Tra Caronia e Pdl polemica aperta | Lo scontro passa per “Palermo 91" - Live Sicilia

Tra Caronia e Pdl polemica aperta | Lo scontro passa per “Palermo 91″

Comune di Palermo
di
8 Commenti Condividi

E’ ormai una guerra senza esclusione di colpi quella che si è scatenata fra il consiglio comunale e il vicesindaco di Palermo, Marianna Caronia. Dopo le roventi polemiche delle scorse settimane tutte interne al centrodestra che hanno portato il Pd a presentare una mozione di censura che si voterà la prossima settimana, lo scontro si arricchisce di giorno in giorno di nuovi particolari e segna ancor più marcatamente la distanza fra la Caronia e il gruppo consiliare del Pdl.

Il capogruppo dei berlusconiani, Giulio Tantillo, accusato nei giorni scorsi insieme al presidente dell’Aula Alberto Campagna di “atto criminoso” per aver affossato due emendamenti in tema ambientale cari al vicesindaco, dalle pagine del Giornale di Sicilia solleva un nuovo caso destinato a scatenare nuove polemiche tutte interne alla maggioranza. Oggetto del contendere il progetto denominato “Palermo 91” finanziato con il Ptta 1994/96 (Piano triennale di tutela ambientale), che prevede la selezione, mediante Lavoro Sicilia spa, di 30 soggetti che firmeranno un contratto di formazione lavoro della durata di quasi due anni a 700 euro al mese per la valorizzazione di due cave presenti nel territorio cittadino: una a Tommaso Natale e l’altra nel quartiere Cruillas. Compito dei 30 selezionati, di cui 15 giardinieri e 15 esperti in marketing territoriale e gestione di eventi, sarà si rivitalizzare i due siti e, terminati i 22 mesi, mettersi in proprio per continuare a gestirli.

Il progetto, in realtà, risale al 2006 e viene approvato dalla prima giunta Cammarata che però decide di ritirarlo poco dopo per evitare la creazione di nuovo precariato. Rimasto bloccato per anni, viene rimodulato nel 2010 per volontà del vicesindaco per rimediare a un’incongruenza tecnica.  Deve essere riformulato e pertanto le graduatorie stilate in base alla selezioni fatte da Lavoro Sicilia (partecipata della Regione prima denominata Italia Lavoro Sicilia) vengono annullate. L’iter ricomincia da capo ad aprile del 2011 e le selezioni sono, ad oggi, ancora in corso.

Tantillo, che ha scritto più volte agli uffici per chiedere lumi sulla scelta di Lavoro Sicilia e sui criteri di selezione, ha annunciato che solleverà il caso in consiglio comunale e non si dice affatto convinto dell’idea di selezionare nuovo personale non impiegando gli lsu già in servizio al comune. Ma più di un consigliere di maggioranza sarebbe andato su tutte le furie per un’operazione di cui era all’oscuro sia il consiglio comunale che il resto del centrodestra.

“In un ordine del giorno con oltre 200 punti che giacciono da anni nell’indifferenza generale – dice la Caronia – mi domando come mai una mozione presentata appena due giorni fa sia diventata il tema del giorno e, mi dicono, verrà discussa già martedì. Secondo alcune voci, le opposizioni avrebbero addirittura ritirato la mozione di sfiducia al sindaco per trattare quella di censura nei miei confronti. E’ singolare la commistione di ruoli fra Tantillo e Faraone (capogruppo del Pd, ndr): io accuso il primo e mi risponde il secondo”. Il vicesindaco tiene a precisare, inoltre, di aver già trovato il bando al suo insediamento e di averlo ripreso dopo aver avuto le autorizzazioni da parte dei ministeri competenti e della Regione e di averlo rimodulato per un inconveniente tecnico. “In più, oltre ad aver pubblicato il bando sulla Gazzetta Ufficiale – continua la Caronia – ho chiesto che venisse messo sul sito per una questione di trasparenza, non è un fatto nuovo. Mi chiedo come mai Tantillo lo tiri fuori a pochi giorni dalla mozione di censura. Sono perplessa per questa ostilità nei miei confronti”.

Martedì Sala delle Lapidi si riunirà e potrebbe andare in scena il redde rationem all’interno del centrodestra. Il Pdl ha già dichiarato che voterà contro ma da più parti si chiede il voto segreto, che se concesso permetterebbe ai franchi tiratori di far passare la mozione che però non avrà alcun effetto a norma di regolamento. “Con la città sommersa dai rifiuti e il crac delle partecipate solo rinviato, è incredibile che il consiglio comunale nella seduta di martedì e mercoledì prossimi perda tempo con la mozione di censura alla Caronia”, dice il vicepresidente vicario Salvo Alotta del Pd. “L’unica mozione regolamentata è quella di sfiducia – continua Alotta – quella di censura non è prevista, pertanto sono infondate le richieste di voto segreto. Trovo incomprensibile la scelta dell’ufficio di Presidenza di mettere la mozione all’ordine del giorno e, pur condividendo le motivazioni che hanno portato a presentarla, non capisco come si possa perdere tempo anziché affrontare i problemi della città partendo dalla riforma dei regolamenti e dalla delibera sui gazebo”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

8 Commenti Condividi

Commenti

    Un bando con graduatorie gia’ stilate annullato per rifarne uno giusto giusto appena si insedia il nuovo vicesindaco…..mi dispiace ma mi puzza

    Sono in sintonia con il Vice Presidente Alotta non ha senso la mozione di censura mi opporrò alla trattazione la città ha altre priorità non perdiamo tempo e poi il caso e ‘ superato e chiarito non strumentalizziamo più di tanto una dichiarazione ne ho lette sul consiglio tante ci siamo abituati.Per il resto nessun contrasto con la Caronia ho chiesto dei documenti agli uffici tutto chiarito .

    In questa cavolo di città non esistono solo asu e pip.anche ma non solo.esistono giovani che sognano un futuro e gente disperata che ha titoli ed esperienza e deve reinventarsi per mangiare,per dignità personale,per non essere mortificata quando non sa come e dove trovare sostentamento.e poi ci sono anche i giovani che non si arrendono e cercano ovunque una via verso l’indipendenza credendo fortemente che sia un diritto.bravi!continuate ad inventare motivi inutili per litigare,per far bloccare i progetti,per togliere indegnamente ancora quel poco lavoro che è rimasto.bravi!davvero bravi!continuate chiudere gli occhi davanti le pagine dei giornali che raccontano la disperazione di chi si lancia giù dal tetto di una facoltà a poco più di ventanni o di chi prova a sterminare una famiglia a termini imerese.

    Tantillo, adesso si accorge che la citta’ ha delle priorita’? Secondo me quella in assoluto rimane lei,Campagna,Cammarata,Milazzo…xe’ avete distrutto Palermo

    Bisogna dire la verità, lo spettacolo non è molto esaltante. Il dialogo tra governo della città e consiglio comunale sembra quello tra chi parla lingue diverse. Non si capisce se è una posizione voluta e strategica o se è un gioco delle parti. I problemi di Palermo sono invece veri, sono pure vecchi e incancreniti. Ci aspetteremmo un sussulto d’orgoglio di tutti. Un impegno quotidiano per arrivare con un pizzico di dignità alla scadenza elettorale del 2012 quando tutto cambierà. Tra consiglieri di maggioranza e opposizione e giunta comunale esistono uomini e donne di buona volontà che hanno a cuore Palermo. Si facciano sentire, lascino da parte schieramenti e appartenenze ideologiche, dimostrino alla città che c’è ancora speranza.

    signor tantillo, dato che la polemica con l’on caronia, non esiste più,
    perchè non si pensi esclusivamente a lavorare e pensare cose e problemi più concreti per Palermo, si faccia un giro in città, se vuole la vengo a prendere con il mio scooter e ci facciamo un giro accuratamente in città,
    ed il degrado continuo in tutto e per tutto cresce quotidianamente,
    per amministrare una città non basta, progettare, pianificare e riunisrsi, occorre stare con i cittadini, con la gente, e per le strade,
    e capire bene cosa è prioritario,
    perchè si vive esclusivamente in emergenza continua.
    buon lavoro signor Giulio Tantillo, lavori per il bene della nostra città come ha fatto negli utlimi dieci anni
    grazie
    nb.: per favore non ci tocchi il vicesindaco Marianna Caronia, che ha tanti palermitani ci ha scosso, con le sue battaglie continue per il bene della città, la faccia lavorare e poi dopo un percorso si giudica.grazie sempre signor Giulio Tantillo.
    FDS

    che pena…povera Palermo come sei finita…

    Si darà la possibilità a 30 giovani di poter lavorare e creare impresa ed arriva un Tantillo ed una certa Spallitta che vogliono che venga ritirato il bando per la seconda volta. Vergognatevi!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.