Bar Mazzara, il mercoledì nero di via Magliocco | "Addio a un pezzo di storia di Palermo" - Live Sicilia

Bar Mazzara, il mercoledì nero di via Magliocco | “Addio a un pezzo di storia di Palermo”

Il giorno dopo la notizia dell'avvio della procedura di licenziamento collettivo per i 32 dipendenti dello storico caffè del centro, c'è sconforto tra i dipendenti e i clienti abituali. Il titolare: "Calo di incassi inesorabile, chiudere è stata una decisione sofferta per tutti noi".

PALERMO - IL REPORTAGE
di
4 Commenti Condividi

PALERMO – Sguardi mesti, silenzio, rabbia. In via Magliocco, dopo la notizia della chiusura del bar Mazzara e il licenziamento di 32 dipendenti, nonostante il sole dei primi giorni d’aprile, è calato il gelo. Il volto della città cambia, si trasforma con una Palermo che, tra chi lascia per stanchezza e chi si arrende ai morsi della crisi, continua a spogliarsi di pezzi di storia.

“Sono nato e cresciuto di fronte questo bar – dice Giuseppe, un anziano e distinto signore che abita nel salotto di Palermo –. Da ragazzino scendevo in questa piazzetta a giocare e tra i tavolini del bar Mazzara vedevo spesso seduto, in disparte, un tipo ‘stravagante’ intento a scrivere. Quell’uomo era Giuseppe Tomasi di Lampedusa, che tra un caffè e una bibita fresca scriveva il suo Gattopardo”. E il ricordo dello scrittore del capolavoro letterario siciliano è gelosamente custodito all’interno del bar, rivive attraverso una lapide che ne ricorda il passaggio tra quelle sale. “Oltre un secolo di tradizione e lustro gettato nella pattumiera – aggiunge l’anziano avventore -. Venire qui ogni mattina è un rito, è casa mia. Non riesco a credere che sul bar Mazzara – pone l’accento e scandisce per bene le sillbee – calerà il sipario”. Lo storico caffè palermitano può fregiarsi di tante presenze importanti, dal principe Raimondo Lanza di Trabia a importanti capi di stato come Saragat, Pertini, Cossiga, Ciampi), attori famosi come Marcello Mastroianni, Nino Manfredi e Alberto Sordi.

Trentadue i lavoratori che fino a due giorni fa non sapevano della chiusura di Mazzara e dell’avvio delle procedure del loro licenziamento. Trentadue famiglie che, da un giorno all’altro, si ritroveranno senza lavoro. Il servizio ai clienti, nonostante la preoccupazione e l’incertezza, continua anche in questo giorno triste. “Lavoreremo finché ce lo permetteranno – dice uno dei dipendenti dietro il bancone mentre porge dei dolcini ai clienti, poi si lascia un po’ andare alla malinconia -. Che peccato …”. L’annuncio è stato dato lunedì sera nel corso di un’assemblea con i lavoratori convocata da Giuseppe Glorioso, amministratore unico della Arabea srl: “L’azienda rimarrà aperta fino alla fine del mese – spiegano dal bar Mazzara – poi, a meno che non si prospetti una cessione del ramo d’azienda o il subentro di un nuovo socio, scatteranno i licenziamenti. E’ legge di mercato, il calo di incassi è stato inesorabile, ma si tratta di una decisione sofferta, che ‘mangia’ il cuore di tutti noi”.

Tra i passanti di via Magliocco e via Ruggero Settimo, così come in piazza Ungheria e in via Mariano Stabile, emerge delusione ma soprattutto stupore per la chiusura di “uno dei bar storici della città”. Un sentimento comune, accompagnato dal dispiacere dei commercianti vicini e di quanti, soprattutto delle generazioni passate, erano soliti fare quattro passi in piazza “per sorseggiare un caffè in armonia – dice la signora Maria -. Mi piace fare una pausa durante lo shopping e fermarmi qui per leggere il giornale comprato nell’edicola vicina”. “Per noi è un brutto colpo – dice Giacomo, titolare dell’edicola di piazza Ungheria –. E’ un periodo drammatico, il mese scorso ha chiuso il Bistrot sotto i portici, qualche anno fa è toccato alla Botteguccia, uno dei negozi di abbigliamento più antichi di Palermo e, lasciatemi dire, non si è fatto nulla per rilanciare questa piazza un tempo salotto cittadino e, oggi, ricettacolo di sporcizia e degrado”.

C’è anche chi azzarda un confronto tra la moria delle attività storiche e l’apertura di sempre più grandi centri commerciali. In questi giorni in città si parla tanto dell’annuncio di Ikea che vorrebbe sbarcare a Palermo in un’area individuata a Brancaccio, a pochi passi dai centri commerciali Forum e Leroy Merlin. “Si stanno prodigando per realizzare la metro dalla stazione al centro commerciale – interviene Massimo, intento a comprare il giornale -. Mi viene un po’ da ridere se penso che in questi anni non hanno alzato un dito per collegare il centro di Palermo alle periferie. Eppure il cuore della città è questo, risiede in queste strade, in questa piazza. Come mai non c’è una stazione della metro in centro?”. E così dopo lo smarrimento iniziale per una notizia che arriva “come un fulmine al ciel sereno” il pensiero dei passanti vola ai trentadue lavoratori “che non hanno nessuna prospettiva dinanzi a loro – prosegue -. Il mercato del lavoro è già off limits per i giovani, figuriamoci per gli ultra cinquantenni. Provo un’immensa tristezza sia per le famiglie che per il signor Glorioso, lo conosco da moltissimo tempo e questo bar è tutta la sua vita”.

Prima di andare via ecco arrivare due turisti milanesi. “Abbiamo chiesto in giro una pasticceria tipica del luogo – dicono – e nessuno ha avuto dubbi ‘Andate al bar Mazzara’ ci hanno detto. E in effetti i prodotti sono buonissimi, abbiamo gustato – su consiglio degli impiegati – la famosa ‘panna di Mazzara’, una vera delizia. Ci dispiace apprendere che fra qualche settimana questo bar, in una poszione bellissima di Palermo, chiuderà”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Visto come tengono i bagni……

    Spero vivamente che possa giungere un nuovo socio .x far si che rimanga impedì questo pezzo di storia ..Non si vive di solo forum .

    Alcuni mesi fa, sempre nel pieno della crisi, ricordo che trovandomi in centro, vidi dei cartelli appesi sulle saracinesche del bar Mazzara. I dipendenti scioperavano, se non ricordo male, per il mancato versamento nei tempi della quattordicesima. O comunque una motivazione simile.
    Ora, che gli stipendi vadano pagati è fuori discussione, ma SE IN UN PERIODO DI PIENA CRISI, hai un datore di lavoro che ti corrisponde lo stipendio, e soprattutto HAI UN LAVORO, dovresti far di tutto per tenertelo, e fare in modo che la proprietà non vada in difficoltà. Fallimenti pilotati da imprenditori farabutti ne abbiamo visti, ma che a Palermo ci sia un concetto di LAVORO e di senso del dovere spesso ai limiti del risibile, è fuori discussione. Io imprenditore, se mi ritrovassi con una serie infinita di serpi in seno, sarei tentato di mandare tutti a quel paese.

    Caro Giginho,se invece al posto di quei lavoratori ti ci trovassi tù forse faresti la stessa identica cosa pur di avere le tue spettanze! MAI DIRE MAI!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *