Tutti in fila dalla baby squillo| Scoperta una rete segreta di clienti - Live Sicilia

Tutti in fila dalla baby squillo| Scoperta una rete segreta di clienti

Nel telefono dell'uomo arrestato ci sono i numeri di tanti professionisti.

5 Commenti Condividi

PALERMO – Una rete di contatti sterminata. Una miriade di numeri visibili e alcuni volutamente nascosti. Spunta la rete segreta dei clienti della baby squillo palermitana. Gli inquirenti sono certi che Dario Nicolicchia, arrestato con l’accusa di avere fatto prostituire la ragazza di sedici anni, fosse il gestore, a giudicare dai numeri, di un supermarket del sesso. Un supermercato che annoverava fra i suoi clienti insospettabili e danarosi professionisti.

Nel corso dell’interrogatorio di ieri davanti al Giudice per le indagini preliminari Lorenzo Matassa e al pubblico ministero Claudio Camilleri, Nicolicchia ha confessato di avere organizzato una serie di incontri sessuali, ha negato, però, di averlo fatto per soldi. Il suo e quello della ragazzina sarebbe stato un gioco hot per puro divertimento. La sua tesi non convince affatto. Nicolicchia è apparso spesso evasivo e a tratti in difficoltà d fronte alla domande del Gip.

Una valanga di numeri sono rimasti impressi sul suo cellulare. Non quello che usava per la quotidianità, ma una linea dedicata. L’uomo ha ammesso di avere fatto incontrare gli intestatari delle utenze due, tre volte al massimo con Naomi (così si faceva chiamare la minorenne). I conti non tornano: gli agenti della Squadra mobile hanno accertato che per alcune utenze ci sono numeri ben diversi: 400, 328, 205, 90, 43 e così via in una classifica ancora in via di aggiornamento. La contestazione è presto fatta: 400 contatti è un numero ingiustificato per organizzare due o tre incontri. Sarebbe la prova che il giro era molto più ampio.

Non è tutto: alcuni contatti sono protetti dall’anonimato e non perché il mittente avesse voluto così, attivando una banale funzione nel telefono. Piuttosto è stato il destinatario, Nicolicchia, a registrare la sua utenza su una piattaforma, a pagamento, che serve a filtrare messaggi e chiamate per blindare i numeri da cui partono. Su questi due punti Nicolicchia ha negato l’evidenza. Poi, dopo essere scoppiato in lacrime, ha approntato risposte evasive. Finora sono stati individuati sei numeri protetti, al quale, ecco l’ipotesi investigativa, Nicolicchia avrebbe garantito, su richiesta, il top della riservatezza. Chi sono? Forse gli avvocati a cui ha fatto riferimento l’uomo durante l’interrogatorio, citandoli volutamente al plurale?

Sembra, dunque, che del giro facevano parte molti più clienti dei quaranta di cui finora ha parlato la ragazza. Per scovarli si parte dai mille e più contatti registrati sul telefonino di Nicolicchia che da sei giorni è rinchiuso in carcere.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    Più di mille clienti? Povera ragazza ma perchè non ha denunciato subito?

    Perchè gli esseri umani se non pescano nel torbido non sono contenti? come si fa a sfruttare ragazzine innocenti per pochi euro? Chi sono quelli che ci vanno? Dovrebbero andare in carcere e non uscire più.

    non conprendo come mai in casi del genere le COLPE sono a SENSO UNICO solo degli uomini, non avete mai pensato che le Colpe o la Ragione possa stare in Mezzo?

    Se non fosse che una donna, o un bambino una bambina, un animale, una persona che per quanto forte nella vita, in anzianità diventa vulnerabile, allora non ci sarebbe il reato… cosa c’è da stupirsi se sta ragazzina non aveva capacità di denunciare subito?
    Stiamo crescendo in un mondo eccessivamente permissivo su altri fronti, troppo volgare, troppo diseducativo e promotore dell’ignoranza e della cattiveria sul prossimo.
    Sono felice che sia venuta fuori questa orrida storia di abuso su una persona. E continuerò sempre, ogni giorno, a denunciare e segnalare tutto il marcio, il losco, il doppiogiochismo che per ora si trova ovunque.
    Come si suole dire: u megghiu avi a rugna.

    Ma cosa scrive, quali sono le colpe di questa minorenne, persona immatura accompagnata da questo individuo squallido e alla merce di gente che pensa con i soldi di poter comprare tutto..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *