"Accoglienza, giovani e povertà" | Così Palermo attende il Papa - Live Sicilia

“Accoglienza, giovani e povertà” | Così Palermo attende il Papa

I preparativi per il palco della messa al Foro Italico

Viaggio nella città che aspetta Bergoglio: cosa si aspettano i palermitani dalla sua omelia.

LA VISITA DEL 15 SETTEMBRE
di
24 Commenti Condividi

PALERMO – C’è la donna che uscendo dalla Cattedrale auspica un intervento “in favore dell’integrazione dei migranti”, c’è il giovane liceale che mostra tutta la sua simpatia verso il ‘Papa-social’ che “ha avvicinato i giovani alla Chiesa” e c’è il mendicante che spera in un messaggio in favore di “chi non ha un tetto sotto a cui vivere”. E’ il variopinto mondo della Palermo che attende l’arrivo di Papa Francesco fissato per sabato, con un carico interiore di speranza e aspettative verso i temi che il Santo Padre potrebbe affrontare nel corso della sua visita nel capoluogo: i luoghi del beato Pino Puglisi, la Cattedrale, il Foro Italico e piazza Politeama le tappe della giornata palermitana di Bergoglio. che lo vedrà incontrare i fedeli al Foro Italico e in piazza Politeama.

“Penso che nella sua omelia ribadirà il dovere di accogliere e integrare i migranti”, afferma una fedele all’uscita da uno deu luoghi centrali della fede in chiave palermitana, la Cattedrale. A pochi metri il liceo classico Vittorio Emanuele II, dove Paolo, studente del primo anno, ammette: “Sono ateo ma Papa Francesco lo ascolto, è simpatico”.”Parla il nostro stesso linguaggio, è un genio dei social. Ed io lo seguo su Facebook, in questo modo mi sono riavvicinata alla Chiesa”, risponde Anna Di Stefano. Una studentessa di Architettura, Chiara Cerrito: “Credo che il Papa dovrebbe parlare dei giovani senza lavoro, senza futuro, esprimere vicinanza con parole amorevoli”. E ancora le frasi di un mendicante seduto sui gradini di Santa Caterina: “Parli di noi, di chi non ha un tetto e non ha cibo. Io ho solo una coperta e questo sacchetto, dove tengo le mie cose”.

Una turista napoletana in visita a Palermo, Viviana De Rosa, torna sul tema dell’accoglienza: “C’è da proteggere migliaia di uomini, donne e soprattutto bambini. Spero che il Pontefice in un clima politico quanto mai ostile e complesso crei un ponte di parole tra la Chiesa, lo Stato e i migranti”. “Il Papa è ascoltato più o meno da tutti. Quello che avviene nei nostri mari è una strage, bisogna parlarne”, cosi un ragazzo palermitano, Davide Calabrese.

Lo scenario di un Mediterraneo sempre più in emorragia aperta è un tema, infatti, che Bergoglio nel corso della sua missione eucaristica affronta come un problema che coinvolge l’intera comunità di fedeli. Papa Francesco in visita a Dublino in occasione dell’incontro mondiale delle famiglie, ha affermato: “Forse la sfida che più provoca le nostre coscienze in questi tempi è la massiccia crisi migratoria, che non è destinata a scomparire e la cui soluzione esige saggezza, ampiezza di vedute e una preoccupazione umanitaria che vada ben al di là di decisioni politiche a breve termine”. Ascoltando la gente il sentimento popolare è pressoché il medesimo: speranza per un futuro migliore per i giovani e vicinanza ai migranti. Non mancano i gridi di povertà e l’attenzione per la Sicilia, sentimenti che verranno idealmente fuori dal palco del Foro Italico, un palcoscenico a pochi metri da quel mare che troppe volte ha contenuto lacrime e sangue.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

24 Commenti Condividi

Commenti

    ma sempre con i migranti? e i palermitani chi ci deve pensare ?

    Accoglienza ? Ma con quali piccioli Vescovo Bergoglio ? Chi nostri o chi sua ? Ma che bravo a predicare sulla pelle dei nostri figli . Gesù ha detto che non c’è cosa più grande che dare la propria vita per i fratelli . Io la mia posso darla , ma quella dei miei figli no. Sabato Lei sarà circondato da tante persone . Chieda che fanno i loro figli. Scoprirà che lavorano , mentre i nostri figli no. Allora che ci viene a dire ? Ci bastano gli ipocriti che il Signore ci ha donato a Palermo e che fanno gli accoglienti con il nostro sudore. Non abbiamo bisogno , non ho bisogno , delle sue prediche .

    Ma non si vergognano i soliti noti ad attaccare persino il papa? ma lo capite che un cristiano o è solidale e accogliente, o non è cristiano?

    Il Papa gridi ad alta voce il No al razzismo, male assoluto e minaccia gravissima al pari della mafia. Il Papa scomunichi i cattolici razzisti e che negano l’accoglienza. Il Papa cacci i preti non allineati allo spirito evangelico della solidarietà e dell’accoglienza. il Papa faccia capire che o un cristiano è accogliente e solidale verso i migranti o non è cristiano!

    Sono di Sinistra ma mi trovo d’accordo anche stavolta con Papa Francesco ed i Cattolici, la priorità va data a tutti i Migranti, i Richiedenti Asilo ed i Rom.

    Il Papa nella sua omelia dirà che è dovere comune di tutti noi italiani aprire le nostre porte all’accoglienza ed alla integrazione di chi arriva fuggendo da fame e guerre. E se noi dobbiamo lasciare aperte le nostre porte un certo ministro dovrà fare la medesima cosa con i porti, lasciandoli sempre aperti a tutte le navi ed imbarcazioni in arrivo cariche di disperati.

    Mi raccomando parliamo e pensiamo a tutti….TRANNE GI ITALIANI

    idem.IL MIO PAPA E’ RATZINGER TEDESCO E GIA’ DICE TUTTO VERO PALERMO E’ BELLA A? IO AMO I TEDESCHI ANCHE IN PASSATO

    E AGLI ITALIANI? QUANDO?MA VOI DI SINISTRA SIETE IPOCRITI LURIDI MI FATE SCHIFO E SCRIVO QUELLO CHE VOGLIO CAPITO.CIOE GLI ITALIANI STANNO MORENDO DALLA FAME E TU E QUELLA COSA DI PALERMO E’ VELLA FATE DLA MORALE DEL CAVOLO.MA VA A FATTI FOTTERE

    Perchè siamo tutti cattolici?

    I palermitani ed in particolare i quaradue dipendenti dell opera pia cardinale Ruffini e famiglie si aspettavano dall omelia del Papa che annunci loro che si porti a Roma mons Lorefice perché dopo avere visto il video della iena che lo insegue e mons Lorefice travolto dall imbarazzo e incapace di farfugliare una qualsiasi giustificazione al suo operato preferiscono rimanere a soffrire dignitosamente da soli almeno loro una dignità la hanno

    Cosa dice il papa mi lascia indifferente puo’ dire cosa crede.

    Ma a proposito di solidarietà ma tu lo hai guardato il video delle iene che inseguono mons Lorefice chiedendo una soluzione per i quarantadue licenziati dell opera pia cardinale Ruffini e famiglie? Guardalo e poi cerca di giudicare la carità cristiana e la sodlalita di mons Lorefice

    sinistra lo scriva minuscolo che è meglio, per quello che ha combinato al Paese!

    Sempre con questo discorso dei migranti ….e basta !! Ma una parola per gli Italiani non la spendiamo mai.

    non lo prenderanno il posto dei nostri figli…….. non ci riuscirete maiiiiii !!!

    Parliamo di tutto…tranne che degli Italiani mi raccomando !!

    Ci faccia sapere quando apre la sua di porta di casa….mi pare che sia ancora chiusa !!

    Veramente si parla sempre e ossessivamente degli italiani: “prima gli italiani”, prodotti italiani, giocatori italiani…avete stufato con sto insopportabile nazionalismo da operetta! e con questa insopportabile ossessione contro gli stranieri.

    la palma d’oro va a quel genio che scrive “il mio papa è benedetto”. ma se non vi vanno bene papa e vescovi e vangelo, perchè non vi create una vostra chiesa, fate lo scisma, vi fate la vostra chiesa, il vostro papa, vi prendete socci, magdi cristiano allam, padre livio e qualche altro, e vi fate la vostra religione personale. nessuno sentirà la vostra mancanza.
    ps: sono laico ma stimo tantissimo Papa Francesco e monsignor Lorefice.

    Potrebbe dare la sua benedizione a tutti i bambini palermitani che sono nati da quando la Corte costituzionale ha dichiarato illegittima la legge 40 sulla fecondazione assistita

    giuseppe vai a zelig

    Ma non lo capite che scrive queste cose per fare arrabbiare la gente?
    Può essere mai che uno scriva che la priorità va data ai rom?
    Lo fa di proposito per essere subissato di pollici versi, contento lui …

    e allora hai problemi se i il mio PAPA ERA BENEDETTO?E’ REATAO SE LO E’ TANTO PIACERE E TANTI SALUTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *