Undici ore al pronto soccorso| Poi le dimissioni e la morte - Live Sicilia

Undici ore al pronto soccorso| Poi le dimissioni e la morte

Un pensionato di Modica è deceduto dopo aver accusato problemi respiratori. La denuncia

NEL RAGUSANO
di
3 Commenti Condividi

RAGUSA – Un pensionato di 82 anni di Modica (Rg) è rimasto undici ore al pronto soccorso per essere visitato. Dimesso dopo la mezzanotte è morto la mattina. I familiari hanno presentato un esposto assistiti dallo studio legale 3A che ricostruisce la storia. Il paziente con gravi patologie pregresse era stato portato in ospedale a Modica sabato scorso dopo essere caduto il giorno precedente. Entrato al pronto soccorso alle 13 l’anziano è stato chiamato per la visita dopo le 23.

Dopo una Tac al capo e una serie di radiografie al bacino, al torace, alla spalla alle 0.37 di domenica l’anziano è stato dimesso con la prescrizione di ripresentarsi la mattina alle 9 per una visita infettivologica. Le difficoltà respiratorie, che il figlio della vittima ha più volte evidenziato, sono state infatti attribuite dalla dottoressa che ha visitato il paziente ad un inizio di bronchite. Alle 8 del mattino il figlio è andato a casa dell’uomo per prenderlo e accompagnarlo alla visita ma il padre non dava risposte.

L’uomo ha sfondato la porta dell’abitazione e ha trovato il genitore morto. Sono intervenuti anche i carabinieri di Modica, è stato informato il magistrato di turno della Procura di Ragusa, Marco Rota, ed è stato già effettuato un primo esame sulla salma da parte del medico legale di Scicli Guglielmo Tumino, che ha stabilito indicativamente l’ora del decesso alle 3. “Cioè due ore e mezza dopo le dimissioni dall’ospedale”, dice lo studio legale. Il figlio ha presentato denuncia ai carabinieri per accertare le cause della morte dell’anziano e per verificare eventuali responsabilità da parte dei sanitari che l’hanno avuto in cura. In attesa di riscontri dalla Procura ragusana, i funerali sono stati bloccati. (ANSA).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    La promessa che diventerà bellissima, soprattutto la sanità siciliana, si sta realizzando. Complimenti vivissimi a tutti noi siciliani per il traguardo raggiunto. Buona fortuna che salute……!!!!!

    VERAMENTE INETTI!!!

    SPERO CHE I FAMILIARI CHIEDIANO ALMENO 10 MILIONI DI EURO E LA CONDANNA PENALE DEI RESPONSABILI.

    Scusate trattasi di aria fritta!!! Mi spiace per il defunto, ma a quell’età e con gli acciacchi presenti, si può morire in qualsiasi momento e luogo. Indi: tempo perso per chi spera di ricavarne obolo.
    PS: il mio è solo un consiglio, evitate di spendere soldi, gli unici che ci guadagneranno saranno solo gli avvocati!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *