Tutti i guai di Dell'Utri - Live Sicilia

Tutti i guai di Dell’Utri

Ma è ancora al suo posto
di
8 Commenti Condividi

Non lo sposta nessuno, nessuno lo tocca. Non bastavano le vicende  e le condanne note. Adesso La Procura di Roma ha chiuso l’inchiesta sulla P3, la presunta associazione segreta che avrebbe agito su esponenti della politica, funzionari pubblici e giudici per pilotare nomine nella pubblica amministrazione, ottenere appalti, influire sulle decisioni della politica, aggiustare processi, “condizionare il funzionamento di organi costituzionali”. E c’è di mezzo lui (con altri), il siciliano Marcello Dell’Utri.

 Si tratta – come si sa –  dell’atto che prelude alle richieste di rinvio a giudizio da parte del procuratore aggiunto, Giancarlo Capaldo, e del Pm, Rodolfo Sabelli. A rischiare il processo sono venti indagati. Ci sono Flavio Carboni, ritenuto dall’accusa al vertice dell’associazione segreta, il coordinatore nazionale del Pdl, Denis Verdini e appunto il senatore Marcello Dell’Utri. Tra gli indagati anche l’ex sottosegretario all’Economia, Nicola Cosentino, a cui viene contestato il concorso in diffamazione per i falsi dossier contro il governatore campano, Stefano Caldoro, il presidente della Regione Sardegna, Ugo Cappellacci, l’ex presidente della Corte di cassazione, Vincenzo Carbone.

Il delitto? Per i magistrati di Roma si è in presenza di “un’associazione per delinquere diretta a realizzare una serie indeterminata di delitti di corruzione, abuso d’ufficio, illecito finanziamento diffamazione e violenza privata caratterizzata, inoltre, dalla segretezza degli scopi e volta a condizionare il funzionamento di organi costituzionali e di rilevanza costituzionale, nonché apparati della pubblica amministrazione dello Stato e degli enti locali”. I componenti dell’associazione, si sarebbero adoperati per “influenzare la decisione della Consulta nel giudizio sul cosiddetto lodo Alfano”; oppure “intervenivano ripetutamente sul vice presidente del Csm, sui componenti del Csm per indirizzare la scelta dei candidati e incarichi direttivi (presidente della Corte di appello di Milano e Salerno, procuratore della repubblica di Isernia e Nocera Inferiore)”. Ma Marcello è sempre in piedi.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

8 Commenti Condividi

Commenti

    spero che anche stavolta non ci sia l’archiviazione, ricordo quando nacque forza italia, chi abbraccio’ il ns. premier, dicendo che grazie alui era nata forza italia propri dell’utri. e allora!!!!!!!

    Siamo tutti, sempre in piedi. Salvo Lima…

    spero che si chieda l’arresto di dell’utri e poi vediamo se la camera lo concedera

    Un perseguitato… poverino…

    Speriamo se ne vada dall’Italia, visto che noi resteremo e resisteremo, sempre !

    cosa ne pensano di dell’utri gli elettori del PDL??? sanno chè è il fondatore di forza italia??

    Perché non fanno come con i mafiosi, RETATA e SEQUESTRO di BENI? Forse il popolo incomincerà ad avere più fiducia nelle istituzioni, soprattutto alla magistratura che dipende “autorizzazioni a procedere” dai politici!

    “aggiustare processi”. Per uno che viene indagato un giorno sì e l’altro pure, l’accusa di “aggiustare processi” è un invito alla risata. E allunga un’ombra di ridicolo sulla “presunta associazione segreta”.

    MA quando c…zz e’ prevista la sentenza definitiva in Cassazione su Dell’Utri ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.