Le dimissioni del presidente - Live Sicilia

Le dimissioni del presidente

Le dimissioni di Raffaele Lombardo lasciano sul tappeto molte macerie e una serie di questioni che nè il governo, nè il parlamento sono riusciti a risolvere. Dal problema dei trasporti, a quello sulla spending review, passando per i contratti di circa ventimila precari della Regione.

L'EPILOGO DELL'ERA LOMBARDO
di
41 Commenti Condividi

L’ultima cena di Lombardo presidente è anche “la prima – spiega – che in quattro anni offro ai miei assessori”. Un biblico tavolo da “dodici più uno”, al ristorante “Charme” nei pressi dello stadio, per salutare la giunta. Lombardo va via, ma resta. Per i prossimi tre mesi sarà defilato, manderà avanti il nuovo “front man” del governo, Massimo Russo. Ma manterrà “quasi tutti i poteri” concessi al presidente della Regione, fino a nuove elezioni. Cioè, stando agli annunci delle scorse settimane, e a un passaggio delle comunicazioni del presidente in Aula,in occasione del suo commiato dall’Ars, al 28 e 29 ottobre. Una data che, però non appare così certa. E potrebbe essere anticipata di qualche settimana. Non solo ai primi di ottobre. Ma persino alla metà di settembre. “Anticipare ulteriormente le elezioni? – ha ammesso Lombardo in conferenza stampa – non lo escludo. Ma ne parlerò con la giunta”.

Una giunta che, quasi al completo, fa capolino alle sue spalle, davanti ai giornalisti. Lombardo al centro, cravatta rosea, un po’, pensiamo, come viatico per un futuro “fuori dalla politica”, conferma, un po’ perché quell’immagine di presidente dimissionario, “indebolito dalla vicenda giudiziaria e da un’aggressione mediatica e politica senza precedenti”, non passasse agli annali con troppe tinte di grigio.

No, Lombardo sorride. Scherza. Provoca l’assessore Vecchio: “Noi non sopprimiamo nessuno, vero assessore?”, dice Lombardo. “Fisicamente non di certo”, replica Vecchio. E poi, ecco i due nuovi componenti della giunta. Arrivati in extremis. A “lavorare” per tre mesi. Forse due. Ferie comprese. Nicola Vernuccio entra in giunta dopo aver ricoperto il ruolo di dirigente generale esterno ed estromesso dopo un lungo contenzioso, perché non in possesso di “tutti i requisiti del caso”, insieme a un altro gruppetto di fedeli di Lombardo in qualche modo ben riposizionati, a partire da Patrizia Monterosso, il nuovo segretario generale, contro la cui nomina anche oggi sono piovute dall’Ars critiche pungenti, ma che passa, in abito scuro, a salutare il presidente nella Sala degli specchi di Palazzo d’Orleans. Poi c’è Claudio Torrisi, catanese e consulente di Giosuè Marino per il piano rifiuti. Di lui si sa poco di più. Se non della sorpresa di alcuni suoi amici, come racconta lui stesso, sorridente, tra i cronisti e i colleghi di giunta. Abbracci e baci. Sorrisi e appuntamento alle 21. Salta persino l’idea di tenere una nuova giunta. È bastata quella del pomeriggio. È il momento di rilassarsi un po’. Tra le macerie, però.

Perché l’addio di Lombardo chiude sì, l’esperienza “con tante ombre” dice oggi Gianpiero D’Alia, alleato del governatore fino a dicembre scorso. “Con tante luci”, rivendica il capogruppo autonomista Nicola D’Agostino. Ma le dimissioni del governatore innescano il count-down anche per l’Ars. Che smette oggi di lavorare. Salvo “esigenze straordinarie”, tra le quali non sono comprese le urgenze da “spending review”. “Ce ne occuperemo in via amministrativa”, dicono quasi in coro, e facendo spallucce, però, Lombardo e l’assessore Gaetano Armao. Come se quella norma, fino a cinque, sei ore prima non fosse stata considerata una delle più importanti della legislatura. In grado, giusto per citare Armao, di trasformare la scialacquona autonomia siciliana in un’autonomia “della responsabilità”. Niente spending review, invece ieri. E niente fondi per le proroghe dei precari degli enti locali, per il trasporto pubblico su gomma, per il trasporto da e per le piccole isole, per i dissalatori. Niente soldi. Perché oggi (oggi!) ci si è accorti che per finanziare quelle emergenze servivano 40 milioni di euro. E che raschiando il fondo di un bilancio “con gravi problemi di liquidità”, ha ammesso Lombardo, si poteva raccogliere, al massimo, 13-14 milioni. E nemmeno tanto certi. Un “problema” non da poco. Anche in vista delle elezioni. Quando Lombardo potrà certamente ribadire ai quattro venti che “non si è tagliata una testa. Non s’è licenziato nessuno”. Semmai, ci penserà chi verrà dopo di lui. Magari occupandosi dei contratti dei circa ventimila precari degli enti locali, in scadenza alla fine dell’anno. Una bomba a orologeria che questo governo non è stato capace di disinnescare. E la scelta disperata di approvare un assestamento di bilancio “tecnico”, (“ma non passi l’idea – diceva oggi in Aula Michele Cimino – che quel testo sia stato voluto dai deputati”), mettendo una semplice pezza sul disavanzo, si aggiunge ai problemi incontrati dall’esecutivo negli ultimi mesi con le impugnative del Comissario dello Stato alla Finanziaria e al mutuo, con i richiami di Monti, con la sospensione del rating della Sicilia.

Tutte questioni lontane, oggi, dal ristorante vicino allo stadio, dove il presidente ha deciso di celebrare la sua “ultima cena” insieme ai dodici assessori della giunta. Qualcuno di loro è arrivato nell’esecutivo giusto in tempo per l’invito. E resterà in sella tre mesi, forse addirittura due. Vacanze estive comprese. Il “benvenuto”, a Vernuccio e Torrisi, arriva in occasione di una cena d’addio. Quando, forse, il governatore, dopo qualche portata, deciderà di slacciare un po’ la cravatta rosea. Niente a che vedere col futuro di una Regione che dovrà, di qui alla fine dell’anno, ripartire dalle macerie.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

41 Commenti Condividi

Commenti

    Al Distruttore che fugge Ponti d’Oro

    Io mi chiedo come sia stato possibile consentirgli questo scempio finale, queste nomine, ancora, dell’ultima ora. Dove è l ‘opposizione? ( ammesso che ce ne sia mai stata una)Come è possibile che l’ unica cosa che questo governo aveva il dovere di fare, cioè la spending review si sia andata a fare benedire sotto le solite pressioni di sindacati e politica della peggiore specie? É semplicemente una vergogna non cè altro da aggiungere

    Ancora una volta ilo vecchio volpone ha gabbato i parlamentari che di certo non hanno dato dimostrazione di intelligenza politica. Il satrapo ha effettuato quello sche gli amanti degli scacchi chiamano ” arrocco”. Torri ed alfieri a difesa del re ! Ora è libero di strummintiare spogliato dal ruolo di presidente, attaccare, straparlare e fare la vittima, mentre i parlamentari restano lì a guardare inermi! Aveva il cerino in fra le dita, si stava bruciando i polpastrelli …. ha buttato il cerino a terra e tutti ….. a bocca aperta! Vi ha gabbati tutti, adesso vedrete, solo Barbagallo aveva capito e ha cercato di ribaltare il gioco! Dilettanti!

    Appello alla Procura di Catania: chiedete l’ergastolo.

    Russo, che si sentiva già presidente, in lacrime….i festeggiamenti rinviati…. mha!!!

    appello all’Ospedale Cervello: ha bisogno di un letto urgente

    alleluia, certo che le dimissioni al posto della sfiducia….pd pagherete pure questo alle elezioni!! NON VI VOTERA’ NUDDU!! mentre lomby il suo 8-9% lo tiene e farà ancora il bello e il cattivo tempo…

    CARI ELETTORI SICILIANI, METTETEVI BENE IN TESTA I RESPONSABILI DI QUESTO SFACELO: SI CHIAMANO PDL, UDC, MPA, PD, FLI E COMPAGNIA DIGERENTE. ALLE PROSSIME ELEZIONI MOVIMENTO 5 STELLE……SE NON ALTRO NON DARETE PIU’ IL VOTO A CERTA GENTAGLIA. ARIA NUOVA. PER NON PARLARE DEI PARASSITI BUROCRATI..ALTRO CANCRO DELLA NOSTRA ISOLA

    Il burattinaio ha spezzato i fili(FINIU A PUPIATA)ora mi rivolgo ha tutti i Siciliani onesti e che vogliono cambiare le cose non votate sta gentaglia sono fatti tutti dello stesso impasto,ponderiamo bene e un VI VINNITI PUN CUOPPU I PASTA rischiamo di fare la fine del topo CA TIESTA SCAFAZZATA.

    una pagina durata 4 anni da dimenticare ….

    la sicilia ne esce distrutta ……

    Il tumore è circoscritto. Ora occorre fermare la diffusione delle metastasi.
    È stata una malattia terribile curata male da ignoranti, arroganti, sfrontati, presuntuosi. Fermiamo la politica fine a se stessa che arricchisce chi la fa e impoverisce chi la subisce.
    V E R G O G N A siete eleganti fuori e squallidi dentro.

    Mi dispiace, alla fine era un simpaticone. Adesso Crac e Lum cosa faranno?

    Angelino for president

    adesso avanti tutta M5S.

    @incazzato
    La domanda è molto pertinente, ma sat, purtroppo l’ufficio ricicli funziona sempre. Speriamo che il credito per loro sia esaurito

    Da un famoso striscione esposto a S.Siro: a tutti i deputati siciliani: NON SO PIU’ COME INSULTARVI!!

    io temo che quello che sembra finito deve ancora cominciare. tre mesi di ordinaria amministrazione che significheranno? sarà ordinario nominare i manager della sanità? sarà ordinario dare la stura alla spending review per via amministrativa, quando occorrerebbero leggi per la sua applicazione? sarà ordinario che il governo resterà guidato da un nominato e non da un eletto? sarà ordinario ricattare tutto un sistema ai fini elettorali? sarà ordinario vedere realizzare vendette verso chi ha servito la buona amministrazione piuttosto che il dominus e i suoi vassalli? credo che i prossimi tre mesi ci costringeranno a guardare al nostro futuro, stando attenti all’attimo presente in mano a questi masnadieri! vorrò sbagliarmi, ma questi 4 anni questo ci hanno insegnato e consegnato, non vedo perchè gli ultimi mesi debbano segnare un cambiamento.

    @max
    va’ chiuriti!

    anche io temo che non sia finita…bisogna stare con occhi ed orecchie apertissimi…..

    meghiu u tintu canusciutu cu bonu a canusciri!!!!
    siamo al capolinea grazie ad amministratori (ladroni) di tutte le frangie.
    Lombardo, Cuffaro, Capodicasa etc. etc. fino ad arrivare al 1945.
    fra tre mesi ci saranno sempre gli stessi

    Non so se la SICILIA sia stata in grado di capire Lombardo, con la speranza che il suo successore sia in grado, come lo stesso lombardo ha fatto, di prendere posizioni forti su temi forti, auguro un buon lavoro.

    nelle urna ci dovremo ricordare di come ci hanno trattati di quello che è rimasto della sicilia, io propongo di non votare nessuno dei politici uscenti, non se lo meritano proprio, hanno fatto troppi danni con i loro ribaltoni e inciuci settimanali, si sono tutti prostituiti a tutto pur di conservare una sedia… madiamoli tutti a casa canceliamo i loro volti dalla nostra memoria. via la sicilia.

    ciao a tutti, io proporrei come presidente della regione Sicilia l’onorevole francesco mineo
    lui si che sa risolvere i problemi della crisi siciliana…

    si parla di conti della regione in rosso…si parla che dei fondi europei siano stati utilizzati il 12%… bisogna” utopia” emanare una legge dove chi governa come sindaco come presidente della regione come premier se sbaglia DEVE PAGARE nn dimettersi se nn conviene +++++ la soluzione e’ questa ma ripeto e’ UTOPIA

    ecco la fine di un altro pessimo capitolo,speriamo che almeno ci sia un lieto fine in questo libro.
    Fino a questo punto della storia ogni nuovo capitolo dava speranze nuova , ma lette le prima pagina si capiva subito l’epilogo e ormai da consumati lettori sappiamo intuire benissimo la trama.
    Ho letto un commento precedente dove si fa riferimento al Movimento 5 stelle e aleno per il momento anche io ritengo essere una validissima alternativa a questa massa di politicanti che per mantenere alto il loro tenore di vita non fanno altro che riempirci di belle parole e buoni propositi ma alla fine ci lasciano con il conto corrente sempre più in rosso , quindi per farli almeno scuotere diamo forza al Movimento.

    Fumata bianca per il governo Lombardo. Si è dimesso. Fumata bianca anche per la discarica di beautiful flash. Da giorni si interviene con canadair senza avere ragione del fuoco che sotto cova. Signori politici e gente di malaffare che gongola ai margini della politica più puzzolente della munnizza che brucia in discarica andatevene da questa terra. Non avete capito che tutto ciò che di brutto fate a questa isola meravigliosa lo fate ai vostri figli ed ai vostri nipoti che qui vivranno. Se aveste un minimo di amore per questa terra vi adoperereste per renderla più bella e invece continuate ad ingozzarvi ed a rubare, ma poi per fare cosa? Per respirare insieme a noi poveri mortali la diossina di Bellolampo? Per passeggiare, come noi poveri mortali, in una città sporchissima dove vivono anche i vostri cari? Spiegatemi a cosa giova, perchè io non lo capisco, avere case, villini, gioielli, amanti tante, mogli, macchinone se i vostri cari figli e nipoti respirano la stessa diossina che respiro io; Signori del vapore andate via da questa terra oppure indignatevi, incazzatevi, lavorate per renderla ancora più bella, rimboccatevi le maniche e smettetela di giocare alla politica, andate a lavorare e vivete nel mondo reale dove la gente stenta ad arrivare alla fine del mese.

    Un giorno prima o poi anche lei dovrà presentarsi dal Padre Eterno e vedrà che le verrà presentato il conto ……….. e sarà molto lungo ……… e vedremo se farà l’ultima cena … la sua arroganza e l’assoluto disprezzo della dignità delle persone, la sua totale indifferenza ai problemi reali delle persone, i suoi sprechi, le sue bugie e ipocrisie ….. le consiglio di ritirarsi a vita privata e tacere per sempre …………. domani eviti di chiedere l’indulgenza plenaria …….. la Chiesa dovrebbe essere piu’ severa verso chi spreca e dilapida il denaro pubblico ….. o chi non trova i soldi per chi vive di stenti o in condizioni vicine alla povertà (e in alcuni casi con invalidità – vere, non fasulle- gravi) mentre lei ha assunto (con stipendi d’oro) amici e parenti, solo per far sfoggio del suo potere, senza alcun senso dello Stato e delle Istituzioni.
    Questi comportamenti sono indegni di un paese civile …… qualcuno scherzando le chiedeva come mai non avesse dato un incarico al suo cavallo …….
    Ed il punto è proprio questo: un sistema democratico funziona, solo se nessuno si sente e mette in atto (perchè gli altri stanno a guardare) comportamenti da “RE SOLE”,
    In paesi non democratici il potere viene gestito come ha fatto lei

    psicosi caratterizzata da «diffidenza e sospettosità pervasive nei confronti degli altri (tanto che le loro intenzioni vengono interpretate come malevole), che iniziano nella prima età adulta e sono presenti in una varietà di contesti» e una forma di schizofrenia caratterizzata dalla «presenza di uno o più deliri o di frequenti allucinazioni uditive». I sintomi del delirio (interpretazioni, illusioni, percezioni deliranti, fabulazioni, intuizioni) sono ampiamente riconducibili a una patologia della convinzione, patologia che si realizza con una polarizzazione di tutte le forze affettive nel senso di una costruzione delirante che subordina tutta l’attività psichica ai propri fini. Sono deliri relativamente coerenti, logici nella loro illogicità, relativamente plausibili. Di qui la loro forza di convinzione e anche di induzione (delirio a due: Lombardo Russo).

    Ho dimenticato l’oggetto dell’intervento precedente PARANOIA

    Le dimissione del Presidente Lombardo mettono in luce la pochezza del popolo siciliano. Io personalmente non ce l’ho con la politica in particolare. E’ troppo facile e non voglio avere alibi.
    A volte le cose sono più semplici di quanto sembrano: vi spiegate perchè in realtà non succede niente? Nè una protesta degna di essere tale, nè la dovuta rabbia nel vedere il nostro potere d’acquisto diminuire.
    Siamo tutti complici. Anzi paradossalmente dobbiamo ringraziare i politici che ci hanno fatto lavorare o che ci mantengono le nostre aziende: Chi per vent’anni, chi per dieci, chi per una vita. Poveracci che colpa hanno se non possono farlo più.
    Siamo talmente complici e “dipendenti” che non solo non ci si sente di ribbellarsi contro colui che ti ha dato, e spesse volte immeritatamente da mangiare, ma vogliamo che rimanga tutto come é, perchè non sapremmo come fare.
    Vorrei soltanto che ognuno di noi riflettesse sulla propria condizione umana e vedrete che le soluzioni già stanno dentro di noi. Facciamo in modo che vengano fuori.

    Caro Presidente,
    dopo aver ascoltato nella giornata di ieri dalla Sala stampa dell’ ARS il Tuo formidabile intervento sono sempre piu’ convinto che ti sei comportato da ottimo Presidente dei siciliani. Secondo me l’ M.P.A… ( nuovo soggetto politico ) dovrebbe sbobbinare il Tuo pacato ed intelligente intervento della Tua precedente conferenza stampa oltre che in Aula in occasione delle Tue annunciate e mantenute dimissioni per far conoscere ai Siciliani che non sono legati agli ascari della politica le grandi verità che hai sempre dichiarato in tutte le sedi . Io come altri lettori di LIVE SICILIA vedo grandi manovre da parte di tante forze politiche in vista delle elezioni regionali di ottobre. La Sicilia è un ottimo capro espiatorio che fa comodo a tante forze economiche e politiche, approfittando delle difficoltà in campo occupazionale,lavorativo. Stanno cercando in tutti i modi di togliere l’autonomia alla Sicilia perchè essa è da ostacolo,in qualche modo,a certe forze politiche. E MI CHIEDO PERCHE’ IL PRESIDENTE MONTI NON MANDA QUANTO DOVUTO ALLA SICILIA PER SANITA’-FONDI PAR/FAS e quant’altro in modo da sistemare tutte quelle cose che servono per lo sviluppo e ben inseriti nei D.L 938 e 900A. ( PRECARI-ASU- CONVENZIONI TRASPORTI MARITTIMI ISOLE .. – DISSALATORI-ARAS ecc….).
    Verissima l’importante azione riformatrice che hai avviato nella formazione professionale, nella sanità e mi auguro e confido che il neo e competente Assessore delle Risorse Agricole della Regione Sicilia possa fare in questi mesi quanto nelle sue possibilità per il rilancio del settore agricolo-zootecnico anche con possibili aggregazioni di Enti che si occupano di assistenza tecnica e ricerca scientifica come l’ISZS-l’ARAS ed Incremento Ippico …. con il vantaggio di eliminare sprechi e migliorare i servizi nei confronti di un comparto che rappresenta insieme al turismo il vero volano di sviluppo della nostra economia agricola. Infine non pensate che sia anche colpa di quelle forze politiche che,all’indomani delle elezioni,ha tolto l’appoggio politico al Presidente che avevano appena eletto? Da questo penso che sia dipeso le tantissime giunte che ha dovuto formare in questi anni. Sicuramente perchè da Buon Presidente dei Siciliani non ha acconsentito alla spartizione di oneri,poltrone e appalti che pretendevano talune forze politiche ed economiche. Per ultimo vedo bene come Tuo Possibile successore la candidature dell’ex magistrato dott. Massimo Russo ma meglio ancora dell’eurodeputato On. Crocetta se non altro perchè rappresenta un deterrente per tutte le mafie … l’ha dimostrato da Sindaco di Gela e da parlamentare che senz’altro può rappresentare un’elemento di aggregazione nel PD e nelle tante associazioni a cui sta a cuore la nostra amata Sicilia . MI AUGURO CHE I VECCHI ED I NUOVI ELETTI AL PARLAMENTO SICILIANO SAPPIANO IN PRIMIS TUTELARE L’AUTONOMIA SICILIANA E FACCIANO TESORO DI QUANTO AI FATTO TRA MILLE DIFFICOLTA’… IN QUESTI QUATTRO ANNI DI PRESIDENZA.
    AUGURI PRESIDENTE – ASPETTIAMO TUTTI FIDUCIOSI CHE LA GIUSTIZIA POSSA CHIARIRE IL RESTO…. RISPETTO ALLE CALUNNIE CHE TI SONO STATE MOSSE CON LA GRAVE COMPLICITA’ MEDIATICA DI CERTA STAMPA .
    CON SENSO DI ATTACCAMENTO VERSO L’ENTE IN CUI LAVORO DA 34 ANNI e ALLO SVILUPPO DELLA SICILIA.
    giuseppe

    Giuseppe ……… se forse uno dei tanti nominati da Lombardo? da come scrivi sembrerebbe di si…… forse uno dei tanti clientes …….. ma visto che tu sei comprendi molto meglio di tanti noi, cosa avrebbe fatto questo grande salvatore della patria?
    Su stiamo aspettando di sentire ………. vediamo fino a che punto avete il coraggio di “ammucciare u sulì cu lu crivu”.
    capisco che con la bella vita che probabilmente fate, stipendi d’oro, indennità, viaggi premio e quant’altro a spese dell’intera collettività, vendereste l’anima al diavolo, anzì l’avete già venduta……
    Ma finirà questo bel paese di Bengodi …….. e mangerete il fango insieme ai vs PADRONI …..

    @delusa
    scusa, visto che ce l’hai con i politici tutti, perche non cambi nazione?

    ….. e non dimentichiamo quello che ha fatto e non ha fatto per la ripubblicizzazione dell’acqua….e anche li ha cercato di favorire i suoi.

    DA TIFOSO INTERISTA, PRIMA O POI MI ASPETTO DI ESSERE CHIAMATO DA MORATTI A FARE L’ALLENATORE.

    DA SICILIANO, PRIMA O POI MI ASPETTO DI ESSERE “NOMINATO”.

    RINGRAZIO ANTICIPATAMENTE.

    Mah!
    Sono sinceramente preoccupato, a Palermo (e mi scuso con i colleghi lettori non palermitani per questo riferimento alla mia città) abbiamo quindi visto, nell’ordine:
    – un presidente del consiglio che si dimette a novembre 2011 prima di fine mandato perchè la situazione gli sta sfuggendo di mano;
    – un sindaco che se ne va a gennaio 2012, qualche mese prima della scadenza mandato, cercando di salvare la faccia alla sua parte politica, perchè la situazione gli stava sfuggendo di mano, ed emblematica è stata anche la rapidissima partenza del commissario Latella, ha subito tutto messo in mano al sindaco neo-eletto e se ne è andata via subito;
    – un presidente di regione che se ne va a luglio 2012, pochi mesi prima della scadenza mandato, lasciando il cerino pronto per il futuro governatore.

    Ma se le cose stanno così, non si può avere una alternativa, anche a costo di fare una petizione popolare per un disegno di legge, in modo che chi non è in grado di governare il Paese, il Comune, la Regione, venga costretto a lasciare prima che la situazione si incancrenisca?
    Chi viene dopo certi sfaceli non è detto che riesca a riportare le cose alla normale funzionalità, e il conto lo paghiamo tutti alla fine, noi cittadini, con stipendi che tardano ad arrivare, servizi che non vanno, alti costi di tariffe e bollette, nonché benzina alle stelle …

    E adesso chi verrà? Chi avrà il coraggio (o la follia) di prendersi in mano una patata così bollente?

    A livello nazionale si è trovato il tecnico, Monti; a livello cittadino NESSUNO dei big politici, ad eccezione di Orlando, se l’è sentita di presentarsi, ed hanno messo avanti giovani e mezze cartucce, tanto si sapeva che finivano bruciati, mentre i big pensano e sperano ad altre chances future (!?!).
    Alla regione che succederà? Troveranno un Monti o anche lì sará una lotteria?
    Alle amministrative, al ballottaggio, il 60% dei palermitani non ha votato, e la cosa è fortemente indicativa del comune sentire; poi si presenta uno che almeno se la sente di rischiare, e con soltanto il 28% degli aventi diritto diventa sindaco, infilando in consiglio comunale una maggioranza bulgara del 60% dei consiglieri.

    Spero che alla Regione vada diversamente; perchè altrimenti, con rispetto per Monti e per Orlando, vuol dire che questo modello di democrazia e di politica ha fallito tutto, e bisogna costruirne uno nuovo con nuove regole, e non sará nè facile nè bello.

    ora mi candido io! tanto solo a migliorare si può!

    GRAZIE
    giuseppe

    Caro lettore di Live Siclia ” voce nel deserto” al Tuo quesito ……… sei forse uno dei tanti nominati da Lombardo? Ti rispondo: ” NON SONO UN NOMINATO” e SE LO FOSSI STATO SEREI STATO FELICE DI LAVORARE A FIANCO DI UN GRANDE PRESIDENTE DELLA REGIONE SICILIA CHE SI CHIAMA RAFFAELE LOMBARDO . AL CONTRARIO DI QUANTO TU AFFERMI PENSO CHE AVREI POTUTO CONTRIBUIRE A SCRIVERE QUALCHE PAGINA NUOVA PER L’AGRICOLTURA SICILIANA considerato il fatto che IL COMPARTO AGRICOLO INSIEME AL TURISMO POSSONO RAPPRESENTARE LA SVOLTA PER L’ECONOMIA AGRICOLA SICILIANA . Considerato che sono un Tecnico Agricolo eletto democraticamente e NON NOMINATO COME TU AFFERMI NELLA TUA NOTA del 01.08.2012 ti confido che il mio impegno e’ stato sempre svolto a titolo gratuito nei confronti delle istituzioni e per ultimo il mio impegno sempre gatuito…. nelle battaglie da me fatte per la destituzione di certe cricche in certi Enti finanziate dalla Regione Sicilia ( tutto cio’ e’ stato fatto anche nel Tuo interesse e di quello dei Siciliani con l’autorevolezza del Presidente della Regione Sicilia Raffaele Lombardo vedi il caso TERMOVALORIZZATORI – SANITA’- FORMAZIONE PROFESSIONALE ecc…per ultimo Ti assicuro che al contrario di quanto impropriamente da Lei affermato …. “capisco che con la bella vita che probabilmente fate, stipendi d’oro, indennità, viaggi premio e quant’altro a spese dell’intera collettività, vendereste l’anima al diavolo, anzì l’avete già venduta……” la rassicuro e le confido che personalmente ed insieme alla mia famiglia sto continuando a difendere la mia dignita’ umana e professionale …MI AUGURO CHE ANCHE LEI POSSA COME HO FATTO IO FIN’OGGI GRATUTITAMENTE DIFENDERE GLI INTERESSI DELLA SICILIA CHE PASSANO INNANZI TUTTO ATTRAVERSO LA SALVAGUARDIA DELL’AUTONOMIA DELLO STATUTO e non solo anche attraverso la salvaguardia del VERDE URBANO ed EXTRA URBANO al fine per migliorare la qualità del Verde nelle nostre citta’ ( Vedi Punteruolo Rosso ……) INFINE DA COME SCRIVI caro ” voce nel deserto ” sembrerebbe VERAMENTE e forse LO SEI uno dei tanti clientes …….. dei poteri forti …… CHE HANNO OSTACOLATO IN QUESTI ANNI IL PROCESSO DI RIFORME AVVIATE DAL PRESIDENTE DELLA REGIONE SICILIA RAFFAELE LOMBARDO.
    SAPPI CHE QUESTE COSE LE DIREMO IN TUTTE LE PIAZZE . MI AUGURO PER LEI CHE QUESTE PAROLE eo CONSIDERAZIONI POSSANO RAPPRESENTARE IN MOMENTO DI RIFLESSIONE E DI SVOLTA NELL’INTERESSE DELLA SICILIA e dei SICILIANI.
    giuseppe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.