"Vade retro, Satana", e le palpava | Esorcista arrestato per molestie - Live Sicilia

“Vade retro, Satana”, e le palpava | Esorcista arrestato per molestie

Padre Salvatore Anello accusato di violenza sessuale. Arrestato anche un colonnello dell'esercito: "Sarà sospeso".

palermo
di
20 Commenti Condividi

PALERMO – Convinte di essere “ripossedute” e di dover essere liberate dal demonio. Un meccanismo che avrebbe innescato abusi e pressioni psicologiche ai danni di quattro donne, tra cui tre minorenni. La polizia ha arrestato padre Salvatore Anello, sacerdote noto a Palermo come guaritore ed esorcista. L’accusa è di violenza sessuale. Gli agenti di polizia giudiziaria in servizio alla Procura dei minori lo hanno fermato nel convento dei Cappuccini. Il sacerdote, 59 anni, è cappellano all’ospedale Civico. Il prete avrebbe palpeggiato due donne e tre minorenni che si erano rivolte a lui per essere aiutate.

In arresto anche un ufficiale dell’esercito, il colonnello Salvatore Muratore, 59 anni. Faceva parte di un gruppo di preghiera molto attivo e spacciandosi per guaritore esorcista aveva convinto le donne di essere possedute dal demonio, costringendole ad avere rapporti sessuali con “preghiere di liberazione”. Le indagini coordinate dal procuratore aggiunto Salvatore De Luca e dal sostituto procuratore Giorgia Righi sono partite dopo la denuncia delle due minorenni e della madre, che hanno raccontato gli abusi subiti da Muratore.

Sarebbe riuscito ad influenzare le vittime al punto da allontanare qualunque loro perplessità. Quando mostravano dubbi o tentennamenti diceva “che era il diavolo che parlava e che lui invocava il demone della lussuria”. Le indagini hanno accertato che Muratore era in stretto contatto con padre Anello: quest’ultimo celebrava una “preghiera di guarigione” nel suo studio – palpando le donne nelle parti intime – ogni volta che chiedevano il suo aiuto. Gli investigatori sono ancora al lavoro per individuare altre eventuali vittime delle violenze sessuali .

Nel frattempo “l’Esercito ha già avviato tutte le procedure per l’immediata sospensione dal servizio del colonnello Salvatore Muratore”. Lo rende noto la stessa Forza armata confermando “la massima collaborazione con gli organi inquirenti ed esprimendo profondo sdegno e condanna nei riguardi dei gravi eventi accaduti”. L’Esercito, inoltre, “ribadisce il pieno rigore nel perseguire i comportamenti che, violando la dignità umana, non rispettano i principi e i valori su cui si fonda l’Istituzione e screditano tutti i soldati che, invece, con onestà e professionalità, quotidianamente svolgono il proprio devoto servizio alla Nazione, in Italia e all’estero, anche a rischio della propria vita”.

La nota di Rinnovamento

Con riferimento ai fatti di cronaca di Palermo, “il padre cappuccino Salvatore Anello e il colonnello dell’Esercito Salvatore Muratore non sono mai stati animatori del nostro Movimento, né hanno mai assunto incarichi di responsabilità a qualsiasi titolo”. Lo precisa in una nota il Rinnovamento Nello Spirito. “Specifichiamo che, al contrario di quanto indicato dagli organi di stampa e/o dichiarato dagli stessi interessati, sia il Padre Anello, che il sig. Muratore, non hanno mai fatto richiesta di adesione al Rinnovamento né sono o sono stati annoverati tra i nostri aderenti, pur avendo potuto partecipare – riferisce la nota – a nostri incontri che, come noto, sono pubblici e aperti alla partecipazione di coloro che desiderano farlo, credenti e non credenti”. Il movimento ecclesiale annuncia: “Nel caso in cui si continui a menzionare il Rinnovamento nello Spirito ci vedremo costretti alla tutela del nostro buon nome, nei modi e nelle sedi opportune”. RnS è un movimento ecclesiale che in Italia conta più di 200mila aderenti, raggruppati in oltre 1.900 gruppi e comunità.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

20 Commenti Condividi

Commenti

    in quei momenti il prete era in trance, comunicava con il diavolo per liberare le donne dal maligno, è possibile che le sue mani erano manovrate dal diavolo!!!!!!!!!!!!!

    Per alcune persone il Medioevo non si è mai concluso.

    Cosa che mi stupisce è che come mai la “CHIESA” in questo caso non ha insabbiato tutto come ha fatto in passato..soltando trasferendo il prete in qualche altra città.????

    La verità? Il Diavolo è tra noi e purtroppo si traveste da prete e agnello!
    Si nasconde nelle chiese e molesta i bambini e i più indifesi.
    Maledetti.

    questi cappuccini sono discoli, d’altronde sotto la tonaca sono come noi!!!!!!!!!!!!!!!

    Vuoi dire che durante il contatto prete/diavolo il prete soccombeva al potere supremo del diavolo?
    Se è così era proprio un esorcista del c…o!
    All’Ucciardone verrà messo alla prova con ben altri esercizi spiritici!

    8Xmille. Vadano a curarsi, con tutti i soldi che ogni anno lo stato versa al vaticano, piuttosto che per gli ospedali.

    E come si suol dire……non ce’ piu’ ………religione.Saluti.

    “va de retro satana!”
    Non so perchè ma questa frase mi preoccupa un pò.

    Purtroppo avevano letteralmente il diavolo in corpo………..

    L’Apost. Paolo: 1Timoteo 3: 1 Certa è quest’affermazione: se uno aspira all’incarico di VESCOVO (Pastore o Sacerdote), desidera un’attività lodevole. 2 Bisogna dunque che il vescovo sia irreprensibile, MARITO di una sola MOGLIE, sobrio, prudente, dignitoso, ospitale, capace di insegnare, 3 non dedito al vino né violento, ma sia mite, non litigioso, non attaccato al denaro, 4 che governi bene LA PROPRIA FAMIGLIA e tenga i figli sottomessi e pienamente rispettosi 5 (perché se uno non sa governare la propria famiglia, come potrà aver cura della chiesa di Dio?), 6 che non sia convertito di recente, affinché non diventi presuntuoso e cada nella condanna inflitta al diavolo. 7 Bisogna inoltre che abbia una buona testimonianza da quelli di fuori, perché non cada in discredito e nel laccio del diavolo. “PAROLA DI DIO”

    IL CELIBATO OBBLIGATORIO DEI SACERDOTI NON E’ BIBBLICO, E’ STATO INTRODOTTO DALLA CHIESA CATTOLICA ROMANA NEL 1074, gli apostoli erano tutti SPOSATI, fuorché Giovanni e Paolo MA PER LORO SCELTA.
    DIO E’ AMORE E HA ISTITUITO LA FAMIGLIA.

    “U’ pilu è pilu” e “cù futti futti Diu pidduna a tutti”.

    VADE RETRO CHIESA! Tenete lontano i bambini e i vostri cari dalle chiese.

    Mandateli nelle sedi di partito o alle parate gay …Non fare di TUTTA L’ ERBA UN FASCIO ..un prete falso arrestato Bene!!! 1000 o 10.000 che sono santi che fanno tanto bene!!!

    Come in Liguria anche in Sicilia volevano “gustare la natura di Dio”!…a 600-700 euro a prestazione …magari con l’8 per mille degli onesti contribuenti! Anche questa è l’Italia purtroppo…di creduloni!!!!!

    … e chi l’ha creato il diavolo?
    ah già… era un angioletto fantastico, poi si è imbizzarrito…

    L’idea che esista del demonio è una delle tante, assurde contraddizioni della religione cattolica.

    Da un lato potrebbe giustificare la crudeltà e la cattiveria presenti nel mondo, che sarebbero dovuti al demonio e non al creatore, dall’altra parte ‘sto demonio chi l’ha creato, se non il creatore?

    Se sui neocatecumeni che mi dite che movimento e’. In sicilia e’ presente dove come si ac
    cede

    FRANCESCO,……..PUO’ DARSI, ………MA NO, CON I BAMBINI……
    CASTRAZIONE CHIMICA PER I MALATI MENTALI…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.