Valentina, l'altra Chinnici candidata con il Pd

Valentina, l’altra Chinnici candidata con il Pd

La candidatura per Palazzo dei Normanni.
LE ELEZIONI REGIONALI
di
2 Commenti Condividi

Ci sarà un’altra Chinnici candidata con il Pd, non per la presidenza della Regione, ma come deputato regionale a Palazzo dei Normanni. Si tratta di Valentina Chinnici, attualmente consigliere comunale a Palermo. Sono ore convulse, per la presentazione delle liste. I democratici hanno qualche difficoltà a completare lo scacchiere, specialmente – si sussurra – nel Messinese. Ma tutti i partiti, nel bene o nel male, devono sbrigarsi, prima della chiusura di domani.

Quello di Valentina Chinnici è un nome noto a Palermo. Prima di sostenere il candidato progressista Franco Miceli (lei è consigliere nella lista ‘Progetto Palermo’), fu tra i nomi dati con insistenza per candidabili alla poltrona più in vista di Palazzo delle Aquile. “Se il mio nome fosse riconosciuto, dall’intera coalizione di centrosinistra, come elemento di unione – disse lei a LiveSicilia.it – allora sì, ci sarebbero le condizioni”.

Alla fine, come è noto, la storia andò diversamente. Il prescelto fu, appunto, Franco Miceli, ma le elezioni le ha vinte l’attuale sindaco di centrodestra, Roberto Lagalla. Adesso Valentina Chinnici ci riprova. A Palazzo dei Normanni. (Roberto Puglisi)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Tonino di pietro direbbe: “che c’azzecca Valentina Chinnici nel Pd”?
    Che c’azzecca una persona da sempre a sinistra e nel civismo progressista con il Pd partito dove la componente ex comunista è ormai un fortino assediato e dove dominano ex democristiani, atlantisti, filoamericani, filoisraeliani e chi più ne ha più ne metta?
    A proposito di nuovi “compagni”, Casini e Cottarelli, la Lorenzin e la Furlan….

    Ci sarà gran confusione quindi non voterò ne ne per l’una ne per l’altra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.