincoli di siti natura, vincolo idreogeologico, che bloccano ogni iniziativa se non quella della non sufficiente manutenzione ordinaria, con operai età media 60 anni, non tutti specializzati, con macchinari inesistenti od obsoleti e gli stessi operai specializzati incapaci di evolversi con le nuove tecnologie, anzi non ne vogliono sapere, abbiamo operai idraulico forestali che vivono ancora nell’anno 1970, solo che adesso non hanno 20 anni bensi’ 60 e cercano di scappare tutti per la pensione, una efficiente campagna di riforestazione deve appunto partire con operai specializzati, meccanizzati e con tanta voglia di lavorare per la natura ed il territorio e non “solo per le giornate lavorative” che si traducono in contributi pensionistici. On Berlusconi speriamo che la sua non sia stata solo una mera campagna elettorale, ma promesse di un vero leader.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *